La storia di un matrimonio

Andrew Sean Greer

Traduttore: G. Oneto
Editore: Adelphi
Collana: Gli Adelphi
Anno edizione: 2011
Formato: Tascabile
In commercio dal: 19 gennaio 2011
Pagine: 224 p., Brossura
  • EAN: 9788845925535
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
"Crediamo tutti di conoscere le persone che amiamo": così Pearlie Cook comincia a raccontarci gli incredibili sei mesi che sono stati, per il suo matrimonio, una sorta di inesorabile lastra ai raggi X. Siamo nel 1953, in un quartiere appartato e nebbioso di ex militari ai margini di San Francisco, e tutto nella vita dei Cook parla ancora della guerra: la salute cagionevole di Holland, i ricordi tormentati di lei, le loro abitudini morigerate e un po' grigie. Una vita per il resto normalissima, come sottolinea la voce ammaliante di Pearlie - mentre la sua testa scoppia di pensieri che forse, via via che si disvelano, preferiremmo non ascoltare. Eppure li leggiamo con avidità, rassicurati dal fatto che lei, palesemente, ha intenzione di dirci proprio tutto. Perché, allora, ci sentiamo invadere da un'ansia arcana, da un senso di vertigine e di smarrimento, come davanti a certe atmosfere torve di Edgar Allan Poe? Non solo per il susseguirsi di colpi di scena che ci avvincono a ogni riga sino a condurci all'unico finale davvero imprevedibile. Non solo per l'uomo venuto dal passato, per la lettera che colpisce come un pugno, per i terribili segreti che si dischiudono a uno a uno... Sarà allora per la dolorosa lucidità con cui la narratrice riesce a indagare la distanza che separa ciascuno di noi dagli altri? O perché a ogni pagina ci chiediamo: come fa Pearlie a sapere tutte queste cose - di noi?

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 10,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Greta

    20/09/2018 07:11:30

    California, anni ‘50. Il conflitto mondiale è ormai alle spalle, ma sono altre le guerre che l’America si trova ad affrontare. In questo panorama la nostra narratrice, moglie e madre, ci racconta la travagliata storia del suo matrimonio. Il libro è di ampio respiro, affronta le tematiche del razzismo, della guerra, dell’omofobia. Lo fa con uno stile scorrevole ed un buon grado di introspezione. Consigliato

  • User Icon

    Giupe

    18/09/2018 20:03:51

    Questo romanzo fonda sul non detto tutta la storia raccontata; i personaggi sono vittima ognuno dell'idea che si sono fatti dell'altro, e finiscono per prendere decisioni sbagliate sulla base di questi pregiudizi. In particolare ciò è vero per Pearlie a Holland, i due coniugi che non riescono a vivere serenamente la loro intimità ma in realtà sono molto più uniti di quello che credono. Il libro si legge molto scorrevolmente, e lascia al lettore un senso di dolcezza che forse è il maggior pregio del romanzo.

  • User Icon

    Costanza

    18/09/2018 06:38:37

    Nell'America degli anni '50, Holland e Pearlie sono due giovani di colore felicemente sposati. Un giorno, alla loro porta, si presenta un fantasma del passato di Holland che metterà a dura prova il loro matrimonio. I presupposti per una trama coinvolgente e interessanti quindi ci sono tutti, così come la prosa di Greer che ho trovato semplice ma allo stesso tempo efficace. Ho amato tantissimo il personaggio di Pearlie: una donna straordinaria, dotata di una forza e di una determinazione uniche. E' una storia di sacrificio, di sofferenza, di dolore, ma soprattutto di Amore con la A maiuscola. Non fatevi ingannare: non è un romanzo rosa sdolcinato, ma vale assolutamente la pena leggerlo.

  • User Icon

    Giuseppe Distefano

    10/12/2017 14:41:03

    Originale ed intrigante si legge gradevolmente.

  • User Icon

    valter57

    06/09/2017 11:25:21

    Pensavo fosse una storia d'amore, non è così, è la storia di una coppia segnata profondamente dalla guerra, la seconda guerra mondiale e poi la guerra di Corea, che i protagonisti, siano essi maschi che femmine, subiscono e da cui non riescono ad uscire. Se si 'legge' così il romanzo, allora si spiegano e si capiscono tante cose. Molto bello lo stile di scrittura, la storia raccontata da una donna e scritta da un uomo, non facile, romanzo meritevole e denso di passione.

  • User Icon

    cesare

    12/11/2016 16:33:17

    La storia di un matrimonio , Andrew Sean Greer 5/5 Leggendo questa meravigliosa storia ti rendi conto all'improvviso che sta parlando della tua vita con i suoi colpi di scena, i momenti di paura e di tristezza e le gioie improvvise ed inaspettate. Ansia e tremori, sconfitte e fallimenti, amore e passioni. Questa storia è bellissima , un capolavoro che non pensavi dalle prime pagine. pagg. 224 nov.2016 Edizioni Gli Adelphi

  • User Icon

    luca Bidoli

    03/09/2016 00:31:14

    Un libro bello, intenso che si legge con folgorante passione ed intensità. Una narrazione che mescola con abilità lo sguardo retrospettivo della protagonista in una storia che la lucidità dello stile e la capacità dell'autore di immedesimarsi nelle pieghe dell'animo umano -con vera e sincera pietas verso il nostro povero e illusorio destino- rendono splendida. Una sorta di milonga dolce e amara, con sguardi inquietanti su ciò che siamo e su ciò che crediamo di essere. Il vero lato oscuro è la luce che c'è in noi.

  • User Icon

    B63

    25/02/2016 13:10:58

    Con un ottimo stile letterario, il libro parla di una storia al limite del reale ma che prende il lettore pagina dopo pagina. Mi è piaciuto molto. Consigliato.

  • User Icon

    luciano

    06/02/2016 22:15:25

    Il romanzo è come una macchia d'olio che si allarga, di sorpresa, in sorpresa, sempre più mano a mano che il racconto procede, con un finale toccante. Come poco conosciamo le persone che amiamo e con cui viviamo; da questo punto di vista il romanzo crea inquietudine.

  • User Icon

    manuela

    03/03/2014 18:45:46

    profonda analisi psicologica dei personaggi. ciascun lettore può scorgere qualcosa di sé tra le righe di questo testo.... Si legge d'un fiato,ad ogni pagina vien voglia di proseguire,proprio come un thriller magistralmente concepito...anche se non si tratta di un thriller!

  • User Icon

    Nicole

    26/05/2013 19:34:05

    Avrebbero dovuto intitolare questo romanzo "La STRANA storia di un matrimonio"....perche onestamente speravo di leggere una storia in cui un pò tutti potessero identificarsi.Quella di Pearlie invece è una storia secondo me troppo particolare...Comunque è stata una lettura tutto sommato scorrevole e piacevole,con la quale si spazia tra mille tematiche,non solo il matrimonio o la vita di coppia.

  • User Icon

    Am

    17/11/2012 11:51:13

    Libro con diversi spunti narrativi interessanti. A volte personaggi un pò banali o inverosimili, ma nel complesso si legge d'un fiato, pur senza essere un assoluto capolavoro. Consiglilabile

  • User Icon

    anna marcantonio

    12/11/2011 20:49:00

    La storia di un matrimonio per raccontare la difficoltà di entrare davvero in relazione con l'Altro, nonostante un grande amore o forse paradossalmente proprio a causa di questo. La trama è piena di colpi di scena e di situazioni "non dette" che si svelano a poco a poco, fino alla parte finale in qui tutti i tasselli del mosaico prendono il loro posto. Nelle frasi finali del libro ne possiamo così leggere il senso più profondo, quello che spiega perchè nella vita non sempre la ragione trova le motivazioni di scelte apparentemente assurde: "... se è alla vostra portata, scegliete l'estasi; se appena potete, scegliete l'amore..... La pazzia non c'entra. Forse, nelle vostre vite ordinarie, è l'unico gesto di poesia."

  • User Icon

    silvia

    29/06/2011 22:07:54

    Io non so se ho capito male il libro..cioè mi aspettavo davvero tutt'altra storia e mi sono ritrovata per le mani una trama inutile e davvero incomprensibile..(se quello che Buzz dice è vero ce c'entra Annabel?)..come si fa ad amare un personaggio come Pearlie che dall'inizio alla fine subisce e subisce per un marito che parliamoci chiaro,chi lo vorrebbe???solo perchè è bello??Dovevo ritrovarmi nella storia e nella protagonista ,beh neanche un pò..le donne ,le mogli non sono e non devono essere così e neanche i matrimoni..davvero non capisco i voti alti..boh!

  • User Icon

    Rubina

    10/06/2011 11:39:39

    Libro piacevole, ma nulla di straordinario. Inverosimili i personaggi, inverosimile la trama. Solo qualche spunto degno di nota, ogni tanto.

  • User Icon

    alex

    30/05/2011 09:30:01

    Una storia molto particolare, effettivamente ricca di colpi di scena e comunque bellissima!

  • User Icon

    Margherita

    23/05/2011 09:39:15

    all'inizio ti prende e ti affascina......poi il fnale è quello che ognuno di noi si immagina dall'inizio!

  • User Icon

    Santolo Taglialatela Scafati

    25/04/2011 22:19:30

    In verità la prima parte mi è piaciuta molto, e alcuni "colpi di scena" sono intervenuti nel racconto, ma poi tutto si è spento in quanto l'autore ha girato intorno allo stesso punto come un animale nella gabbia in cui è consistita la sua storia. Troppo improbabile la mancanza di dialogo tra moglie e marito. Ammetto che era l'unica strada che aveva l'autore, ossia il negoziato che portano avanti lei con l'amante di lui diciamo di nascosto, per portare avanti il libro, ma diventa tutto troppo inverosimile. Bastava che i coniugi si parlassero tre minuti e invece solo silenzi. Tuttavia è interessante conoscere alcune "verità" della guerra fatta dagli americani. Insomma, comunque resta un libro scritto bene, però non decolla.

  • User Icon

    alex

    24/04/2011 22:20:30

    per quanto la storia presenti alcune "falle" è assolutamente accattivante e scritta in modo estremamente scorrevole e senza pause noiose. questo libro si divora.

  • User Icon

    claudia

    10/03/2011 16:51:06

    Un'ottima scrittura, un'occasione persa, una grossa - dopo le recensioni lette - delusione. Scagliata la bomba iniziale, le dinamiche e le ragioni dei personaggi tentano di tenersi sul filo del rasoio finendo invece per afflosciarsi su se stesse. Holland non è un marito di cartone: semplicemente non è un personaggio. Pearlie accetta ciecamente la versione di Buzz, ed entrambi cincischiano inutilmente sul loro baratto, senza che nulla si muova, fuori e dentro. Anche la vicenda di Annabel sembra avere poco o nessun senso. Molto bella la descrizione storica, della percezione di una certa fase della storia americana. Peccato.

Vedi tutte le 51 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione