Traduttore: L. Briasco
Editore: BEAT
Collana: BEAT
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
Pagine: 320 p., Brossura
  • EAN: 9788865591529
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 4,86

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    BARBARA BETTELLI

    22/10/2013 15:33:57

    Scott è gay e dipendente dal crack, vive a New York ed il rapporto più importante della sua vita è quello con lo spacciatore. Donna, la madre, ex secondina del carcere minorile, vive in Kansas ed il suo rapporto più importante è quello con il cancro che a volte scompare, poi ritorna sempre. Lei è Rotta, lui è Cotto. Scott torna in Kansas per assecondare per l'ennesima volta l'ossessione della madre per i bambini che spariscono nel nulla e che la porta a raccogliere materiale, intervistare persone, cercare. Non cerca i bambini, però, ma i carcerieri, e questo in virtù di ciò che le accadde da piccola, la sua sparizione di una settimana che resta avvolta nel mistero fin quasi alla fine del libro, poi in qualche modo si spiega. Madre e figlio, ritrovandosi, percorrono le lunghissime strade del Kansas costantemente immerso nella neve alla ricerca di indizi. Scott, ormai ridotto ad un rottame con le gengive sanguinanti, in bilico costante tra realtà e allucinazioni, continua a cercare la droga, la madre, all'ultimo stadio del cancro che se la sta mangiando dall'interno, continua a cercare ciò che le manca e quell'unica settimana di felicità che ha avuto da bambina. E' una storia cupa di disperazione e di spazi infiniti, in cui le mancanze hanno più importanza delle presenze, i dettagli contano più dell'insieme, l'essere prigionieri può essere meglio che essere soli. I valori e le scale di priorità sembrano sovvertiti in una costante ricerca di amore e tenerezza, che anziché manifestarsi viene rinchiusa in una cantina buia, legata e ammanettata. Ci sono anche i pick up, i drugstore lungo le strade dritte in mezzo al nulla, gli uffici postali con le impiegate pettegole e le vicine alcolizzate, tutta l'America dei paesotti tirati su a forza di roulotte e dei film belli.

  • User Icon

    Pupottina

    27/09/2013 10:00:59

    Le sparizioni è un romanzo complesso, molto particolare soprattutto per i personaggi e per come viene sviluppata la vicenda, andando avanti e indietro nel tempo, fra l'oggi e i ricordi, più o meno confusi, fra gli indizi riportati dai giornali e le bugie che vanno ben distinte dalla realtà. È un romanzo ricco di situazioni cupe ed emozioni negative, carico di interiorità e simbolismi, volti a svelare la variegata complessità dell'animo umano.

  • User Icon

    Pupottina

    27/09/2013 09:59:50

    Le sparizioni è un romanzo complesso, molto particolare soprattutto per i personaggi e per come viene sviluppata la vicenda, andando avanti e indietro nel tempo, fra l'oggi e i ricordi, più o meno confusi, fra gli indizi riportati dai giornali e le bugie che vanno ben distinte dalla realtà. È un romanzo ricco di situazioni cupe ed emozioni negative, carico di interiorità e simbolismi, volti a svelare la variegata complessità dell'animo umano.

  • User Icon

    Cristiana

    23/06/2009 21:43:30

    Una storia priva di senso

  • User Icon

    Adry

    20/10/2008 15:52:23

    Ho fatto molta fatica a portarlo avanti, e trovo che la scrittura, per quanto fluida e corretta, spesso sia troppo melensa, punti troppo all'effetto, al sentimentalismo. Proverò a leggere il primo romanzo di questo autore, per avere un'idea più completa del suo stile, ma per ora rimango molto delusa da questo appena letto.

  • User Icon

    terry

    24/09/2008 17:12:44

    E' il primo libro che leggo di questo autore. La sua tristezza è coinvolgente. La cosa che mi ha colpito di più del romanzo è il rapporto di amore che si percepisce nella descrizione della malattia tra madre e figlio. Una descrizione cruda, reale, ma piena di tenerezza. Un libro che consiglierei a chi riesce a cogliere un po'di serenità anche nella malinconia.

  • User Icon

    Dario

    15/07/2008 09:26:24

    L'autore del sorprendente "Mysterious Skin" (anche il film che ne è stato tratto è imperdibile!) riversa il suo nerissimo mondo interiore in questo nuovo romanzo, implacabilmente cupo e disperato. Forse davvero troppo deprimente.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione