Lo specchio scuro. Restaurato in HD (DVD)

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Stati Uniti
Anno: 1946
Supporto: DVD
Salvato in 24 liste dei desideri

€ 7,99

€ 12,99
(-38%)

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (8 offerte da 8,78 €)

Due sorelle identiche per aspetto fisico, sono in realtà diversissime per temperamento e carattere. Ruth è una donna gentile e dall'animo dolce, mentre Terry è una folle assassina morbosamente gelosa della sorella. Uno psichiatra attratto dalla loro strana relazione, inizia a studiarne i comportamenti e finisce per innamorarsi di Ruth. Terry, però, si intromette mossa da un profondo odio per il dottore.
4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Andtea

    16/05/2020 21:45:01

    Bel noir del grande Robert Siodmak già autore di capolavori come La scala a chiocciola e I gangster. Doppio ruolo per Olivia de Havilland che interpreta magistralmente le due sorelle Terry e Ruth cosi simili ma rese diverse attraverso la modifica delle espressioni del volto. Da non perdere per gli appassionati del genere.

  • Film in bianco e nero
  • Produzione: Golem Video, 2019
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0);Inglese (Dolby Digital 2.0)
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: 1,33:1
  • Area2
  • Lew Ayres Cover

    Propr. Lewis Ayer, attore statunitense. È al suo esordio quando bacia la Garbo (Il bacio, 1929, di J. Feyder), e l'anno successivo è protagonista in uno dei suoi ruoli più intensi in All'Ovest niente di nuovo di L. Milestone. Dalla Universal alla Republic attraversa produzioni di serie per approdare a Il giovane dottor Kildare (1938) di H.S. Bucquet nei panni del medico idealista che vestirà per otto film: il successo non trattiene però la Metro dal licenziarlo quando, nel '42, rifiuta la chiamata alle armi. Il dopoguerra, all'insegna del noir (Lo specchio scuro, 1946, di R. Siodmak) e del melodramma più cupo (Johnny Belinda, 1948, di J. Negulesco, nomination), precede un trentennio di apparizioni televisive. Approfondisci
Note legali