Lo scaffale infinito. Storie di uomini pazzi per i libri

Andrea Kerbaker

Editore: TEA
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
In commercio dal: 21 maggio 2015
Pagine: 260 p., Brossura
  • EAN: 9788850238781
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
"Fondare biblioteche" diceva Marguerite Yourcenar "è ancora un po' come costruire granai pubblici: ammassare riserve contro l'inverno dello spirito". Da sempre, ogni biblioteca è un baluardo alla decadenza, un simbolo concreto con cui opporsi alla volgarità del presente. "Lo scaffale infinito" è un racconto che si snoda su un arco di oltre sei secoli, tra collezionisti, volumi e biblioteche di tutto il mondo. È un viaggio che annulla i confini di tempo e spazio: dall'umanesimo toscano al mondo globalizzato del terzo millennio, attraverso l'Europa rinascimentale e la Russia degli zar, gli Stati Uniti dell'esplosiva crescita economica di fine Ottocento e la sciagurata parentesi nazista. Incontriamo figure immense della storia letteraria, come Francesco Petrarca, con la sua straordinaria collezione di manoscritti e l'amore smisurato per Virgilio; personaggi più oscuri ma non meno importanti, come Hernando Colon, figlio illegittimo di Cristoforo Colombo, e Monaldo Leopardi, padre non amato di Giacomo; potenti cardinali come Federigo Borromeo e Mazarino, industriali dalle ricchezze favolose e attori squattrinati, come i primi stampatori di Shakespeare, inconsapevoli dell'eredità che avrebbero lasciato al mondo. A chiudere il cerchio, vero e proprio nume tutelare dell'amore per i libri, Umberto Eco, emblema di eclettismo ed esempio concreto dell'utopica "biblioteca universale" di cui favoleggiava Borges.

€ 9,35

€ 11,00

Risparmi € 1,65 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    luca bidoli

    04/07/2015 19:32:50

    Da modesto bibliofilo, appena ho aperto questo libro, mi sono detto: qui sono a casa. L'ho divorato in una sera; mi ha fatto degna compagnia, tra i quasi diecimila che credo di possedere, mentre in realtà loro possiedono me, tanto che mio fratello, l'altra sera, ha commentato: " Tu vivi in una biblioteca con annessa cucina e bagno". Come si vede, quando si parla di libri, un po' autobiografici lo si è sempre. Da bambino volevo fare l'editore, più modestamente, nel corso della mia vita, ho preferito contribuire un poco al loro non dico benessere, almeno esistenza. Questo libro piacerà a coloro che i libri li amano, ma potrebbe essere anche un non banale approccio per chi è stanco solo di annusarli o di percepirli come oggetti stranieri. Vi è molta felicità ancora possibile, tra le vecchie pagine di carta.

  • User Icon

    diablero

    01/05/2013 16:14:44

    l'idea del libro non è male, le informazioni ci sono..peccato che invece di un saggio rigoroso sia un esercizio di egocentrismo dell'autore che ogni due pagine deve dirti che lui è ricco, ha la moglie inglese, i figli intelligenti, gli amici altolocati, i bisnonni universitari e solo lui ci capisce di libri e tutti lo vogliono..alla fine ciò che più interessa, cioè la storia del collezionismo librario e del suo impatto sulla cultura si perde un po' in questo esercizio di vanità..

  • User Icon

    Massimo Gatta

    08/03/2013 19:20:47

    Un eccellente ed intelligente modo per scrivere di libri e della passione di raccoglierli, leggendoli e amandoli. Scrivere di libri e di lettura è un'arte complessa, scivolosa, di cui fortunatamente Kerbaker possiede la ricetta perchè è da molti anni che comunica queste due passioni in maniera insieme leggera e profonda. Tanto di cappello e ottima lettura a tutti.

Scrivi una recensione