Le sinfonie complete vol.2 (Trascrizioni per pianoforte) - CD Audio di Ludwig van Beethoven,Franz Liszt

Le sinfonie complete vol.2 (Trascrizioni per pianoforte)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Dynamic
Data di pubblicazione: 9 gennaio 2017
  • EAN: 8007144077716

€ 20,50

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il vasto catalogo di Liszt comprende una grande quantità di trascrizioni che spaziano da pezzi per organo di Bach a brani di Wagner, oltre a fantasie viruosistiche e parafrasi di opere di Mozart, Verdi e Gounod, ed altre ancora. Si tratta quasi sempre di parafrasi, ossia di reinvenzioni libere di Liszt di composizioni esistenti, mirate ad impressionare. Ma le trascrizioni per pianoforte delle nove sinfonie di Beethoven sono decisamente diverse. Assolutamente fedeli alla partitura, sono fatte prestando molta attenzione a questioni sia di timbrica strumentale che di accuratezza nella trascrizione sul pianoforte del tessuto e della tecnica orchestrale. Dynamic propone il secondo volume dell’integrale delle 9 Sinfonie di Beethoven trascritte per pianoforte da Liszt. Il progetto verrà realizzato in 5 CD separati. Il primo volume (CDS731) contiene le Sinfonie No.1 e No.6. Il presente CD (Vol.2) contiene invece la Sinfonia No.3 in Mi bemolle maggiore Op.55, detta “Eroioca” (4 tracce) e le 6 Bagatelle Op.126. Baldocci è un giovane e brillante pianista che sta facendo un’importante carriera e allievo di Martha Argerich con cui spesso si esibisce.
  • Ludwig van Beethoven Cover

    Compositore tedesco. La formazione musicale e culturale. Dei suoi antenati, contadini fiamminghi, si hanno notizie che risalgono al sec. xvi; il nonno Ludwig, forse il primo musicista della famiglia, aveva lasciato nel 1731 la terra d'origine per stabilirsi a Bonn come strumentista della cappella arcivescovile; anche il figlio di lui, Johann (il padre di B.), fu stipendiato come tenore nella stessa cappella. Le ristrettezze economiche e i disordini psicologici di Johann, che finì alcoolizzato nel 1792, segnarono l'infanzia di B. Dopo un tentativo del padre di lanciarlo come ragazzo prodigio (tentativo che fallì), egli iniziò la sua vera e propria educazione musicale sotto la guida di C.G. Neefe, un seguace dello stile «sentimentale» di Ph.E. Bach, che gli aprì... Approfondisci
  • Franz Liszt Cover

    Avviato allo studio della musica dal padre, amministratore al servizio dei prin­cipi Esterhàzy, cominciò a esibirsi in pubblico come pianista nel 1820. Dopo un periodo di studi a Vienna, nel 1824 si stabilì a Parigi, e fino al 1827 suonò ripetutamente in Francia, Inghilterra e Svizzera. Interruppe poi la carriera concertistica per approfondire la sua cultura musicale e per dedicarsi a studi di poesia, filo­sofia e sociologia; frequentò in quel tempo Lamartine, Hugo, Lamennais, Heine e divenne amico fraterno di Berlioz e Chopin. Nel 1835 fuggì in Svizzera con la moglie del conte d'Agoult, dalla quale ebbe tre figli: Blandine, Cosima (che divenne moglie di H. von Bülow e poi di Wagner) e Daniel. Con lei fu in Italia, do­ve rimase quasi... Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali