Categorie

Andrea Vitali

Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2007
Pagine: 159 p. , Rilegato
  • EAN: 9788811686026

Anche in questo ultimo romanzo - da cui sarà presto tratto un film - Andrea Vitali, il popolare medico romanziere di Bellano, ci accompagna nella quotidianità del "piccolo mondo antico" del Lago di Como, sfondo su cui i suoi protagonisti si muovono in una serie d'intrecci amorosi e di disamori coniugali. Tra i romanzi dello scrittore, forse questo è quello in cui i misteri e gli intrighi si fanno più densi, tanto che gli scandali e i pettegolezzi di cui il libro è infarcito trasformano la piccola cittadina lacustre in una sorta di "Dinasty" nostrana. Protagonista della storia, l'esuberante Amleto Selva, "un giovanotto corpulento e sanguigno. Dotato di mani enormi e di un torace a forma di botte" che ha fatto vita da cane randagio finché l'epidemia di tifo che colpisce il paese, non gli porta l'occasione della vita, quella che gli permetterebbe di mettere a segno il colpaccio: il matrimonio con Cirene, la figlia di Idreno Crippa, il macellaio. Dopo la morte della moglie, che aveva saldamente impugnato le redini dell'attività commerciale, il Crippa si trova incapace di prendere in mano la situazione. La debole figlia Cirene non è in grado di badare al padre e alla bottega da sola: quale migliore occasione per il giovane e ambizioso Amleto? Sposandolo, Cirene potrebbe ridare ossigeno tanto all'attività quanto alla casa, senza contare che in paese le proposte di matrimonio per la giovane, timida e bruttina com'è, certo non sono all'ordine del giorno. A partire da questo momento, però, quella che Amleto si era immaginata come una rapida marcia verso il trionfo, diventa via via una salita ricca di ostacoli e imprevisti: dalle difficoltà con la moglie alla nascita della figlia Ortelia, dalla lunga guerra, a suon di colpi bassi e risvolti imprevisti con la bottega rivale, quella dei Bereni, ai patimenti della malattia. Sfiorando qualche volta la tragedia, qualche volta il ridicolo, la storia di Vitali racconta la parabola di una famiglia di provincia, dei segreti, degli amori, delle avventure nascoste dalle mura domestiche. Vero fulcro degli episodi spassosi del romanzo, Amleto, un uomo che certo non si esime dal dimostrare la sua mascolinità in tutti i modi possibili, finendo ogni volta per trovarsi a dover correre ai ripari e destreggiarsi tra i pettegolezzi paesani. Accanto a lui, una folta schiera di personaggi maschili che altro non fanno se non dimostrare che gli uomini sono tutti uguali perché è noto che "a caccia e a letto non bisogna aver rispetto": il medico Durini, il dottor Decorati, il notaio Anfuso, Gallinaccio, l'ingegnere Cascanti, diventano così co-protagonisti delle scorribande notturne del macellaio. La storia, però, prende una piega inaspettata quando Amleto, complici gli stravizi di tutta una vita, viene colpito da un ictus; soggetto a violente crisi, pare che solo il segreto custodito da Ortelia lo possa salvare…Ancora una volta, Vitali riesce a tratteggiare in maniera eccellente personaggi e situazioni dando vita, con sottile umorismo e ironia, alle storie di tutti i giorni della gente di un piccolo paese sulle rive del lago.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Ritochka

    30/06/2016 20.19.43

    La prima recensione che avevo inviato non è stata pubblicata ma non so perché... Il libro, scorre via che è una bellezza nel tipico ambiente che Vitali è solito creare. In questo romanzo, però, ho ravvisato anche la volontà di liberare la donna dal suo ruolo subalterno. Viva Vitali!

  • User Icon

    nanni

    21/02/2015 17.39.00

    Il libro scorre molto bene, è piacevole anche se non ha la dimensione del capolavoro. Insomma un libro per svagarsi un po'.

  • User Icon

    ales

    30/07/2014 14.42.59

    Vitali non delude mai.

  • User Icon

    claudio

    27/04/2014 17.44.54

    Non è il migliore di Vitali, ma ci va vicino. E il periodo migliore, come visto in altri lavori,per le sue trame è il periodo tra le due guerre. Qui manca il maresciallo dei carabinieri, c'è poco il prevosto, manca la perpetua, ma ci sono altri personaggi che solo Vitali sa creare.

  • User Icon

    baton

    09/10/2013 20.19.59

    Andrea Vitali è un gigante. Non ha la statura di Chiara nè tantomeno dell'inarrivabile Soldati ma, perdio, è il più grande narratore vivente (o meglio l'unico). Il massimo dei voti per compensare recensioni imbarazzanti.

  • User Icon

    paola

    01/09/2012 16.01.51

    buon thriller, scritto bene, interessanti i personaggi, soprattutto Betta e Ortelia

  • User Icon

    Zotik

    01/06/2011 19.17.48

    Una saga familiare minimale ma dotata di respiro epico. Un romanzo agile, in cui i protagonisti restano in un certo senso personaggi minori pur alternandosi alla guida della storia.

  • User Icon

    CRISTINA

    31/08/2010 22.04.19

    Ho letto questo libro su suggerimento di una mia amica che ne ha già letti altri di questo autore. Non mi ha entusiasmato tantissimo, una storiella leggera, anche se con sfumature piuttosto intense, per altro credo, in quanto non ero ancora nata, frequenti nell'Italia di quell'epoca ... piacevole lo sfondo storico/geografico che rende la lettura come se fosse affiancata da una recita en plain air ... forse proverò a leggere qualcos'altro di Vitali, per apprezzarne meglio la bravura come scrittore

  • User Icon

    Claudio

    22/10/2009 09.34.30

    Un libro breve e leggero ambientato in un paesino che narra della vita e delle abitudini di un macellaio e della sua 'vita'. Una vita di paese in un tempo ormai passato che scorre tra segreti ed abitudini dove emerge come la donna abbia fatto dei grandi passi avanti e gli uomini non ci fanno troppo una gran bella figura.

  • User Icon

    francescamuu

    05/02/2009 19.27.39

    non tra i più belli di vitali, ma sempre scorrevole, intrigantello, con le atmosfere giuste. sono d'accordo anch'io che il prezzo è veramente esagerato! il libro lo consiglio, se siete appassionati dello scrittore.

  • User Icon

    Elisa

    23/12/2008 19.15.51

    E' il primo libro del dott. Vitali che leggo. Penso sia un romanzo senza lode e senza infamia, non brilla di trovate interessanti ma si lascia leggere, regala qualche ora di distrazione senza complicazioni.

  • User Icon

    Beatrice

    05/12/2008 11.28.03

    No do il voto minimo solo per il finale, che mi ha risvegliato leggermente dal torpore in cui ero caduta.

  • User Icon

    ILENIA

    11/10/2008 19.46.31

    HO LETTO QUESTO LIBRO IN UNO SOLO GIORNO FORSE PER LA CURIOSITA', FORSE PER LO STILE DECISAMENTE SCORREVOLE.. COMUNQUE NON E' UN TESTO CHE CONSIGLIEREI.. NIENTE DI GENIALE..

  • User Icon

    xyzeta

    06/10/2008 16.55.45

    Se non fosse che sono romanzi brevi e leggeri penso che nessuno più investirebbe denaro (ormai sono un investimento!) nei suoi romanzi. Forse stiamo aspettando che si trasferisca in un altro paese perché cominci a raccontare degli scandali di altri luoghi i cui protagonisti abbiano nomi meno ridicoli e fantasiosi, perché di quel ramo del lago di Como ormai sappiamo tutto

  • User Icon

    Maunakea

    15/07/2008 19.32.01

    Non sapevo che questo libro fosse un ripescaggio ampliato da un racconto dell'introvabile "Aria del Lago" che so essere del 2001. In ogni caso non è uno dei migliori libri dell'Autore, tiene legati ma resta evanescente il suo scopo, il finale, il senso, un pò di delusione sulla trama, resta valido per il tratteggio del personaggi e per lo stile di scrittura, l'ambientazione, ma non bastano a farne un buon libro, capisco invece come questi elementi siano sufficienti ad attrarre con voti positivi i lettori che ancora non lo conoscono e non possono far paragoni con altri libri, e, giustamente, lo valutano positivamente sentendo il bisogno di leggere gli altri lavori, che sono nettamente superiori. Debbo ancora leggere il romanzo successivo, speriamo in meglio. Son curiosa comunque sul film.

  • User Icon

    pixie

    02/01/2008 13.40.54

    Aderisco ai commenti sul prezzo del libro che è un po' tanto per così poche pagine. Per quanto riguarda la storia non è male, scorrevole e interessante anche se... da l'idea che "manchi qualcosa".

  • User Icon

    Giusy

    07/10/2007 19.12.32

    Non sapevo che questo libro fosse stato scritto tempo fa e sotto forma di racconto. Ora mi tornano alcune cose... In ogni caso, è una scrittura piacevole, personaggi ben tratteggiati ma ogni tanto la trama salta, si perde. Un appunto : il libro inizia a pag. 11 e finisce a pag. 159 per una spesa di 15 Euro. Non la vogliamo proprio far decollare la lettura in Italia vero??? So che non è colpa dello scrittore, ma a mia figlia che studia all'Università devo per forza maggiore consigliare di scegliere con cura quale libri acquistare. Prezzi proibitivi. Ma perchè in Inghilterra con pochissime sterline si comprano le ultime uscite? chissà...

  • User Icon

    monna

    04/09/2007 13.36.33

    E' stata il primo libro di Vitali, regalato da un mio cliente al quale era molto piaciuto; l'ho letto tutto d'un fiato in vacanza in un meraviglioso atollo delle Maldive. Nonostante l'ambiente totalmente opposto sia all'epoca che alla località ho sognato ad occhi aperti immaginando i luoghi dove si è svolto il racconto; probabilmente perchè adoro l'epoca in cui si svolge la storia che mi ha lasciato una bellissima emozione per alcuni gioni dopo la fine della lettura. Sono rientrata da poco dalla vacanza e mi sto attivando per acquistare un altro libro di Vitali, anzi, vorrei leggerli tutti, lo trovo meraviglioso!

  • User Icon

    clara

    30/08/2007 18.03.20

    P.s ahh...dimenticavo, il nome della giovane penna comasca è Thomas Martucci, il libro: Suzukina Cabriolet

  • User Icon

    clara

    30/08/2007 17.55.52

    Ho letto questo libro, da under30 comasca, l'ho apprezzato per le ambientazioni, trama semplice a tratti esilarante...ma come già altri si sono chiesti...come sarebbe un romanzo/Vitali al di fuori del lago?...comunque complimenti! Sempre da under30 vi consiglio una nuova,giovane "penna Comasca", che invece è riuscito con successo a portare i suoi protagonisti dalle rive del lago di Como alle sponde delle isole greche.

Vedi tutte le 40 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione