Traduttore: V. Dridso
Editore: Einaudi
Collana: Saggi
Anno edizione: 1984
In commercio dal: 1 gennaio 1997
Pagine: VIII-267 p., ill.
  • EAN: 9788806573805
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 14,93

€ 17,56

Risparmi € 2,63 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Salvatore Palma

    04/01/2012 08:55:21

    Gregorij Rasputin ha influenzato la vita politica della Russia nella prima parte del Novecento soprattutto per il condizionamento che riusciva a esercitare a corte e presso la zarina Alessandra. Contadino, e poi monaco, rozzo e semianalfabeta riuscì ad "imporsi" per le sue doti (presunte o reali) di guaritore e di veggente. Attraverso una trattazione rigorosa e ben documentata, Amal'rick ne ricostruisce il ruolo e la figura che appare stravagante, eccentrica, un po' sinistra e di difficile classificazione. Una interpretazione storica eccessivamente difensiva e una lettura interessante ma non entusiasmante anche per la pletora di personaggi che vi compaiono.

Scrivi una recensione

Forse nessun personaggio della storia russa è avvolto da una così densa nube di miti, leggende e menzogne come il "diavolo santo", il fatale amico dell'ultima famiglia imperiale: Gregorij Rasputin. Contadino semianalfabeta e consigliere dello zar, profeta veggente, religioso ma al contempo "corruttore di anime e corpi", egli fu al centro di scandali clamorosi che coinvolsero la famiglia imperiale e fu oggetto di perfide calunnie montate da nemici rivoluzionari e conservatori. Per i costituzional-democratici e per i bolscevichi, Rasputin era uno strumento utile per screditare l'intero regime, mirandone la base ultima, la fede contadina di uno zar che si proclamava difensore dei poveri. Per i monarchici di estrema destra egli incarnava le velleità liberali dell'impero e ostacolava l'instaurazione in Russia di una monarchia forte. Il libro è la cronaca avvincente, raccontata con stile narrativo a metà sttrada fra il romanzo storico e una brillante monografia, di una storia che vede che vede uniti la vita di un uomo e il destino di un impero ormai segnato e prossimo alla fine. Da una parte il misticismo demoniaco e stravagante di Rasputin con il quale egli influenzava le scelte politiche dello zar e concupiva le donne per "sottrarle al peccato e alla colpa". Dall'altra l'inutile e goffa riscossa al potere di ministri incompetenti, gli ultimi scatti della classe aristocratica prima dell'imminente tragedia, la sottile perfidia e il fiacco fatalismo di Nicola II. Una galleria di personaggi e una spirale di episodi che Amal'rik, in quet'opera tragicamente incompiuta, riporta alla luce insieme ad aspetti della rivoluzione russa ancora poco studiati -non ultimo il suo carattere religioso- per scandagliare, con paziente ricerca, la vita di una delle figure più enigmantiche della storia russa e le ragioni che hanno contribuito alla trasformazione della società, alla nascita di una nuova religione totalitaria.