Lo spettro greco - Riccardo Bellandi - ebook

Lo spettro greco

Riccardo Bellandi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: youcanprint
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,52 MB
Pagine della versione a stampa: 288 p.
  • EAN: 9788891149138
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 1,99

Punti Premium: 2

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
Fai un regalo

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Autunno 1946. L'Italia, uscita sconfitta e prostrata dal conflitto, è sull'orlo di una guerra civile con l'Armata jugoslava che preme ai confini orientali. I servizi segreti degli Stati Uniti organizzano una rischiosa missione a Gorizia, città di confine occupata dagli angloamericani e rivendicata da Tito. Obiettivo: indebolire l'ala filojugoslava e rivoluzionaria del Pci, e scongiurare così lo scoppio di una guerra civile come in Grecia. Al commando è aggregato un reduce italiano dall'ambiguo passato, Aldo Ganz. Tra cruente azioni di guerriglia, combattimenti all'ultimo sangue, tradimenti e molteplici colpi di scena, seguiremo il tentativo di Aldo Ganz e degli altri membri del commando di superare gli ostacoli posti dall'UDBA, la temibile polizia segreta di Tito, e portare a termine la missione.
5
di 5
Totale 3
5
3
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Stefano

    18/08/2016 10:44:38

    Un romanzo storico che rende giustizia degli anni terribili del dopoguerra al confine orientale. Avvincente come si addice ad una spy story, crudo nelle descrizioni, corretto nel riportare nel racconto fatti storici realmente accaduti di cui è ancora meglio non raccontare. Magistralmente descritta la figura del protagonista, Aldo Ganz. Da leggere tutto d'un fiato.

  • User Icon

    Filippo

    04/12/2015 18:26:27

    Ho avuto l'occasione di leggere il romanzo appena pubblicato e devo dire che è un'opera narrativa avvincente oltre che interessante dal punto di vista storico. E'ambientato tra la ex Jugoslavia e il Friuli nel tormentato periodo dell'immediato secondo dopoguerra (1945-46) quando le mire di Tito e del suo regime comunista sull'Istria e sul Friuli crearono una situazione di tensione internazionale tra le potenze vincitrici - Stati Uniti e Russia - preoccupate di perdere il controllo di quella regione di confine tra mondo comunista e mondo occidentale. Situazione in cui è coinvolto lo stesso Partito Comunista Italiano, alcuni esponenti del quale si schierano a favore dell'occupazione dei territori italiani da parte dei comunisti jugoslavi. Si affaccia allora anche per l'Italia "lo spettro greco", ossia il rischio di una guerra civile come avvenne in Grecia dal 1946 al '49 tra la guerriglia comunista e le forze governative appoggiate dagli alleati anglo-americani. Ma nel romanzo entrano in scena i servizi segreti di entrambi i contendenti, oltre a singoli agenti speciali come il protagonista Aldo Ganz e, tra violenze inaudite e crudeltà disumane tra combattenti e perpetrate anche a danno della popolazione civile, la vicenda ha un epilogo che scongiura il rischio dello spettro greco. Lettura coinvolgente grazie anche a un linguaggio essenziale e scorrevole e a un ritmo incalzante e ricco di colpi di scena, il romanzo si giova di una ricostruzione storica fedele e minuziosa, e accende una luce su un periodo tanto tormentato quanto ancora poco conosciuto dagli italiani.

  • User Icon

    Dario Buricelli

    04/12/2015 09:46:19

    Romanzo ben scritto. La trama incalzante e avvincente. Personaggi, soprattutto il protagonista Aldo Ganz, intensi, cinici e spietati come si addice a una spy story. L'ambientazione e il contesto storico curato e coerente, oltre che originale: Gorizia e Trieste nel dopoguerra tra la Jugoslava di Tito e l'Italia di De Gasperi.

| Vedi di più >
Note legali