Sola con te in un futuro aprile

Margherita Asta,Michela Gargiulo

Editore: Fandango Libri
Anno edizione: 2015
In commercio dal: 26 marzo 2015
Pagine: 288 p.
  • EAN: 9788860444615
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Il 2 aprile del 1985 Margherita ha soltanto dieci anni. La sua casa di Pizzolungo, a Trapani, al mattino è invasa dalla confusione allegra di Salvatore e Giuseppe, i suoi fratelli, gemelli di sei anni. Non vogliono saperne di vestirsi e Margherita non vuole fare tardi a scuola. Chiede un passaggio a una vicina. I gemelli usciranno con l’utilitaria della mamma Barbara. Nello stesso istante due macchine della scorta vanno a prendere un magistrato. Si chiama Carlo Palermo e viene da Trento, dove ha indagato su un traffico di morfina proveniente dalla Turchia. Un fiume di droga che serve a finanziare altri traffici, armi soprattutto, e che produce altri soldi, che si intrecciano col giro delle tangenti della politica. Quando Palermo arriva a sfiorare Craxi la sua indagine arriva al capolinea. Da Trento, il giudice si fa trasferire a Trapani, dove la morfina turca viene raffinata in eroina. Per continuare a indagare su mafia, massoneria e politica. Sul lungomare di Pizzolungo le auto della scorta sfrecciano, non possono rallentare e quella utilitaria con una donna e due bambini seduti dietro va troppo piano. La sorpassano. Parcheggiata sul ciglio della strada c’è una golf con venti chili di tritolo nel bagagliaio. Qualcuno preme il tasto di un telecomando. È l’inferno. Carlo Palermo viene sbalzato fuori, è sotto choc ma si salva. Di Barbara Asta e dei piccoli Giuseppe e Salvatore restano solo frammenti.

€ 14,02

€ 16,50

Risparmi € 2,48 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Chiara

    07/12/2015 02:19:17

    Un racconto strepitoso. La visione di una bambina di 10 anni, a cui la mafia toglie la mamma e i fratellini. Un dolore inenarrabile, profondo, crudo. Margherita cresce e con lei anche la consapevolezza che lotta alla mafia la può fare raccontando la sua vita e la sua testimonianza.

  • User Icon

    Mauro

    15/06/2015 21:02:46

    Il 2 aprile 1985 un'autobomba esplode a Pizzolungo, vicino a Trapani. Obiettivo della mafia è il sostituto procuratore di Trapani Carlo Palermo, da poco trasferitosi su sua richiesta da Trento. Il magistrato si salva miracolosamente (anche se acciaccato, e lo resterà per tutta la vita), perché tra la sua auto blindata e l'autobomba transita l'auto di Barbara Rizzo, che sta portando a scuola i suoi due figli di sei anni, Giuseppe e Salvatore. L'auto e i occupanti vengono dilaniati, spiaccicati sul muro di una villetta di fronte. Su quell'auto doveva esserci anche Margherita Asta, la figlia di dieci anni, che però, per non fare tardi a scuola, ha preferito chiedere un passaggio a un'amica. Margherita si ritrova con la famiglia distrutta. All'inizio pensa che la colpa sia del mancato obiettivo della strage, cioè di Palermo, poi pian piano capisce che i responsabili si chiamano mafiosi, che non hanno esitato a compiere quella strage. E così in questo libro Margherita Asta, insieme a Michela Gargiulo, ricostruisce le tappe della sua vita da quel tragico giorno, intrecciate con le vicende di Carlo Palermo Palermo si era trasferito da poco da Trento, dove aveva indagato su traffici di armi e di droga all'estero. Arrivato a sfiorare Bettino Craxi, da poco diventato presidente del consiglio, era stato oggetto di procedimento disciplinare da parte del CSM su esposto proprio di Craxi. A Trapani Palermo scoprirà una delle più grandi raffinerie di droga, ma soffrirà, come tanti altri, di isolamento. Ricordiamo che quelli sono anni pesanti. Margherita Asta ha "elaborato" il suo dolore grazie alla sua nuova famiglia e all'incontro con Libera di Don Luigi Ciotti. E' un bel libro, che ci fa riflettere e tornare per un attimo a quegli anni bui. E ci fa pensare a quanti servitori dello Stato abbiamo dovuto rinunciare, per colpa di uno Stato che non è priuscito (rectius: non ha voluto) proteggerli e farli lavorare.

Scrivi una recensione