A sangue freddo

Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: La Tempesta
Data di pubblicazione: 23 ottobre 2009
  • EAN: 3259130002089
Disponibile anche in altri formati:

€ 17,50

Venduto e spedito da IBS

18 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
Descrizione

A sangue freddo. Non è solo ilsecondo disco di una delle bandmeglio accolte da critica epubblico negli anni zero. A SangueFreddo è un disco denso di contenuti e"politico" come non mai, perché IlTeatro degli Orrori mette in scenala tragedia di Ken Saro Wiwa, cosìcome lo sgomento di un paese, ilnostro, alla deriva. La violenzapoliziesca, il populismo straccione,l'egotismo analfabeta dell'Italiacontemporanea (Il Terzo Mondo,Alt, Mai Dire Mai)Denso di emozioni e di unintimismo che indaga la vita dellepersone, guardando a miserie eipocrisie quotidiane con crudeleiperrealismo (E’ Colpa Mia).Denso di cultura. PerchèPierpaolo (cantante, front mandevastante dal vivo) innesta nelfurore sonico della band le suepassioni letterarie. E così i testi diventano l’anellonon più mancante che congiungeanni di cultura del cantautoratocon il rock più intransigente evero del belpaese.

Disco 1
  • 1 A Sangue Freddo
  • 2 Due
  • 3 A Sangue Freddo
  • 4 Mai Dire Mai
  • 5 Direzioni Diverse
  • 6 Il Terzo Mondo
  • 7 Padre Nostro
  • 8 Majakovskij
  • 9 Alt!
  • 10 E' Colpa Mia
  • 11 La Vita E' Breve
  • 12 Die Zeit

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Gax

    14/06/2010 09:47:45

    un disco bellissimo, con un paio di canzoni che entrano di diritto nella storia della musica. molti dicono che sono troppo simili agli Afterhours, non è vero, è come dire che gli Yes erano simili ai Genesisi o algi EL&P solo perchè facevano prog. un disco immediato e raffinato allo stesso tempo.

  • User Icon

    benny munro

    09/12/2009 10:13:47

    Già il primo disco (Dell'impero delle tenebre) era stato un'esplosione, un muro sonico rock farcito dalle declamazioni dell'istrionico Pierpaolo Capovilla: una bomba, sarcastico e ironico, poetico e sincero. Ripetersi era difficile, ma questo disco è all'altezza e non solo: a parer mio è ancora migliore. A livello musicale è più elaborato, con l'innesto di strumenti classici ed elettronici, nuovi arrangiamenti e il solito, esaltante muro sonico in molti brani. I testi sono importanti, profondi, amari. Un disco pieno di furore e di amore, dove l'intimità si incontra e scontra con il fuori, l'Italia triste, desolante e cupa che ci tocca sopportare con crescente fatica, insofferenza e voglia di cambiare. Disco pesante, necessario, imperdibile!

Scrivi una recensione