Categorie

Gad Lerner

Editore: Feltrinelli
Collana: Serie bianca
Anno edizione: 2009
Pagine: 221 p. , ill. , Brossura
  • EAN: 9788807171789
I traslochi riservano sempre qualche sorpresa. Nel 2000, spostando l'Ambasciata italiana in Libano da un lugubre edificio-fortezza (ereditato dai tempi della guerra civile) a un elegante palazzo nel cuore della Beirut risorta, dovetti far pulizia dell'archivio. Fu lì che ritrovai per caso il certificato di nascita di Gad Lerner: Beirut, 7 dicembre 1954. Ne feci una copia per consegnargliela, a sorpresa, alla prima occasione di un mio ritorno in Italia. Ma quando incrociai Gad a una conferenza a Roma, non avevo il documento con me. Glielo spedii per posta: non giunse mai a destinazione, complici le Poste italiane.
Che sia stato questo smarrimento ad acuire in lui il desiderio di rintracciare i luoghi natali della sua famiglia? Mi piace pensarlo, anche se è un'ipotesi peregrina. La verità emerge dal suo libro, intenso e vivace, appena edito da Feltrinelli: Scintille. Una storia di anime vagabonde. Chi siano queste anime lo spiega fin dalle prime pagine. Sono "le anime strappate troppo bruscamente ai corpi – scrive rifacendosi alla Qabbalah. – Quando la separazione dal corpo avviene in circostanze ingiuste o dolorose, non sempre le anime raggiungono l'aldilà. Vere e proprie battaglie si scatenano talvolta sulla terra, dando luogo a inseguimenti e scontri". Quelle anime errano in un dantesco movimento rotatorio, chiamato gilgul in ebraico (stessa radice di Galùth, ossia la diaspora millenaria del popolo ebraico). Resta però la speranza – assicura un cabalista del Cinquecento – di "ricomporre le scintille custodite nell'anima di una persona". Ecco chiarito il titolo del libro. A dirla tutta, l'autore aveva scelto come titolo proprio Gilgul, finché il suo amico Carlo Feltrinelli l'ha convinto a optare per un meno criptico Scintille. Una storia di anime vagabonde.
Confessa Gad Lerner di essere lui stesso "coscritto fra le anime in eterno gilgul, nostalgiche di corpi e luoghi cui non faranno mai ritorno". Perciò, alla soglia dei cinquantacinque anni parte alla ricerca delle sue identità perdute, forse sospinto anche dal cocente ricordo di aver vissuto in Italia ben trent'anni quale apolide prima di ottenere il passaporto della Repubblica. Proprio così, tre decenni senza cittadinanza perché "il soprannominato Lerner Gad risulta militare nei ranghi di Lotta Continua" (immagino fosse più o meno questa la dicitura in uso allora). Un episodio di mala burocrazia, antesignano del leghismo odierno.
Le radici dell'autore sono duplici, est-europee da parte di padre e mediorientali da parte di madre. Deve quindi risalire entrambe le radici, se vuol tentare di "ricomporre le scintille". E comincia dal ramo paterno, askenazita dell'Est.
Per tre volte percorre i luoghi dove prosperarono le più folte comunità ebraiche del mondo, da Vilnius (la "Gerusalemme del Nord") giù giù fino a Boryslaw (la "sciagurata Boryslaw"), borgo minerario sperduto tra i Carpazi dove ritrova le case dei nonni paterni. Ma lungo quel meridiano ritrova anche lo scempio della Shoah – lager, cimiteri e più spesso fosse comuni – tutto malcelato tra foreste e praterie baltiche, polacche, bielorusse, ucraine. "Ho letto un'infinità di particolari macabri sulle secrezioni di questi sottoboschi impregnati, dove la terra delle fosse continuava a muoversi per giorni e a sprigionare vapori".
Con altrettanta trepidazione ("perché il Libano è mia madre") parte per Beirut, dove ritrova la casa della famiglia materna, rimasta fortunosamente illesa nel centro storico colpito dal fuoco incrociato della guerra civile. La ripercorre stanza per stanza e poi, nutrito di commozione, va fino all'Ospedale americano a cercare il suo certificato di nascita: senza successo. Allora si consola frequentando per qualche giorno la tout Beyrouth, la crema intellettuale, agiata e politicante di un "Paese reso ebbro dalla sua vitalità disperata e prorompente".
Ma il suo non è semplicemente il nostos, il ritorno di un'anima vagabonda: è anche un viaggio denso di motivazioni politiche. Da militante leale ai valori della sinistra accetta di guardare in faccia tutte le realtà, anche le più sgradevoli per un ebreo. Come i campi maledetti di Sabra e Chatila, fusi ora con la periferia sud di Beirut in un intrico di stradine senza identità. Ci va non una ma tre volte, per essere ben sicuro di poter scrivere queste due frasi terribili e coraggiose: "La sorte ha voluto mi recassi al cospetto delle fosse comuni di Chatila pochi giorni dopo aver deposto una pietra in ricordo dei miei familiari nella foresta sopra Boryslaw, e non sono riuscito a evitare una scivolosa associazione d'idee. Fra il massacro di Sabra e Chatila e la Aktion analoga che inaugurò lo sterminio dei 13.000 ebrei di Boryslaw intercorre un periodo molto breve".
Solo così trova la forza di proseguire verso sud, là dove spera – sotto scorta dei "caschi blu" italiani – di spaziare con lo sguardo fino alla terra d'Israele. Sono pagine emozionanti, come è emozionante per chiunque – ebreo o non – abbia percorso la strada lungo il tortuoso confine israelo-libanese, dal mare fino ai 2.800 metri del Monte Hermon. Io che ho ripetuto quel tragitto almeno dieci volte ne conservo una memoria visiva zeppa di fotogrammi mozzafiato. Sotto protezione dei militari italiani, l'autore compie anche due semplici riti funebri impostigli dalla sua amicizia con lo scrittore David Grossman e con Manuela Dviri, pacifista italo-israeliana. Accomunati dal destino di aver perso entrambi un figlio in azioni di guerra in Libano, hanno pregato Gad di recarsi nei luoghi dove sono caduti Uri e Yoni, deporvi una pietra e raccoglierne un'altra da consegnare alle famiglie. L'amico Gad fa di più: sceso nei punti esatti dove sono caduti i due giovani, si copre il capo e recita il Kaddish, l'orazione funebre ebraica che ha imparacchiato a leggere, laico impenitente com'è.
È dunque un libro intenso e vivace, che affastella a volte dettagli di poco conto tra pagine illuminanti. Al di là del "bisogno di attraversare confini proibiti per guardare dall'altra parte i luoghi della sua vita", l'autore depone un omaggio alle perdute "virtù del cosmopolitismo levantino". "In meno di cent'anni le città-mosaico del Mediterraneo hanno cambiato volto: a furia di trapianti, esodi, genocidi, pulizie etniche, la loro poliedrica ricchezza ha finito per essere schiacciata dall'innaturale omogeneità culturale che le immiserisce". E lo stesso vale per quell'Europa a cavallo del meridiano che scende dal Baltico fino al Mar Nero, passando dal distretto di Leopoli, dove i vecchi Lerner sono stati sudditi austroungarici, poi polacchi, sovietici e infine ucraini. "Il gioco dei passaporti ha perduto la sua leggerezza quando su di essi ha iniziato a gravare il peso dei nazionalismi" scrive l'autore. In effetti – aggiungo io – ricordi e cimeli della mia famiglia genovese narrano di una bisnonna nata a Odessa con cognome italiano, cittadinanza inglese e religione ortodossa. Fino alla Grande guerra mio bisnonno attraversava l'Europa in treno e il Mediterraneo su velieri commerciali di famiglia senza tante formalità; bastava talvolta un biglietto da visita.
In tempi di leghismo quella che Gad Lerner ci racconta mi pare una storia da meditare. E a forza di meditare mi sono chiesto: se è vero che anche le città hanno un'anima e che le anime di Leopoli, Vilnius, Odessa, Aleppo, Beirut, Alessandria furono separate dal loro "corpo" in modo ingiusto e doloroso, non staranno ora vagabondando per "ricomporre le scintille" e ritrovare la loro vera, fulgida identità?
Giuseppe Cassini

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lina Borghi

    21/05/2015 18.45.55

    Ho letto questo libro tutto d'un fiato; non conoscevo bene Gad Lerner, ora posso dire che in questo libro ne scopro tutta la sensibilità, l'intelligenza, la lucida tenacia della conoscenza della verità . Il libro a mio avviso è bellissimo (tanto per usare un superlativo come Tali) l'ho trovato appassionante anche nella tecnica narrativa secondo me efficace, tesa a mantenere sempre accesa la voglia di conoscere del lettore ( anche grazie a tutti i libri che l'autore cita dandone essenziali ragguagli- ed è ovvio che vorresti consultarli tutti..)grazie all'analisi dei conflitti personali a più livelli (familiari, politici) e all'umanità infinitamente dolorosa e poetica (quando parla di Bruno Shultz o del senso di vergogna rispetto al padre e alla nonna paterna) accanto al pensiero sempre acuto, razionale, sferzante. E' un libro che consiglio e regalerò, molto bello, ricco di elementi storici, interessante, scritto benissimo - compreso il finale che sembra un colpo di scena

  • User Icon

    Mara

    14/12/2012 14.10.44

    Trovo che, dal punto di vista del ritmo narrativo, nuoce al libro il continuo "va e vieni" tra luoghi e momenti diversi, sul filo dei diversi viaggi che Lerner ha fatto nei luoghi delle sue origini. Quanto ai contenuti, fa riflettere quanto abbia pesato nella psiche delle persone ebree e nei rapporti fra le generazioni la rimozione e il silenzio forzato su un passato "indicibile" come quello della Shoah. E come ci si debba sentire fragili davanti alla domanda "cosa sarebbe stato di me, se i miei genitori avessero vissuto in Ucraina anziché in Medio Oriente, e se poi non avessero deciso di venire a stare in Italia?".

  • User Icon

    Fabrizio Porro

    31/08/2012 00.48.18

    Gad Lerner si presenta come un personaggio multietnico e multirazziale per lanciare al mondo, attraverso la sua esperienza, una morale di sinistra (?) condivisibile. Decisamente un libro interessante.

  • User Icon

    Roberta

    21/06/2011 22.03.00

    Ho letto e amato questo libro scritto con intelligenza, serietà, acume, e pure con delle punte di ironia, meravigliosa forma di intelligenza per pochi. Se dovessi descrivere questo libro con una parola lo definirei CORAGGIOSO. Parlare della storia della propria famiglia che si intreccia con la Storia è capacità solo di pochi. Arrivare a parlare come ha fatto l'Autore, denudandosi davanti a tutti, di temi profondamente intimi e solo solo propri... beh, se questo non è coraggio. Credo sia anche derivante da una maturità consapevole di molte cose vissute, pensate ed elaborate, forse non proprio facilmente. Come spesso amo ricordare, è un piacere poter dire di essere compatrioti (perchè Lerner è un nostro compatriota) di questa Bella Persona. Il libro, a un certo putno, era talmente bello, affascinante ed interessante, che ho dovuto rallentare al minimo la mia velocità di lettura per farlo durare il più possibile. Scambiare due parole di persona con l'Autore poi, è la ciliegina sulla torta: affabile, per nulla spocchioso, alla mano, disponibile con tutti. Pacato, signore, elegante di una eleganza figlia di una Cultura importante ed antica. Tutto in linea e coerente con questo libro meraviglioso. Non perdetevelo.

  • User Icon

    camilla

    18/02/2010 08.45.33

    Quante verità nascoste nei nostri animi ha compreso gad lerner, distillando il suo pensiero fino a impensabile purezza. Durante Il lungo e a volte terribile viaggio in una storia che riguarda lui solo ma anche tutti gli altri esseri umani,Lerner compie una rivelazione . Ha capito, ha capito al di là di ogni (mia) immaginazione e lo ringrazio infinitamente. Non ha capito, forse, di essere un "giusto", proprio lui, il figlio del vero Lerner, il nipote della nonna paterna così ingombrante e, ora, liberata nella mente del nipote di ogni soma e, quindi di ogni insopportabile dolore. Credo che quando gad lerner avrà compreso di essere un "Giusto" perdonerà se stesso e anche il vero Lerner, così impacciato nella sua tela di ragno, quel maligno mostro razzista che opprime i predestinati e li perseguita senza fine.Un libro da avere e riprendere spesso , per pacificarsi.

  • User Icon

    Marco Tolotti

    12/02/2010 10.54.08

    Un bel libro scritto rispettando il grande acume di cui è dotato Gad Lerner. Questo, forse, non lo rende digeribile a tutti ma...è proprio qui che si rivela la bellezza del libro. Racconta posti ricchi di fascino, racconta tragedie che l'umanità ha il dovere di non dimenticare e...racconta di lui. Complimenti ancora a Gad Lerner

  • User Icon

    Luciano Stolfi

    27/01/2010 15.28.36

    Gran bel libro questo di Lerner. Di Lerner mi ricordo l'ormai storica e famosa trasmissione televisiva "Milano, Italia", ed ora eccoci qui a fare i conti con questo bellissimo libro. Questo è un libro della memoria, in cui Gad fa i conti con la propria famiglia, sia da parte di madre che da parte di padre. E' anche un libro di difficile lettura: si fa fatica a seguire i ragionamenti dell'autore, a seguire il filo del suo pensiero. Comunque è un libro intelligentissimo: nel mare magnum della letteratura italiana di questi ultimi anni, questo è davvero un bel libro, che fa riflettere e pensare. Complimenti a Gad Lerner e...al prossimo libro.

  • User Icon

    claudio

    24/12/2009 07.55.11

    Conoscevo Gad Lerner come giornalista, più televisivo che di quotidiani o settimanali. L'ho ascoltato di persona una volta a Verona e lo scorso settembre a Mantova al festival della Letteratura quando ha presentato Mendelsohn con il suo ultimo libro sui parenti scomparsi durante la Shoah. E lì aveva annunciato che anche lui stava seguendo una pista del genere e presto ne sarebbe uscito un libro. Ed eccolo, il libro sugli antenati di Lerner, sia da parte di padre, sia di madre. Ed ecco così i suoi viaggi alla ricerca: dal Libano all'Uceaina, passando per Israele. Lerner ha la forza di denunciare i rapporti con suo padre e sua madre, l'astio che aveva nei confronti della nonna paterna temperat dalla lettura -dopo che lei era morta da tempo- di un articolo di un giornale israeliano del 1961 in cui si magnificava il suo interesse per la salvezza degli ebrei. Un libro a volte amaro, ma con una grande speranza di fondo: la possibilità di convivere fra uomini di religioni diverse.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione