Storia di una foto. Milano, via De Amicis, 14 maggio 1977. La costruzione dell'immagine icona degli «anni di piombo». Contesti e retroscena

Curatore: S. Bianchi
Editore: DeriveApprodi
Anno edizione: 2011
Pagine: 163 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788865480182
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 17,00

€ 20,00

Risparmi € 3,00 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    davide steccanella

    05/05/2011 11:09:17

    Un libro fotografico arricchito dai commenti di qualcuno che c'era per ricostruire quanto accadde a Milano in via de amicis il 14 maggio del 1977 dove fu ucciso l'agente Custra, il titolo evoca la celebre foto che ritrae Giuseppe Memeo nell'atto di sparare ad altezza uomo e che è diventata un pò l'icona degli anni di piombo. Quel giorno, racconta il libro, migliaia di giovani scesero in piazza per manifestare la loro rabbia contro la morte di Giorgiana Masi e contro l'arresto di due avvocati di soccorso rosso (Spazzali e Cappelli), c'era tutta la autonomia milanese, la banda Bellini il gruppo del casoretto e tanti altri. Sempre leggendo il libro si apprende che venendo meno agli accordi degli organizzatori, che avevano previsto una grande manifestazione priva di scontri diretta al duomo, alcuni ad un certo punto si staccarono dal corteo per dirigersi verso il carcere di San Vittore e che, una volta avvedutisi dell'ampio schieramento di forze dell'ordine, proprio nella contigua via de amicis tirarono fuori le armi e così accadde quello che accadde. Il fatto ebbe un effetto dirompente sull'intero movimento milanese (ma non solo) del 1977, fu la fine dello spontaneismo organizzato di massa e l'inizio di tanti successivi percorsi di lotta armata verso i tanti nuovi gruppi che in seguito sarebbero sorti in Italia primo far tutti quello di Prima Linea. Se è vero che effettivamente molti di loro dopo quel fatto avrebbero aderito a diversi gruppi armati, chi alle FCC di Alunni, chi a PL, chi ai PAC di Battisti e che negli anni successivi il movimento entrò in crisi, quel libro sembra dimenticare molti altri fatti accaduti nel nostro paese dopo quel 14 maggio che sono altrettanto necessari, io ritengo, per capire e spiegare gli anni successivi, onestamente insomma ritengo un pò "semplicistico" attribuire tutta la colpa della "fine del sogno" a quel pomeriggio del 14 maggio 1977.

Scrivi una recensione