Il silenzio e l'abisso

Pietro Citati

Editore: Mondadori
Collana: Orizzonti
Anno edizione: 2018
Pagine: 318 p., Rilegato
  • EAN: 9788804701545
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Assumendo spesso un punto di osservazione apparentemente marginale, Citati sa cogliere l'essenza di ogni creazione letteraria e artistica, che è, come scrive Scott Fitzgerald, un «nuotare sott'acqua e trattenere il fiato».

«La letteratura ha questo di bello: si può stare seduti con la penna in mano per giornate intere; non accorgersi del tempo che passa e sentire, insieme, qualcosa di simile alla vita.» - Anton Čechov

Se, come dicono i mistici ebraici, il silenzio è la voce con la quale Dio parla all'uomo, la grande letteratura è la voce con la quale l'uomo parla a se stesso, in un linguaggio che esprime con infallibile evidenza l'infinita, contraddittoria e oscura trama di pensieri e sentimenti, sogni e passioni, che da sempre agitano l'animo umano. Nella sua penetrante rivisitazione di pagine e figure memorabili della letteratura universale, Pietro Citati ne offre esempi eloquenti. L'urgenza della fede in un «Principio Supremo», radice comune delle tre religioni monoteiste, e l'amore per il Gesù dei Vangeli, raccontato e vissuto da Francesco, Angela da Foligno, sant'Ignazio e, quattro secoli dopo, da don Milani. Il «lavoro di commentatore dell'universo» di Montaigne e la cupa malinconia dietro le quinte delle commedie di Molière. La «furia di infinito» di Chateaubriand, attratto dalle magiche voci e dal sacro orrore delle foreste americane, e l'«esorbitante» pulsione visionaria di Balzac, incarnata nel personaggio del forzato Vautrin che da genio del male e dell'inganno si trasforma imprevedibilmente nel fautore del bene comune e di un'utopistica harmonia mundi . I tormenti di Charlotte Brontë, che solo nell'ombra della propria infelicità trova la giusta luce per narrare nel suo ultimo libro la storia di due persone felici, e la nevrastenia di Dostoevskij, schiavo della penna e inesorabilmente attratto dalla vertigine della roulette , forse perché sola metafora possibile di quel grande gioco d'azzardo che è per lui la letteratura. Ancora, il fascino per il mistero del dolore che portò Cechov nell'isola di Sachalin, il luogo delle «più intollerabili sofferenze», e la depressione che come un incubo irruppe nella vita di Tolstoj, confluendo nelle Memorie di un pazzo . L'ossessione di Stevenson per il Male Assoluto, impersonato dal diabolico signore di Ballantrae, e la fatale prossimità di Conrad «al limite estremo» – come il capitano Whalley del racconto omonimo –, in cui si è già con «un passo dentro la morte». O l'incontenibile euforia di Virginia Woolf a passeggio per le vie di Londra, l'amata città-teatro di cui era estasiata spettatrice e in cui perdeva se stessa, abolendo «il suo io immenso e vertiginoso». E, fra gli italiani, la «divertita, insaziabile, disperata» curiosità che Calvino provava per se stesso, e il male invisibile sepolto nell'anima di Gadda, quella «fascia di tenebra» che ricopre tutte le cose visibili e invisibili, velando persino le apparizioni più dolci della natura. Assumendo spesso un punto di osservazione apparentemente marginale, Citati sa cogliere l'essenza di ogni creazione letteraria e artistica, che è, come scrive Scott Fitzgerald, un «nuotare sott'acqua e trattenere il fiato», e che da sempre convive con l'abisso, lo intuisce o ne viene perdutamente folgorata, in un ambiguo intreccio con la biografia del proprio artefice. Un'esperienza dell'assoluto e del silenzio che si capovolge nel miracolo stupefacente della parola.

€ 18,70

€ 22,00

Risparmi € 3,30 (15%)

Venduto e spedito da IBS

19 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 11,88

€ 22,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 22,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    carlo

    18/09/2018 05:48:45

    Come sempre il maestro Citati trasmette un amore per la letteratura e una passione che difficilmente trovo altrove. Anche qui testi e autori trovano nelle sue parole un modo ulteriore di esprimersi. Grazie maestro Citati per rendere ancor piú vivi i personaggi e gli autori di cui scrive.

  • User Icon

    Loris

    23/07/2018 09:10:08

    Il libro è una raccolta di articoli e saggi, modificati e organizzati seguendo la cronologia degli autori trattati. Non sapendolo, mi aspettavo un testo più omogeneo, una sorta di manuale di critica letteraria, redatto con una particolare attenzione verso i temi della trascendenza e della psiche. A lettura terminata, mi ritrovo cmnq soddisfatto di fronte alla varietà di argomenti trattati: si parla di scrittori, certo, ma anche di figure storiche (straniante il ritratto del giovane Hitler), pittura (le tarsie doppie di Lotto), religioni (dall’Islam alla cabala ebraica, dai mistici cristiani ai copti) e molto altro. Citati scrive con passione, a tratti con enfasi, rende intriganti i suoi ritratti mescolando opere e dati biografici. Dal Tao a Kagge, la forma ultima di sapienza pare tendere al Vuoto attraverso il silenzio: nel mentre però l’esperienza umana si esprime attraverso la parola e il racconto, scandaglio lanciato verso l’abisso di ciò che non conosciamo e comprendiamo.

Scrivi una recensione
Parte prima. Dal Tao alla Mistica ebraica

Il Tao e il Vuoto
Mitridate VI Eupatore
Pausania e Delfi
Le origini cristiane
I Soliloqui di Agostino
La mistica ebraica

Parte seconda. L'Islam

Allāh
Dio e Satana nell'Islam
L'Islam e le crociate
Le sette principesse

Parte terza. Il francescanesimo

La vita di San Francesco
Angela da Foligno

Parte quarta. Da Lorenzo De' Medici a Molière

Lorenzo De' Medici
In margine alla vita di Montaigne
Le tarsie di Lorenzo Lotto
L'Autobiografia di Sant'Ignazio
Cervantes e la Invencible Armada
La regina Elisabetta e il conte di Essex
Thomas Browne
Il Re Sole
Vita di Molière secondo Bulgakov

Parte quinta. Da Sterne a Dostoevskj

Il Tristram Shandy
La morte di Robespierre
Chateaubriand e l'America
Poe e Dumas
Balzac e Vautrin
Villette di Charlotte Bronte
Neĉaev e Bakunin
La condanna di Dostoevskij
Dostoevskij in carcere
Il matrimonio di Dostoevskij
Dostoevskij e il gioco
Gli ultimi anni di Dostoevskij

Parte sesta. Da Tolstoj ala Woolf

Le memorie di un pazzo
I romanzi di Thomas Hardy
Il viaggiatore incantato
Stevenson e Il signore di Ballantrae
Čechov e Sachalin
I Buddenbrook
Cobrad al limite estremo
Hanns Sachs su Freud
Virginia Woolf e Londra

Parte settima. Da Roth a Gadda

La milleduesima notte
Gli ultimi libri di Fitzgerald
L'antisemitismo
La giovinezza di Hitler
Claus Von Stauffenberg
la vera vita di Sebastian Knight
la cognizione del dolore
L'Adalgisa
Eros e Priapo

parte ottava. Il silenzio e l'abisso

Leningrado e Šostacoviĉ
Il Diario di Anne Frank
Le interviste di Italo Calvino
Fellini a Venezia
L'occhio della mente
Don Lorenzo Milani
Dürrenmatt narratore
I copti e Matta el-Meskin
Il silenzio e l'abisso