Salvato in 9 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
La scuola che vorrei
14,25 € 15,00 €
;
LIBRO
Dettagli Mostra info
La scuola che vorrei 140 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
14,25 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
14,25 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
14,30 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 10 gg lavorativi Disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
15,00 € + 4,99 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
15,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
15,00 € + 5,90 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Internazionale Romagnosi snc
15,00 € + 7,60 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libraccio
8,10 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
14,25 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
14,25 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
14,30 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 10 gg lavorativi Disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
15,00 € + 4,99 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
15,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
15,00 € + 5,90 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Internazionale Romagnosi snc
15,00 € + 7,60 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libraccio
8,10 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Chiudi
La scuola che vorrei - Adolfo Scotto di Luzio - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

La scuola che vorrei Adolfo Scotto di Luzio
€ 15,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Da affare di Stato per il bene di tutti, la scuola è diventata un rischio delle famiglie: quanto puoi spendere e quanti sacrifici sei disposto a fare per la carriera di tuo figlio? Per milioni di genitori l'istruzione ha assunto ormai i tratti di un ricatto venduto come un'opportunità di autorealizzazione. Sganciata da un legame vivo con la tradizione culturale, la scuola è diventata un oggetto altamente manipolabile, a disposizione di maggioranze politiche, burocrazie e interessi privati, di chi insomma ha la possibilità di far valere la propria volontà. Il libro indaga le radici di questo processo in Italia, Inghilterra e Stati Uniti. Con una proposta finale.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2013
25 luglio 2013
XX-122 p., Brossura
9788861596481

Voce della critica

  È tacita convinzione comune, tra chi vive la scuola dall'interno, che tra le cause del degrado e della cosiddetta "emergenza educativa" in cui ci troviamo adesso in Italia (e non solo) ci sia il ruolo sproporzionato della pedagogia rispetto alle competenze disciplinari. Viene da pensare che tale assunto sia vero quando si riprende in mano l'aureo pamphlet di Lucio Russo, Segmenti e bastoncini; La scuola che vorrei, invece, pur non mostrando del sistema scolastico odierno un quadro meno apocalittico, riconcilia almeno con la pedagogia il lettore sospettoso, mostrando come questa disciplina possa contribuire a individuare, e forse a sanare, i danni inferti dall'ideologia, dalla politica e anche dalla pedagogia stessa. Questo spiega perché a recensire un libro a tratti tecnico non sia un pedagogista, ma solo un lettore che ha vissuto la scuola dall'interno, professando una materia (il latino) che nel libro è citata solo una volta e di sfuggita. L'aspirazione del recensore è che il libro venga letto dalle molte altre persone preoccupate come lui per la scuola, e che le aiuti a uscire dai luoghi comuni e a gridare finalmente che il re è nudo; basti una frase tratta dalla prima pagina dell'introduzione: "Il grande equivoco della scuola democratica è stato di pensare che distruggendo le basi della cultura tradizionale si sarebbe permesso a molti di raggiungere i vertici dell'istruzione". La scuola che vorrei darà sicuramente fastidio a quanti non sono disposti a riconoscere e affrontare questi problemi, che Scotto di Luzio analizza con competenza e chiarezza in cinque agili capitoli. Prima di tutto, egli fissa il punto di svolta non alla fine della seconda guerra mondiale, come affermato dai manuali di storia dell'istruzione, ma negli anni trenta (e ancor prima in America), vedendo non tanto nella democrazia, quanto nella società di massa l'elemento che impone la riforma, conclusasi con l'erezione del dogma della "scuola unica" e l'attuale perdita di senso causata dal privatismo ("La scuola si riduce a un affare totalmente privato. Perde la capacità di fornire simboli espressivi all'agire collettivo e dei singoli"). Nonostante il titolo, La scuola che vorrei è più un libro di storia che un manifesto per il domani. Anzi, forse proprio su questo punto lascia il lettore un po' deluso, quando si arriva alle pagine del Finale laico e liberale. L'autore propone di "liberare la scuola dalla tirannia dei giovani" e da quella pedagogia che antepone metodologie e burocrazia ai contenuti disciplinari e al discorso su sacrificio e autodisciplina. La scuola dovrebbe invece mirare a "coltivare il giudizio" dei più giovani attraverso la continua rielaborazione di un canone culturale condiviso. Il finale ex abrupto rende legittimo il dubbio se l'autore pensi che la sua idea sia realizzabile o che debba essere invece annoverata tra le pie illusioni. Da tutto il libro si capisce però che essa, anche se orientata solo verso la scuola, non potrebbe essere attuata senza la partecipazione della politica, della cultura, della società, delle famiglie e degli insegnanti. La scuola che vorrei non lascia però molto spazio alla speranza, almeno a mio avviso. Dal momento che "la scuola come apparato burocratico attorno al quale si organizzano gli interessi di milioni di persone occupa una posizione non aggredibile", la conclusione forse applicabile anche a questo punto è che "indietro non si torna". Purtroppo.   Ermanno Malaspina  

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Adolfo Scotto di Luzio è professore di Storia della pedagogia all'Università di Bergamo. Si è occupato a lungo e si occupa tuttora di temi relativi alla storia della cultura in Italia tra Otto e Novecento, con particolare attenzione all'epoca fascista e alla storia della scuola e dell'educazione. Per Einaudi, ha collaborato al volume La Lombardia della serie Le Regioni. Dall'Unità ad oggi, al Dizionario del Fascismo diretto da Sergio Luzzatto e Victoria de Grazia e all'Atlante storico della letteratura italiana. Con il Mulino, ha pubblicato L'appropriazione imperfetta. Editori, biblioteche e libri per ragazzi durante il fascismo (1996), il Liceo classico (1999), La scuola degli italiani (2007), Senza educazione. I rischi della scuola 2.0 (2015). Per Bruno Mondadori...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi