Categorie

Georges Simenon

Traduttore: E. Vicari Fabris
Editore: Adelphi
Edizione: 9
Anno edizione: 1998
Formato: Tascabile
Pagine: 150 p.
  • EAN: 9788845914195

scheda di Bertini, M. L'Indice del 1999, n. 02

I sotterranei del Majestic: titolo invitante, che sembra far eco ai Misteri di Parigi o al Fantasma dell’Opera.In realtà non siamo in un feuilleton a forti tinte, ma in un bel film noir d’epoca, di quelli in cui si stagliava, laconico e massiccio, Jean Gabin, con berretto proletario e sigaretta all’angolo della bocca.Prosper Donge, il protagonista, è esattamente così: ogni mattina raggiunge in bici la porta di servizio del Majestic e si prepara alla sua faticosa giornata da barista, mentre a casa Charlotte, ex-ballerina dalla bellezza sfatta, gli cucina il bœuf aux échalottes.Quando nei sotterranei del lussuoso albergo viene trovata assassinata la bella moglie di un ricco americano, gli indizi sembrano accusare proprio il povero barista; per fortuna, però, l’indagine è affidata a Maigret, che sa fiutare la corruzione dove veramente si annida, non certo nelle vicinanze dell’onesto stufato di Charlotte o del banco dove Prosper mesce ineguagliabili pernod. Il marcio si nasconde piuttosto nell’alta società cosmopolita che frequenta l’albergo, e nel losco e ripugnante Isaac Meyer, che ne sfrutta i vizi con torbido compiacimento... Ahimé, siamo nel 1942, e nonostante l’estetica proletaria non è troppo difficile capire da che parte stia Simenon.

(M.B.)

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Roberta

    28/07/2016 16.13.45

    Un'indagine tutta parigina del nostro commissario. Un buon ritmo e una narrazione con la giusta suspense e dei personaggi ben caratterizzati.

  • User Icon

    Cristiano

    05/06/2008 14.50.49

    Simenon ci porta all'interno dell'hotel Majestic, ma quella che sembra essere un'inchiesta inizialmente limitata e quasi banale, pian piano assume contorni più interessanti, quasi si espande uscendo dai sotterranei per arrivare lontano e trascinare il lettore in un avvicendarsi di colpi di scena imprevedibili e affascinanti. Un ottimo Maigret!

  • User Icon

    Nadia

    05/10/2004 11.25.12

    Atmosfere cupe e avvolgenti, dialoghi smorzati... Purtroppo vi è quel briciolo di razzismo che a parer mio caratterizza i primi romanzi di Maigret ma bisognerebbe storicizzare e questo nulla toglie alla bellezza e alla piacevolezza della scrittura.

  • User Icon

    delfzijl

    06/02/2003 14.32.41

    c è di meglio nei maigret; leggibile ; a tratti bello; ma a tratti francamente noioso

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione