Categorie

Enzo Bianchi

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2015
Pagine: 110 p. , Rilegato

4 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Religione e spiritualità - Cristianesimo - Studi ed esegesi biblica

  • EAN: 9788806229665


Nel silenzio o nel caldo rumore delle voci, la tavola è il luogo dove si esprime la fiducia reciproca, la fraternità, la gioia condivisa, la pienezza della vita.

«Mangiare è molto più che nutrirsi, bere è molto più che dissetarsi, a tal punto che l’arte del vivere, la sapienza, può essere riassunta e simboleggiata nell’arte del mangiare e bere»

La tavola è un componente centrale della vita di un nucleo familiare: dovrebbe essere il luogo attorno al quale i componenti della famiglia si radunano e creano un momento importante della quotidianità, ovvero la condivisione delle proprie esperienze, il dialogo.
Nel suo nuovo libro Enzo Bianchi, fondatore e priore della Comunità monastica di Bose, ci ricorda che per Gesù e, di conseguenza, per tutti i cristiani, la partecipazione alla stessa tavola è molto di più: è l’occasione per fare festa e trovare pace, per rendere grazie a Dio. Il gesto dello spezzare il pane è fortemente simbolico: non è solo condivisione del nutrimento, che è sostentamento del corpo, ma soprattutto dell’anima, messa in compartecipazione tra tutti i presenti alla mensa. Ed è proprio da questo momento che Gesù viene riconosciuto all’interno dei banchetti descritti nei Vangeli, sia prima della sua resurrezione, sia dopo.
Enzo Bianchi, inoltre, ci fa notare come in molti episodi evangelici sono presenti tavole imbandite e momenti di convivialità, e come Gesù insegna in alcune parabole tramite l’immagine di un avvenimento tanto comune, quanto pieno di sfaccettature e significati. La tavola dev’essere vista sempre come un «insieme» e come un «mai senza l’altro», anche se in alcuni banchetti a cui Gesù viene invitato è chiaro l’intento di escludere chi non è ben accetto, chi è emarginato, come i poveri, gli storpi e chi non può eventualmente ricambiare l’invito in un futuro. Per questo motivo Gesù accetta l’invito anche di coloro che godono pubblicamente di cattiva fama, per stabilire con loro una comunione virtuosa, per redimerli: accoglie la loro richiesta di quel piccolo segno di fiducia del quale avrebbero bisogno per intraprendere il loro cammino di cambiamento, e festeggia con loro questo evento tramite il cibo e la tavola.
Attraverso numerose citazioni di passi biblici ed evangelici, Enzo Bianchi ci racconta la figura di Gesù in quanto Amore incondizionato e disinteressato, contrapposto alla società che, anche oggi così come ai tempi, è governata da forze spesso contrapposte all’amicizia, alla comunione, al perdono e porta gli uomini al suo interno a dimenticarsi ciò che porta la gioia e la pace ogni giorno.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    claudio

    12/02/2016 19.42.18

    Il pane e il vino sono sulla tavola dell'uomo da tempo immemorabile. E sono i simboli di quanto ci ha lasciato Gesù Cristo prima della sua passione. Il cibo oggi sulle tavole di noi occidentali è superiore a quanto ci necessita. Molto finisce nella spazzatura. Ed è una gran bestemmia nei confronti di quanti nel mondo -e sono ancora tantissimi. non ne hanno a sufficienza.

  • User Icon

    ant

    17/12/2015 18.57.42

    Il Priore della comunità monastica di Bose(BI) ci regala queste pagine semplici e allo stesso tempo, a mio avviso, molto importanti e significative. Attraverso mille esempi sia di natura culinaria, che soprattutto spirituale e comportamentale, Bianchi mette in risalto il cambiamento di approccio verso il cibo e verso la convivialità dello stare insieme che in questi anni non è più lo stesso. Emerge prepotentemente da queste pagine il richiamo che Bianchi fa ad ognuno di noi e cioè: la nascita di un nuovo pensiero che mette al centro questa voglia di apparire magri e salutisti a tutti i costi, arrivando a sprecare piuttosto che mangiare e isolandoci sempre di più in pranzi veloci e senza commensali intorno. Tanti gli spunti interessanti in merito al rito del pranzo e dello stare insieme,con argomentazioni molto sentite e commoventi soprattutto a riguardo degli aspetti culturali,simbolici e tradizionali del pane e anche del vino.Concludo estrapolando un passaggio in cui Bianchi ci regala nove regole basilari x rispettare il cibo, il pane innanzitutto, la tavola e la voglia di stare insieme. 1)Essere consapevoli di ciò che si mangia; 2)Stupirsi e meravigliarsi sempre; 3)Avere rispetto per il cibo; 4)Benedire e rendere grazie; 5)Abitare la tavola; 6)Gustare con tutti i sensi; 7)Mangiare con lentezza; 8)Condividere il cibo; 9)Rallegrarsi, gioire insieme Bello

Scrivi una recensione