Categorie

Benedetta Tobagi

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2013
Pagine: 468 p. , ill. , Rilegato
  • EAN: 9788806206307

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Il libraio di Novara

    16/12/2015 14.46.26

    Un 'opera importante, una ricostruzione socio-storico-giuridico-politica degli eventi che portarono alla strage di Piazza Loggia. Da rileggere ora alla luce dei recenti fatti giudiziari che hanno portato a due condanne dopo 41 anni di processi.

  • User Icon

    gianni

    18/04/2014 09.56.49

    Un libro necessario a chiunque voglia cominciare un percorso di comprensione di quegli anni. Una memoria indispensabile, e ancora largamente da costruire.

  • User Icon

    silvia

    20/02/2014 10.29.27

    Devo dire che non è facile scrivere una recensione per questo libro. Il lavoro di Benedetta Tobagi è eccellente nella ricostruzione, ottima la scrittura, raffinata e con riferimenti finalmente colti e profondi. Tuttavia, trovo il tema e lo sviluppo della trama eccessivamente manicheistico, con tutti i buoni e tutti i cattivi da parti opposte. Mi chiedo se questo sia dovuto alla giovane età della Tobagi, le manca forse una visione più matura, e forse, anche se il gesto di aver restituito un riconoscimento forte, affettuoso, appassionato ad alcune delle vittime innocenti di una strage ,rimane purtroppo secondo me ancora viziato da una visione parziale e per niente pacata, che le lascia sfuggire affermazioni a dir poco sconvolgenti, di cui maturando certamente lei per prima comprenderà il peso, almeno, glielo auguro. Mi dispiace molto che comunque nello scegliere di dar voce solo ad alcune di queste vittime,tutte persone impegnate ed idealisti puri, siano inevitabilmente, ancor di più, scese nell'oblio altre, persone "normali", passate di lì ad incontrare una morte assurda. Mi sarebbe piaciuto di più, e credo che intellettualmente e politicamente sarebbe stato più corretto, se la condanna alla violenza delle stragi fosse stata UNIVOCA, univoca e totale. Non è così. Viene da dire, alla fine della lettura di questo libro, meno male che i giovani di oggi si siano disaffezionati alla politica, se la passione politica produce mostri : ma questo è esattamente il contrario di quanto suppongo e spero, l'autrice volesse ottenere.

  • User Icon

    Carlo

    05/01/2014 09.33.37

    Grandissimo libro. Fondamentale per capire, anche per me che li ho vissuti in prima persona, quegli anni duri. Per ragionare su come la strage di Brescia sia stata diversa dalle altre, nella sua preparazione e nei suoi effetti. Perchè ha colpito nel cuore una parte specifica della società e, al suo interno, una sua porzione omogenea e politicamente attiva. Commovente, nel capitolo "Cantata", la rievocazione di quel gruppo di amici e intellettuali che innervavano la politica "progressista" bresciana, quasi totalmente spazzata via dalla bomba. Quasi, pechè chi è rimasto (Manlio), è riuscito a portare avanti una battaglia storica-politico-giudiziaria che, se non ha ottenuto, ancora, una vittoria piena nei tribunali, ha però contribuito a ricostruire una storia del terrorismo nero e delle sue complicità politiche e sociali ormai riconosciuta, "al di là di ogni ragionevole dubbio".

  • User Icon

    Oriana

    01/01/2014 18.39.52

    Questo libro mi attraeva e non sapevo perchè. Il racconto dei sopravvissuti è incredibilmente lucido, pulito, "oggettivo". Viene raccontata quella parte della nostra storia in modo altrettanto sano. Sono nata negli anni 70 e avevo bisogno di questo libro, di Benedetta e di Manlio, di Livia, Clem, Alberto, Luigi, Giulietta, Euplo, Vittorio, Bartolomeo. Dovrebbe essere un libro da leggere nelle scuole.

  • User Icon

    Mirko

    21/12/2013 18.48.01

    Il dolore per la perdita di una compagna, di un amico viene raccontato da chi quel dolore lo ha vissuto e ci convive ogni giorno. Sapere come lo Stato, o meglio alcuni esponenti hanno ostacolato il corso della verità storica fa rabbia e spinge il lettore a vedere la fine e purtroppo scopre che nulla è stato raggiunto a livello processuale. Uno splendido racconto degli umori, delle speranze dell'Italia degli anni Settanta.

  • User Icon

    aldo

    14/12/2013 11.26.51

    semplicemente stupendo...da leggere e far leggere per capire chi siamo e da dove veniamo

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione