-15%
Lo schiavo del manoscritto - Amitav Ghosh - copertina

Lo schiavo del manoscritto

Amitav Ghosh

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Anna Nadotti
Editore: Neri Pozza
Collana: Biblioteca
Anno edizione: 2009
In commercio dal: 3 settembre 2009
Pagine: 405 p., Brossura
  • EAN: 9788854502246
Salvato in 15 liste dei desideri

€ 10,62

€ 12,50
(-15%)

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Lo schiavo del manoscritto

Amitav Ghosh

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Lo schiavo del manoscritto

Amitav Ghosh

€ 12,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Lo schiavo del manoscritto

Amitav Ghosh

€ 12,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nell'estate del 1148 d.C. Khalaf ibn Ishaq, mercante in Palestina, scrive una lettera all'amico ebreo Abraham Ben Yijù, che viveva allora in una città di nome Mangalore, un porto sulla costa sudoccidentale dell'India. Parla di alcune merci inviategli da Ben Yijù, un carico di noci d'areca, due serrature prodotte in India, due coppe d'ottone, e annuncia all'amico che insieme con la lettera gli manderà alcuni doni: due vasi di zucchero, un vaso di mandorle e due di uvetta. Alla fine della missiva, Khalaf ibn Ishaq nomina quasi di sfuggita uno schiavo indiano di Ben Yijù al quale raccomanda di porgere «moltissimi ringraziamenti». La lettera è catalogata come manoscritto H.6 alla Biblioteca Nazionale e Universitaria di Gerusalemme. Attraversando i sottili confini che separano il presente dal passato, con in mano soltanto il frammento di questa lettera, Amitav Ghosh si mette alla ricerca dello schiavo indiano che vi è nominato, una figura che gli appare come una chiave per intendere e raccontare una Storia fatta di tante storie, diaspore e guerre, tradizioni e incontri, rotture e sparizioni. Centro della vicenda sono due villaggi egiziani, luoghi di uno straordinario apprendistato linguistico e umano, e punti di partenza per una lunga indagine.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,75
di 5
Totale 4
5
1
4
1
3
2
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Erika Vecchietti

    26/11/2019 10:56:03

    Un intreccio non facile tra una ricerca d'archivio, sulle tracce dello schiavo indiano di un mercante ebreo del XII secolo vissuto per un periodo nel centro portuale di Mangalore, e i ricordi dell'autore, che nel condurre la ricerca entra in contatto con il mondo dei fellaheen del delta del Nilo in due soggiorni, dagli anni Ottanta alla vigilia della Guerra del Golfo. Stridente il contrasto tra il ricco passato multiculturale dei territori "ponte" tra Mediterraneo e Oceano Indiano e il presente, in cui l'unica via di riscatto dalla povertà dei fellaheen è quella di cercare lavoro nei Paesi del Golfo, dove i soldi si guadagnano al prezzo di fatica ed emarginazione. Un libro interessante, a tratti faticoso, sicuramente insolito quanto trovare un indiano in Egitto negli anni Ottanta del secolo scorso.

  • User Icon

    Rigus68

    15/04/2018 06:51:37

    L’autore doveva avere un classificatore pieno di fotocopie e di appunti di ricerche su queste evanescenti tracce ritrovate su frammenti di lettere e documenti custoditi nella Geniza (magazzino, poi biblioteca annessa a una sinagoga) del Cairo. Non si può però ricostruire una vera e credibile storia basandosi su documenti praticamente inesistenti. Infatti non c’è storia dello schiavo del manoscritto H.6 e non ci potrebbe essere. Gosh gira mezzo mondo per scoprire che forse il suo nome era Bammo, o Bomma, magari una corruzione del nome Brahma. Un po’ poco per creare una storia. La vera valenza di questo racconto (non romanzo, ma affresco sociologico) è la narrazione, sull’arco di vent’anni (fino al 1988) degli eventi occorsi all’autore durante la sua permanenza nei villaggi egiziani di Lataifa e di Nashawy e di come questi poveri agricoltori, una volta quasi schiavi della gleba, si siano evoluti e le loro catapecchie trasformate in case in mattoni (da case in adobe e tetti di paglia) ben più vivibili e accessoriate. E questo, curiosamente, grazie alla guerra Iran-Iraq della fine degli anni settanta. Per mancanza di mano d’opera, decine di migliaia di fellah erano emigrati in Iraq per sostituire gli uomini in guerra. I buoni salari e le rimesse degli emigranti avevano prodotto quella straordinaria trasformazione dei poveri villaggi del delta del Nilo (in prossimità di Alessandria). Con un forte prezzo da pagare: alla fine della guerra, i poveri fellah erano stati scacciati dall’Iraq e perseguitati e perfino uccisi. Se accettate il fatto che questo non è un romanzo, lo potrete leggere e magari gustare.

  • User Icon

    Maurizio Ricci

    20/10/2010 18:57:20

    La descrizione sintetica proposta, seppur lucida, non lascia intendere lo spessore di questo racconto; l'esilità della trama è bilanciata dalla precisione e dall'efficacia della costruzione. Da assaporare

  • User Icon

    nihil

    12/05/2010 15:08:02

    Lo schiavo del manoscritto di Amitav Ghosh Pubblicizzato come un romanzo, si può dire che questo libro sia tutto tranne che un romanzo. Si potrebbe definire un trattato di antropologia sociale, una ricerca di archeologia medievale, un escursus etimologico. Ci vuole pazienza per arrivare in fondo, perdendosi nelle varie storie che riguardano l’autore e le poche pagine che parlano della schiavo del manoscritto. Come romanzo è una delusione, come libro di istruzione è ottimo, anche se è decisamente un testo per gli addetti ai lavori.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
  • Amitav Ghosh Cover

    Scrittore, giornalista e antropologo indiano. Ha studiato a Oxford e vive tra la sua città natale e New York. Considerato «uno dei più grandi scrittori indiani» (la Repubblica), è autore di numerosi libri di cui si citano: Il cerchio della ragione (Garzanti, 1986), Le linee d’ombra (Einaudi, 1990), I fantasmi della signora Gandhi (Einaudi, 1996). Per Neri Pozza ha pubblicato: Il paese delle maree (2005, 2015), Circostanze incendiarie (2006), Il palazzo degli specchi (2007), Il cromosoma Calcutta (2008), Mare di papaveri (2008, 2015), Il cromosoma Calcutta (2008), Lo schiavo del manoscritto (2009), Il fiume dell'oppio (2011), Diluvio di fuoco (2015), La grande cecità (2017), L'isola dei fucili (2019). Approfondisci
Note legali