Il signore delle mosche

William Golding

Editore: Mondadori
Collana: Oscar junior
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
In commercio dal: 31 maggio 2016
Pagine: XI-282 p., Brossura
  • EAN: 9788804663065

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Bambini e ragazzi - da 12 anni

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione

La scoperta del male, la perdita dell'innocenza. Prefazione di Stephen King.

"Per me, Il Signore delle Mosche ha sempre rappresentato ciò per cui sono fatti i romanzi, ciò che li rende indispensabili. Dobbiamo aspettarci divertimento dalla storia che leggiamo? Certo. Un atto dell’immaginazione che non diverte è un atto decisamente mediocre. Ma deve esserci di più. Un romanzo ben riuscito deve annullare il confine tra scrittore e lettore, così che l’uno possa fondersi nell’altro". Dalla Prefazione di Stephen King

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lisa

    10/12/2018 12:56:51

    Chi non ha mai sognato di approdare su un'isola deserta? L'avventura di questo gruppo di bambini però dal sogno passa presto al dramma. Golding infatti approffitta della storia per indagare le natura umana e salvaggia

  • User Icon

    Giulia Oliverio

    23/11/2018 20:46:13

    Ottimo libro per chi è interessato ad approfondire temi come la trasformazione del comportamento umano in situazioni estreme. Non lasciatevi ingannare dalla dicitura "letteratura per ragazzi": il romanzo, nonostante sia stato ideato per un pubblico giovane, contiene alcune immagini molto forti che offrono occasioni per riflettere anche su argomenti di attualità, quali il bisogno di sentirsi accettati all'interno del gruppo. Consiglio questo romanzo soprattutto ai ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle superiori. PS: Per gli appassionati la lettura si può integrare con l'ascolto di "The lord of flies" degli Iron Maiden. l

  • User Icon

    Martina

    17/11/2018 11:03:43

    Libro molto interessante che dietro a quella che potrebbe sembrare una semplice avventura sfortunata nasconde molti spunti di riflessione sul genere umano e la sua natura. Nel complesso lo stile è scorrevole. Consigliato.

  • User Icon

    Serena

    26/10/2018 14:47:02

    Libro adatto ai bambini, per certi versi noioso.

  • User Icon

    Carla

    23/09/2018 14:08:50

    Siamo tutte brave persone, fino a prova contraria. A seguito di un disastro aereo su di un'isola, un nutrito gruppo di pre adolescenti deve darsi delle regole per sopravvivere, nell'attesa che arrivino i soccorsi. Tutto quello che accade non è altro che lo specchio della società odierna, un riflesso della natura umana e dei suoi mutamenti in determinate condizioni. Ne esce un libro che solo in apparenza è per ragazzi, ma che racchiude un senso molto più profondo e, se vogliamo, terrificante, ma in ogni caso da leggere.

  • User Icon

    Giovanni

    21/09/2018 14:36:58

    Dietro una storia di ragazzi ritrovatisi da soli su un isola deserta si nasconde un trattato sulla vera natura umana, o per lo meno la visione dell'autore su questo argomento, che condivido. Consigliato a tutti, da leggere almeno 1 volta nella vita

  • User Icon

    Antonella

    20/09/2018 14:27:35

    Un libro intenso, che mostra l'indole umana sotto il suo aspetto più crudo e meschino, rappresentata attraverso un gruppo di bambini, che dovrebbero essere il simbolo dell'innocenza per antonomasia. Come si comporterebbero dei bambini catapultati su un'isola deserta, in un ambiente inospitale e senza il controllo di un adulto? L'autore dà la sua risposta, e quello che ne emerge non è per niente rassicurante.

  • User Icon

    Patti

    19/09/2018 17:18:44

    Ho preso questo libro per leggerlo assieme a mio nipote ed è stata un'ottima scelta. Le dinamiche che si sviluppano all'interno della storia sono vivaci e sofferte e non mancano i colpi di scena. Al di là dello stile di Golding che è assolutamente coinvolgente e preciso, è un'opera che fa scaturire una serie di riflessioni e di domande molto interessanti, cosa che non poteva rendermi più felice considerando che mio nipote è un adolescente e deve conoscere non solo la letteratura come imposizione (che brutta parola!) scolastica, ma anche come volano per una presa di coscienza e di arricchimento culturale generale. Leggetelo!

  • User Icon

    Laura

    19/09/2018 17:13:15

    Un libro molto interessante, che però va letto all'età giusta: io, purtroppo, l'ho letto da adulta e credo di averne apprezzato solo una parte, quella più metaforica e “tecnica”, annullando quasi del tutto quella avventurosa. Eppure, letta in adolescenza, quest'opera è perfetta per spiegare come cambiano e divengono distorte le dinamiche umane e societarie, di cosa l'uomo è capace di fare in determinati contesti, se solo lo si mette davanti a particolari situazioni. Libro consigliatissimo, ma da leggere preferibilmente nella fascia d'età under 18.

  • User Icon

    Antonio

    19/09/2018 16:08:49

    La paura è l'ingrediente principale di questo libro, che a seconda delle persone può assumere forme diverse e in questo caso, per i bambini, prende subito le sembianze di una bestia. Ma Golding ci mette davanti ad un importante quesito: chi è la vera bestia? È un libro che non può lasciare indifferente il lettore, lo colpisce e lo lascia stranito, non si può fare a meno di simpatizzare con alcuni personaggi, come Piggy. L'isola delle mosche mostra uno spaccato della società ben lungi dall'essere falso. Appare evidente come l'autore creda che difficilmente l'uomo sarà in grado di migliorarsi, anche se già dall'infanzia si allontana dalla società e da quelli che potrebbero essere presi come cattivi esempi. Sta a noi tirare le somme: c'è ancora speranza per l'uomo?

  • User Icon

    Laura

    18/09/2018 17:11:20

    Come spiegare ad un ragazzino come nascono i totalitarismi? Come la società può centrifugarsi su se stessa fino a cannibalizzarsi? Ecco, con Il signore delle mosche si può dare una risposta iniziale, embrionale, alla questione, in un modo che forse un adulto non riuscirebbe a sintetizzare. Eppure, Golding riesce nel suo intento e ci presenta la condizione di ragazzini assolutamente normali che, in una situazione peculiare come quella di un post disastro aereo, si danno delle regole per costituire una nuova società e, soprattutto, per sopravvivere. I colpi di scena non mancano, la tensione pure, l'amarezza anche.

  • User Icon

    Anna

    18/09/2018 14:32:43

    Un aereo si schianta su un’isola inabitata lasciando come unici supersiti dei bambini. Il Signore delle Mosche racconta di come questo gruppo di creature “innocenti” riesca a trasformare un luogo potenzialmente paradisiaco in un vero e proprio inferno. In sostanza, questo romanzo non è che il ritratto di una visione più che pessimistica della razza umana. Altro che il “buon selvaggio” di Rousseau: il selvaggio di Golding è intrinsecamente malvagio, brutale e insensato. La ragione soccombe, istinti tribali e violenza resistono e si alimentano nella superstizione - ed è di innocenti bambinetti educati nella civilissima società britannica che si sta parlando. Un libro bello e tremendo, forse pessimistico, forse - purtroppo - no.

  • User Icon

    Giorgio Maugeri

    17/09/2018 18:02:02

    Sinceramente? Ho sentito tantissimi pareri positivi su questo libro.. a me ha lasciato ben poco. A tratti addirittura annoia, sicuramente non è tra i migliori distopici letti.

  • User Icon

    Nacar's Demons

    23/07/2018 12:37:06

    Bel libro. Veloce e scorrevole. Chi vedeva i bambini come sinonimo di innocenza dovrà ricredersi. Riesce a trasmettere un senso di ansia e inquietudine come pochi.

  • User Icon

    ALICE

    04/06/2018 10:18:01

    Romanzo datato ma, allo stesso tempo, contemporaneo. W. Golding mette in discussione il mito della "bontà dei bambini", dimostrando come un uomo possa ritornare ad uno stato animalesco in poco tempo e come si possa assistere alla "decrescita" di un personaggio e non alla sua crescita. Tra un gruppo di ragazzini, dispersi su un'isola del Pacifico, si insinuano a poco a poco l'istinto di sopravvivenza e quello alla sopraffazione; l'uomo, grande o piccolo che sia, ritorna allo stato brado senza rispettare leggi e ordine. Sin dal titolo si percepisce una visione pessimistica dell'umanità. Il lettore dopo le prime pagine, in cui si assiste alla costruzione di una piccola società civile, assiste allo sgretolarsi del gruppo, vede come il desiderio di predominare sugli altri prenda il sopravvento e come il gruppo tenda ad assecondare non il ragazzo razionale e responsabile, ma quello più irascibile e vendicativo capace di strumentalizzare la paura della "bestia" che li vuole mangiare. I ragazzini perdono il lume della ragione e si scontrano tra loro in preda a forti allucinazioni. Il finale, che pur dovrebbe essere un lieto fine, lascia l'amaro in bocca e un senso di inquietudine.

  • User Icon

    Tower73

    21/03/2018 10:12:39

    Questo è un libro cattivo, ma proprio tanto. l'uoma, anche da bambino, rimane il peggior nemico di se stesso! Lo consiglio perchè è un libro che non lascia indifferenti

  • User Icon

    CyberDracula

    12/03/2018 22:16:25

    Uno fra i migliori romanzi di W. Golding,che partendo dal tema stilistico dell'avventuroso ci porta a riflettere sulla condizione di un gruppo di ragazzini in età prepuberale circoscritti in una società ristretta dove i valori e i sentimenti vengono ridiscussi attraverso il verso della ribellione dovuta anche alla crescita psicofisica dei protagonisti su di un isola crepuscolare ove le certezze iniziano ha perdere concretezza,dovuta anche all'assenza dei genitori in grado di educare i figli nel convivere tutti assieme,nonostante si ritrovino in un ambiente ostico e dalla natura non invasa per mano dell'uomo. Un romanzo semplice,godibilissimo,di facile comprensione che non lascia annoiare il lettore,anzi,lo stimola sempre nello scrutare in questo lungo tragitto chiamato prova di r/esistenza e sicuramente di formazione per gli adolescenti odierni,che dovrebbero assolutamente leggere per poterne comprenderne il significato individuale insito in ognuno di noi di esercitare il proprio potere sul più debole e di manipolare le coscienze più fragili. Grazie William per questo piccolo capolavoro. Assolutamente da riscoprire dopo sessant'anni,anche se ebbe una certa notorietà negli anni sessanta tra i ragazzi londinesi e di proposito preso in riguardo come dimostrazione del male generato dall'uomo,anche in età adolescenziale. Consigliato a chi cerca avventure al limite,ma non aspettatevi un Salgari moderno. Sicuramente una versione minore del Cuore di Tenebra del Conrad.

  • User Icon

    Alessio

    22/02/2018 12:58:27

    Un affresco spietato della natura umana sin dalla giovane età. Un esempio realistico di ciò che sarebbe una società in cui nessuno sa imporre delle regole, descrivendo al meglio la psicologia dei bambini e di cosa sarebbero capaci in assenza di adulti da rispettare e temere. Crudo e innocente al contempo.

  • User Icon

    Biagio

    09/02/2018 15:00:10

    Noioso e inverosimile in molti aspetti. Forse in molti sono rimasti ""scioccati"" o meglio colpiti dal tema di fondo; purtroppo non tenendo conto che il tema è uno dei più classici che più classico non si può, ossia la natura distruttrice dell'uomo. nell'introduzione vieni accusata la cultura italiana coeva per non avergli assegnato la giusta attenzione; dopo averlo letto capisco pienamente la scelta di non esaltare questo testo che di meriti, se mai ne avesse qualcuno, può avere quello di essere semplice e pertanto di facile lettura anche da parte dei nostri contemporanei che mai si avvicinerebbero a letture ben più profonde, complesse e argomentate sul tema stesso.

  • User Icon

    Fabiana

    31/01/2018 14:44:30

    L'ho trovato un libro veramente bello, e non solo per la facilità della lettura: il racconto è scritto veramente bene. La storia è geniale, anche se alcuni punti di domanda non esistenziali rimangono. Mi è molto dispiaciuto per Piggy e avrei voluto tanto sapere il suo vero nome. Non credo sia voluto, ma mi piace pensare che ci sia un messaggio, dopo tutto: all'inizio della storia un ragazzo propone di fare una cosa, quasi nessuno lo ascolta. Alla fine questa cosa succede involontariamente e ehi, si scopre che quel ragazzo aveva ragione. Mi piace pensare che il messaggio sia che, se qualcosa non va, basta riprovare, mettendoci più forza e più determinazione. La seconda volta potrebbe andare. Il libro mi è piaciuto anche per un altro motivo: all'inizio Ralph è un ragazzino sfacciato e strafottente ed è proprio lui ad suggerire il soprannome di Piggy all'intera gang, che ovviamente dopo non l'ha più preso sul serio. Ralph, però, subirà un cambiamento e diventerà più maturo, anche grazie alla presenza di Piggy. Questo libro dimostra a tutti i romanzi psicologici ottocenteschi che si può provocare un cambiamento psicologico al protagonista, anche portando avanti la narrazione, facendo avvenire qualcosa nel romanzo! In conclusione, mi è piaciuto molto, lo trovo un ottimo libro.

Vedi tutte le 21 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione