La spia. A Most Wanted Man

A Most Wanted Man

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: A Most Wanted Man
Regia: Anton Corbijn
Paese: Gran Bretagna; Germania
Anno: 2014
Supporto: DVD
Salvato in 10 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 8,50 €)

Tra Amburgo e Berlino una imprevedibile catena di eventi coinvolgono un misterioso uomo in fuga, un banchiere britannico, una giovane avvocatessa idealista e il capo di un'unità segreta di spionaggio tedesca.
3,25
di 5
Totale 4
5
0
4
1
3
3
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Roberto

    20/08/2019 13:02:28

    Questo film è una occasione perduta. La trama, staordinariamente attuale, risulta ben più semplificatoria del romanzo da cui è tratta. Salvato solo dalla recitazione di Philip Seymour Hoffman

  • User Icon

    Giulio

    08/03/2019 09:53:25

    Non è il solito film di spionaggio pieno di sparatorie e inseguimenti in macchina per vie strette. In questa storia sono presenti dei personaggi molto normali coi loro problemi ed i loro sentimenti, ed il cast di attori rappresenta al meglio ognuno di loro (Willem Dafoe, Rachel McAdams, Robin Wright ed un superlativo Philip Seymour Hoffman). La vicenda si dipana fra Amburgo e Berlino e vede coinvolti un profugo ceceno, un banchiere britannico, una giovane avvocatessa idealista ed il capo di un'unità segreta di spionaggio tedesca che cerca di troncare dei traffici commerciali volti a finanziare atti terroristici. Spiazzante il finale!!!

  • User Icon

    ac

    23/02/2016 22:13:47

    penso che la recensione di robero 61 sia perfetta nel'inquadrare il film e non serve aggiungere altro se non che mi associo in tutto e per tutto.

  • User Icon

    ROBERTO'61

    13/04/2015 17:29:58

    Un rifugiato ceceno cerca di recuperare i soldi sporchi di sangue che suo padre ha depositato in Germania ad Amburgo. Intercettato casualmente dai servizi segreti americani sarà usato come esca per incastrare un dottore arabo dedito alla filantropia ma sospettato di finanziare Al Quaeda. Spy story anomala, senza sesso, violenza, inseguimenti e lusso, centrata sul personaggio dell'agente dei servizi segreti grasso, depresso, solitario ma acuto e intelligente, splendidamente interpretato da un Philip Seymour Hoffman perfettamente calato nella parte. È una partita a scacchi giocata per il gusto della mossa, della tattica, sapendo che alla fine sarà sempre il sistema a dare scacco matto, come già successo a Beirut e chissà dove altro ancora. Nella partita i pedoni sono uomini inermi, disorientati, deboli, trattati come pericolosi assassini mentre le regine, gli alfieri e le torri sono persone di potere, spavalde, amorali.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente

Il defunto Philip Seymour Hoffman apparirà di nuovo sullo schermo nel cast dei prossimi Hunger Games. Ma la miglior performance in assoluto di Hoffman, tra le ultime – e si tratta di maestria in fatto di recitazione – arriva proprio in La Spia – A Most Wanted Man. Teso, tortuoso e terrificante spy-thriller di Anton Corbijn, sulla base del romanzo del 2008 di John le Carré.
Hoffman, che è morto nel mese di febbraio, interpreta Günther Bachmann, un’intelligenza operativa tedesca. Dagli attentati dell’11 settembre Günther si ritrova a capo di un’unità di spionaggio su piccola scala che traccia la comunità musulmana di Amburgo, dove è stato progettato l’attacco contro l’America.
Corbijn (The American), lavorando a una sceneggiatura di Andrew Bovell, la insaporisce accendendo una miccia molto lunga per massimizzare la suspense. Tutta l’attenzione è su Issa Karpov (Grigoriy Dobrygin), un nuovo arrivato ceceno-russo che assume l’avvocato per i diritti umani Annabel Richter (Rachel McAdams) per raccogliere la fortuna di suo padre da una banca tedesca gestita da Thomas Brue (Willem Dafoe). È motivo avidità di Issa o per finanziare il terrorismo?
Günther vuole sapere. Così fa chiunque altro nel racket delle spie, compresa la CIA, nella persona di Marta Sullivan (Robin Wright). Il gioco del gatto col topo che Hoffman gioca con Wright è reso in maniera splendida.
Ogni mossa di Hoffman cattura l’attenzione con astuzia. C’è l’accento tedesco innaturale, l’ubriacarsi, le sigarette fumate una dopo l’altra, le occhiate alla sua assistente (Nina Hoss), la vita segreta che Hoffman tiene nascosta e i tradimenti che anche lui non può prevedere.
Hoffman è semplicemente magnifico. Ammettiamolo. Non lo vedremo mai più così.

Recensione di Peter Travers

 

  • Produzione: Rai Cinema, 2015
  • Distribuzione: RAI Cinema
  • Durata: 121 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
Note legali