Se consideri le colpe - Andrea Bajani - copertina

Se consideri le colpe

Andrea Bajani

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
In commercio dal: 19 gennaio 2016
  • EAN: 9788806229894
Salvato in 14 liste dei desideri

€ 11,00

Venduto e spedito da Libreria Max 88

Solo una copia disponibile

+ 3,20 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

€ 10,45

€ 11,00
(-5%)

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (10 offerte da 9,30 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Lui è uno dei tanti italiani che atterrano a Bucarest, ma spinto fin laggiù da un motivo diverso da tutti gli altri. Gli uomini che scendono dall'aereo prima di lui hanno scarpe dalla punta quadrata e cravatte con il nodo troppo largo: sono in cerca di fortuna, hanno trasferito lì le aziende, tirato su capannoni e comprato fuoristrada per mettere le mani su donne e denaro. Lui deve seppellire una madre che non è mai stata sua per davvero, se non in un'infanzia - magica nel ricordo - di pazza allegria: una donna carica di sogni, che un giorno di molti anni prima si è lasciata alle spalle lui e tutto il resto per seguire un progetto improbabile e una passione mal riposta. Una storia d'amore totale all'orizzonte di un mondo che scambia per oro tutto quello che luccica.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,24
di 5
Totale 26
5
6
4
10
3
3
2
2
1
5
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    marina60

    14/05/2020 19:58:29

    Il titolo deriva dal salmo “De profundis”, “Se consideri le colpe, Signore, chi potrà sussistere?”: ad esso riconduce una serie di rinvii impliciti, che portano a una piega amara e difficilmente riscattabile dalla speranza. Solo il silenzioso monologo interiore con la madre morta rimane, testimonianza di ferite private e sofferenze pubbliche. E’ forse il romanzo più bello di uno scrittore che sa essere sobrio e rigoroso, e interrogare nodi intimi dell’esistenza e, insieme, fenomeni sociali recenti, connotati da volgarità e disumanità.

  • User Icon

    Andre02

    14/05/2020 13:56:22

    Dolente, malinconico, triste, scritto perfettamente, senza sbavature, perfetto. Un libro meraviglioso. Io vorrei essere capace di scrivere così.

  • User Icon

    Andrea

    14/05/2020 13:50:59

    lotta per la felicità del cuore e senza pudore lascia figlio e compagno per raggiungere una terra di cui ignora la lingua, terra del desiderio, terra randagia, terra rumena... il figlio, troppo quieto e assemblato, si addentra nella terra sconosciuta della vita materna, impalpabili i ricordi, nebbiose le parole che evanescenti non dicono con forza sufficiente del proprio distacco...

  • User Icon

    nadiaf

    12/05/2020 06:54:51

    Il tema dell’abbandono e del rapporto madre-figlio sono sicuramente i temi fondamentali del romanzo, ma intorno ad essi se ne muovono altri che rendono l’opera interessante ed attuale: il mondo dell’imprenditoria e dell’economia globalizzata, il perbenismo borghese che, come il primo, viene descritto con sferzante ed amara ironia; infine, collegato alla falsità di questo mondo, la ricerca dell’identità di se stessi sia da parte della madre, sia di Lorenzo, voce narrante. Prosa intensa e asciutta, che non lascia spazio a fraintendimenti. Crudo e vero, è un romanzo bellissimo.

  • User Icon

    Marco

    29/07/2019 13:24:56

    Scritto davvero bene, con uno stile che si addice perfettamente a questa storia, un abbandono, un viaggio doloroso che è allo stesso tempo semplice e toccante ma che mi sarebbe piaciuto fosse approfondito di più.

  • User Icon

    Alewoolf

    01/06/2019 12:27:09

    Un ragazzo va in Romania per il funerale della madre, una madre lontana da diversi anni e assente anche quando viveva con lui. Nei luoghi, nelle cose, le tracce dell'esistenza della defunta si mescolano ai ricordi d'infanzia, svelando le piccole bugie e qualche mezza verità. Il ritmo è lento, ma trascinante. Si legge tutto d'un fiato col magone e qualche lacrima.

  • User Icon

    nella

    22/09/2018 16:09:00

    Se consideri le colpe è un libro che mi è piaciuto davvero tanto. Non tanto per la trama, quanto per lo stile di scrittura. Per l’atmosfera che l’autore è riuscito a dare. Non suscita sentimenti di felicità, ma è stato bello notare la bravura dell’autore nell’immergere il lettore in una situazione di tristezza, angoscia quasi. Durante la lettura, si sente forte questo senso di pena, di dispiacere per un bambino che più bambino non è, allo svolgersi della vicenda. E sentiamo tutti i suoi sentimenti come se fosse un amico caro di cui conosciamo tutta la storia, ci immedesimiamo nel suo senso di smarrimento di ansia, di tristezza.

  • User Icon

    Silvia

    20/09/2018 14:31:56

    Questo romanzo non può non far riflettere. Con che coraggio una madre può abbandonare un figlio per un paese straniero ed un nuovo uomo? Quanto amore prova un figlio verso una madre per dimenticare anni di oblio? Le dinamiche familiari sono sempre estremamente complicate e Bajani cerca di sviscerare quelle di questa famiglia piuttosto fuori dalle righe. E ci riesce molto bene. Ve lo consiglio.

  • User Icon

    Brenta

    30/09/2014 12:03:15

    complimenti a Federica per l'acutezza delle sue osservazioni. Libro caldamente sconsigliato.

  • User Icon

    Ester Ghione

    07/02/2014 12:17:22

    E' tardi per recensire un libro che ho letto quando è uscito,ma le recensioni crudeli che vedo qui mi costringono a dire quanto lo abbia amato e lo ami: è un libro tenerissimo e crudele, scritto benissimo da una persona che usa a perfezione la lingua italiana, ha un grande cuore e capisce il dolore e l'amore. Serve altro perché valga la pena di leggerlo? Ce ne fossero di libri così sugli scaffali troppo pieni delle librerie! Corro a comprare "La vita non è in ordine alfabetico"

  • User Icon

    grif

    04/05/2012 15:15:49

    Difficile dare un giudizio a questo libro: a tratti coinvolgente e commovente, altre volte un po' banale. Molti i temi: la madre "rapita" dal mondo degli affari, gli italiani e la globalizzazione, la Romania. La scrittura è originale, anche se la semplificazione della punteggiatura dei dialoghi richiede una lettura attenta.

  • User Icon

    pierluigi

    18/02/2010 11:22:10

    Stimo Andrea Bajani, per le altre cose che ha scritto però qui, santa pace....non un volo di fantasia, non uno spunto originale, psicologia di una banalità assoluta, nessuna introspezione, un protagonista antipatico e apatico, una trama insipida, e l'unica cosa interessante, cioè "il ritratto feroce di un Occidente che spaccia miti da due soldi, e per due soldi compra la miseria altrui" è purtroppo solo lo sfondo, appena accennato. Si legge d'un fiato, è ovvio, ed è totalmente innocuo. Mi chiedo solo come possa avere vinto dei premi. Sarà che l'ho letto subito dopo Elsa Morante, e il confronto (che non ho potuto evitare) è assolutamente impietoso. Mi chiedo se i nostri giovani narratori, prima di scrivere, si rileggano mai qualche libro del passato...Si pubblicherebbero sicuramente meno libri, ma molto più interessanti. Rimane buono per il bookcrossing.

  • User Icon

    Bruno di Marcello

    19/01/2010 11:00:51

    Il libro tenta la chiave del sociale parlando dei resti del regime totalitario comunista in Romania, ma non ha il coraggio o la voglia di andare a fondo e dunque tutto ciò che resta è la reiterata citazione del palazzo di Ceausescu, nel quale sembra riassumersi l’intera città di Bucarest. Preponderante è la storia del ragazzo e dei suoi ricordi di bambino. Ma purtroppo lo stile narrativo è piatto e fin troppo scarno, la successione degli avvenimenti senza guizzi e con poche svolte narrative, per altro assolutamente prevedibili. Anche il protagonista non risulta simpatico perché sembra non dare peso a nulla, essere distaccato da tutto, non provare nulla in particolare in nessuna situazione, non essere dotato né di ironia né di doti particolari. Insomma un non-personaggio, privo perfino di faccia e fisicità. Forse per reazione a queste carenze, paradossalmente vorremmo saperne di più di due elementi di sfondo come la famiglia di origine di Lula, che invece ha un inizio di caratterizzazione interessante; così come ci piacerebbe sapere i come e i perché di un uomo che ha deciso di sposare una donna già munita di un figlio e già molto impegnata con il lavoro come il marito di Lula, perché non abbia mai avuto alcun genere di reazione a tutte le mattane di questa donna che è stata un’anima in fuga, se insomma alla fine fosse il fantasma di un santo con tanto di aureola messo lì per tappare i buchi o in qualche angolo avesse un minimo di umanità da mostrarci.

  • User Icon

    Arturo

    09/10/2008 10:46:06

    Piattissimo! Non succede mai niente durante tutto il libro...aspetti, sei lì che qualcosa ti sorprenda e ti lasci a bocca aperta ed invece....SCONTATISSIMO!

  • User Icon

    federica

    30/08/2008 16:49:03

    un libro a mio parere falso. Si percepisce che è letteratura di "ingegno", scritta con malizia e a scopi puramente comerciali e guidato da un eccesso di vanità e furbizia. pare che lo scrittore cavalchi continuamente gli argomenti piu attuali della nostra societa, dal precariato alla ormai svisceratissima questione rumena (ora verrà forse la scuola e il bullismo?!) che mai come in questo libro è segno di una scrittura che vuole essere a tutti i costi veicolo non tanto di ricreare il bene e il male di una societa ma semplicemente di trovare il modo per essere invitati ad un talk show televisivo. Certo, nel panorama editoriale attuale, bajani riesce anche a vincere premi ma questo non vuol dire che sia un vero scrittore. I suoi libri sono cosi diversi l'uno dallaltro che le possibilita sono drasticamente due: o trattasi di incredibile eclettismo ed estrema empatia per ogni male della società, oppure solo di una tattica per scrivere esattamente sul'argomento che al momento è piu presente sui giornali. A voi la sentenza. Io sono per la seconda ipotesi e allora mi chiedo peché mai Bajani non sia diventato giornalista.

  • User Icon

    Flavia Boero

    11/06/2008 00:03:51

    Il libro è la lunga lettera che un figlio scrive alla madre, appena morta in un paese lontano, un Far West: la Romania. Se consideri le colpe è difficile perdonarla, per il male che ha fatto a chi non lo meritava: il suo compagno, un figlio amatissimo, se stessa infine, distruggendosi. Ma questa donna è un personaggio umanissimo, che ha lottato per suo figlio, il suo lavoro e la sua vita, e che i suoi errori li paga, alla fine, nel modo più duro. E’ interessante, anche se impietoso, il racconto della “conquista” della Romania post-comunista da parte proprio di noi italiani brava gente, tra gli altri predoni, con qualche ritrattino dei conquistadores rimasti oggi, interessati a tutt’altro che l’economia. Sono molto belli anche i personaggi “non protagonisti”: il patrigno, padre in realtà nel senso più vero del termine, e Monica, che parla una brutta lingua che non è la sua, perché così l’ha imparata dall’uomo che ama.

  • User Icon

    alice

    08/06/2008 22:25:02

    Sono molto contenta per il meritato riconoscimento di Mondello: sono sicura che l'ex-aequo nulla tolga alla bravura. Commoventi le pagine 91-92... "Io ti lasciavo dei biglietti sul comodino, quando tu eri via"... . Graffiante la denuncia di quell'Italia "rampicante" che cerca nel medioevo contemporaneo il futuro. Chissà quanti Anselmi ci sono che decollano da Caselle o, meglio ancora, Levaldigi... Delicato lo sfiorare Monica, cavalleresco lasciarsi guidare da Christian nelle contraddizioni di una Bucarest che sceglie di strozzarsi nel cemento. Poetica la storia dell'albero - "Tu nella foto sorridevi e salutavi" - che leggera torna per chiudere il romanzo nella dolce onda del Danubio.

  • User Icon

    Luca Martini

    14/04/2008 10:27:05

    Secondo me il più bel libro di Bajani, scritto benissimo, commovente e fluido. Ottima prova per uno scrittore appena trentatreenne.

  • User Icon

    momo

    01/02/2008 11:22:36

    io forse sarò anche di pietra, ma l'ho trovato furbo e un po' viscido, nella scrittura -sa scrivere, sia chiaro, da qui l'ulteriore fastidio,per lo spreco- nel modo di raccontare. non so, mi ha molto innervosito. peccato, il primo libro di bajani m'era piaciuto, nel secondo l'avevo trovato un po' scontato, adesso mi sembra che abbia deciso che l'unica cosa che cerca è la classifica.

  • User Icon

    stefano

    23/12/2007 20:09:33

    Bravo Andrea Bajani!! Soprattutto a scrivere... qualcuno ha detto che nel tuo libro non c'è una parola di troppo. Ed è proprio vero. Una scrittura coinvolgente e pura allo stesso tempo, per nulla ruffiana. La storia molto bella. Magari forse qualche pagina in più l'avrei scritta... Comunque consigliato!! Molto bello.

Vedi tutte le 26 recensioni cliente
  • Andrea Bajani Cover

    Andrea Bajani è autore di romanzi e racconti, di reportage, opere teatrali e traduzioni dal francese e dall'inglese. Dopo aver collaborato con «L'Indice» e con l'Osservatorio Letterario Giovanile del Comune, è divenuto consulente editoriale per la casa editrice Codice. Nel 2003, per Pequod, esce Qui non ci sono perdenti. Nel 2005 approda a Einaudi con Cordiali saluti, storia di un giovane appena assunto che si trova a dover scrivere lettere di licenziamento che non sembrino tali e a farsi padre dei figli di un licenziato, affetto da tumore e impossibilitato a stare loro vicino. Nel 2006 esce il reportage Mi spezzo ma non m'impiego, viaggio-inchiesta nell'universo dei nuovi lavoratori precari. Del 2007 è il romanzo Se consideri le colpe, che vince i premi Super... Approfondisci
Note legali