Il segreto del Monte Sacro

Sam Bourne

Traduttore: S. Caraffini
Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2010
Formato: Tascabile
In commercio dal: 22 aprile 2010
Pagine: 438 p., Brossura
  • EAN: 9788850221325
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Baghdad, aprile 2003. Il giovane Salam è deluso: nel saccheggio del Museo di Archeologia seguito alla caduta di Saddam è riuscito a impossessarsi solo di una tavoletta d'argilla. Non fa nemmeno in tempo a rammaricarsi che il padre gliela sequestra, rivendendola per pochi dollari a un trafficante di antichità... Gerusalemme, alcuni anni dopo. Israeliani e palestinesi stanno per firmare uno storico trattato di pace, quando una serie di morti misteriose rischia di compromettere tutto. La prima vittima è Shimon Guttman, uno studioso che stava tentando di mettersi in contatto con il premier israeliano. Cosa aveva di tanto urgente da comunicargli? Per arginare la crisi, gli USA decidono di inviare una delle loro migliori negoziatrici che, intuendo che il successo della missione dipende dalla soluzione di una serie di omicidi solo apparentemente slegati tra loro, si lancia nelle indagini, scoprendo che tutto è collegato al rinvenimento di un'antichissima tavoletta. Quale segreto si nasconde dietro i misteriosi segni tracciati su di essa? E cosa può portare la soluzione dell'enigma, la pace perpetua o la più terribile delle guerre?

€ 7,56

€ 8,90

Risparmi € 1,34 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibile in 10 gg

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Filippo

    19/05/2011 16:48:58

    Pessimo. Storia ingarbugliata con troppi personaggi che hanno nomi che non si ricordano facilmente e che compaiono per 5 pagine e poi non se ne sente più parlare. Ridicolo l'escamotage di internet, così come il rapporto tra i due protagonisti. Ho trovato poi particolarmente irritante l'abitudine dell'autore di chiudere un capitolo con un colpo di scena e di aprire il successivo, di fatto, con la smentita del medesimo colpo di scena. Rispetto al Codice dei Giusti (che già non era un capolavoro) un deciso passo indietro.

Scrivi una recensione