Siamo uomini o caporali?

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Italia
Anno: 1955
Supporto: DVD
Salvato in 32 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (9 offerte da 9,90 €)

A causa di un'aggressione ai danni di un aiuto di Cinecittà, un uomo viene rinchiuso in un istituto psichiatrico: è qui che può spiegare la sua visione del mondo, diviso, secondo lui, in tanti uomini che lavorano ed in pochi caporali che comandano.
5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Alice

    05/03/2019 19:55:03

    otò è un poveraccio maltrattato dalla vita. Al punto che può teorizzare sulle sue disgrazie. Secondo lui la gente si divide in "uomini" (quelli che lavorano e fanno fatica) e "caporali" (che fan faticare gli altri). E ricorda i molti "caporali" incontrati nella sua vita: il gerarchetto fascista, l'ufficiale americano, il giornalista marpione, l'industrialotto lombardo. Costui gli soffierà anche la fidanzata.

  • User Icon

    Cataldo Zingaropoli

    07/06/2018 07:20:59

    Espressione ormai entrata nel lessico comune, come sinonimo di netta distinzione tra le persone per bene,gli onesti,i galantuomini (categorie gia' allora in via di estinzione..) e i sopraffattori,i prepotenti, i raccomandati ( evoluzione ormai dominante ai nostri giorni...) . Toto' in varie situazioni interpreta l'uomo, con la sua educazione,la sua bonomia,la sua pacatezza . E non puo' sottacersi la notevole capacita' drammatica ,senza scivolare nel facile e scontato pietismo, che il nostro eroe mostra come prova attoriale , come ATTORE a tutto tondo . Non poteva mancare un accenno al mondo dell'avanspettacolo,palcoscenico severo,cinico,spesso crudele per schiere di artisti che vi ci sono cimentati . Il contraltare ,ugualmente autorevole e spietato e' Paolo Stoppa,nel ruolo dei vari caporali che il personaggio di Toto' incontra nella storia . I caporali sono quasi una categoria morale dell'umanita' , quasi pirandelliana oserei dire e quindi,nonostante tutto, inevitabili ..... Un film in cui si ride,si sorride , si riflette soprattutto parecchio .

  • Film in bianco e nero
  • Produzione: Cristaldi Film, 2007
  • Distribuzione: Mustang
  • Durata: 91 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Italiano (Dolby Digital 1.0 - mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti; Inglese
  • Formato Schermo: 1,33:1
  • Area2
  • Contenuti: video musicale: "e levati 'a cammesella"; speciale: Totò a fumetti, speciale canzone "core analfabeta", c'era una volta Totò, ricordo di Paolo Stoppa, battute e sketch; foto; recensioni
  • Camillo Mastrocinque Cover

    Regista italiano. Approfondisce i suoi studi in architettura con una lunga permanenza in Francia come scenografo teatrale e di set. Tornato in Italia, firma dalla fine degli anni ’30 una serie di opere in costume ancora legate ai suoi trascorsi teatrali, mentre dopo la guerra svela una vocazione comica che lo porterà alla regia di alcuni fra i più famosi film di Totò, con il quale instaura un prolifico sodalizio. Capisce l’inutilità di imporre al principe De Curtis il punto di vista di un regista-autore, a lungo invocato da tanta critica ostile, e si limita a predisporre e a governare l’insieme lasciando al genio comico italiano del Novecento la libertà di andare a braccio. Nascono così i «classici» della dettatura della lettera a P. De Filippo in Totò, Peppino e la... malafemmina (1956),... Approfondisci
  • Paolo Stoppa Cover

    Attore italiano. Dopo gli studi d’arte drammatica, debutta sul palcoscenico intraprendendo una carriera densa di successi che non abbandonerà mai e lo porterà a diventare uno dei massimi attori drammatici italiani. Esordisce sul grande schermo agli inizi degli anni ’30 e in breve si impone come valido caratterista. È un barbone egoista e cattivo del fiabesco Miracolo a Milano (1951) di V. De Sica, dolente cantastorie nel folclorico Carosello napoletano (1953) di E. Giannini, maturo innamorato di una giovane S. Pampanini nel brillante La bella di Roma (1955) di L. Comencini, paterno allenatore di pugilato nel drammatico Rocco e i suoi fratelli (1960) di L. Visconti, insopportabile arricchito parvenu nel letterario Il Gattopardo (1963) di Visconti, papa Alessandro iii nello storico Becket e... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali