La storia

Elsa Morante

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
In commercio dal: 10 febbraio 2014
Pagine: XXXII-672 p.
  • EAN: 9788806219642

45° nella classifica Bestseller di IBS Libri Narrativa italiana - Moderna e contemporanea (dopo il 1945)

Salvato in 378 liste dei desideri

€ 13,60

€ 16,00
(-15%)

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

La storia

Elsa Morante

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


La storia

Elsa Morante

€ 16,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

La storia

Elsa Morante

€ 16,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Altri venditori

Mostra tutti (8 offerte da 16,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

A questo romanzo (pensato e scritto in tre anni, dal 1971 al 1974) Elsa Morante consegna la massima esperienza della sua vita "dentro la Storia" quasi a spiegamento totale di tutte le sue precedenti esperienze narrative: da "L'isola di Arturo" a "Menzogna e sortilegio". La Storia, che si svolge a Roma durante e dopo la seconda guerra mondiale, vorrebbe parlare in un linguaggio comune e accessibile a tutti.
4,41
di 5
Totale 23
5
14
4
4
3
5
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    n.d.

    11/08/2019 12:14:57

    Il libro non ha certo bisogno del mio commento critico, è già un classico. L'ho inviato come dono di compleanno negli stati uniti ed è stato recapitato con puntualità impeccabile

  • User Icon

    Stefano

    15/05/2019 14:13:54

    Libro semplicemente stupendo. Ricco di emozioni. E' il primo libro letto della Morante, sono rimasto entusiasmato.

  • User Icon

    Cristina

    11/03/2019 09:40:28

    Elsa Morante con questo libro dimostra di avere una capacità narrativa fuori dal comune. Più che un libro è un insieme di quadri d’autore descritti da un abile osservatore nei minimi particolari. La descrizione è così accurata, profonda e commovente che sia l’ambientazione che i personaggi si materializzano davanti al lettore che ne diventa parte integrante. Nulla è trascurato e la stessa attenzione data ai personaggi, è concessa al cane Blitz, al gatto Rossella, ai canarini Peppiniello e Peppiniella che partecipano agli eventi degli umani, fino a giungere alla metamorfosi di Bella che da cane si trasforma in essere umano. Numerose le frasi sulle quali riflettere, tra queste: “la vera anarchia non può ammettere la violenza. L’idea di anarchia è la negazione del potere. E il potere e la violenza sono tutt’uno” e ancora “La camera a gas è l’unico punto di carità, nel campo di concentramento”. È un libro da leggere e da rileggere.

  • User Icon

    paris92

    10/03/2019 09:35:32

    Esiste una storia con la "s" minuscola, costretta a infrangersi sotto il pesante macigno di un'altra Storia, con la "S" maiuscola, padrona e matrigna non curante dei nostri destini, lo "scandalo che dura da dieci mila anni". Questa doverosa distinzione tra minuscole e maiuscole ha senso anche per i libri, e quello di Elsa Morante è senza dubbio un Romanzo. Impossibile non apprezzare la sensibilità della scrittrice nel tratteggiare i personaggi, maschili, femminili, persino animali; i piccoli dettagli che fanno capolino nella storia, anzi, la Storia; il singolare realismo delle vicende, permeato allo stesso tempo di un alone magico e misterioso. Tanti sono i protagonisti della storia nella Storia, sfaccettature di un'umanità che nulla può contro le barbarie del tempo. Indimenticabili Iduzza e Useppe, ma anche Nino, Davide, il cagnolino Blitz. Avvincente capolavoro della letteratura italiana, secondo me ingiustamente criticato e snobbato dal grande pubblico. Consigliatissimo!

  • User Icon

    Silvia

    08/03/2019 22:51:02

    Ho finito La Storia ieri sera dopo una lettura che mi ha accompagnato per poco più di due mesi e mi sento ancora stranita. Della Morante di cui mi sono innamorata a inizio anno grazie a L’isola di Arturo ho ritrovato uguale lo sguardo limpido e pietoso e la penna assolutamente stregante. Il titolo a dir poco presuntuoso di questo romanzo storico promette una narrazione che vorrebbe essere universale: le vicende dei personaggi della famiglia Mancuso si snodano tra il 1941 e il 1947 in una Roma terrorizzata dall’irrompere del fascismo e della seconda guerra mondiale e sconvolta da un’ondata travolgente di morte e disperazione. Il racconto si apre con la narrazione di una violenza: la maestra Ida, madre di Ninnuzzu e già vedova, viene stuprata nella sua stessa casa da un soldato tedesco ubriaco in cerca di un qualche rimedio contro la solitudine e la nostalgia. Da questo abuso nascerà Useppe, capelli corvini e occhi color cielo. Nel corso del romanzo la famiglia subirà numerose perdite, partendo dal cane Blitz e dalla loro casa nel quartiere San Lorenzo in un’escalation irrimediabile e devastante. Due prospettive di questo romanzo si intrecciano e si intersecano: quella della Storia – con la S maiuscola – precede i capitoli più propriamente narrativi enumerando cronologicamente i fatti avvenuti del panorama internazionale come potrebbe fare un testo scolastico; la storia con la s minuscola appartiene invece agli umili e ai vinti che inconsapevoli subiscono la propria sorte senza lamentarsene o chiedersene la ragione. La Storia ignora e travolge le vite dei deboli e ne crea delle vittime, per loro non è prevista salvezza. Il piccolo Useppe che soffre di epilessia, “il grande male”, è l’emblema di un dolore individuale che diventa collettivo perché sofferto dall’umanità tutta che grida la propria disperazione e la propria insignificanza.

  • User Icon

    mario

    08/03/2019 22:36:47

    C’è una Storia con la “S” maiuscola, il macrosmo delle grandi potenze, che appartiene all’umanità in generale, e che la Morante ripercorre cronologicamente, in capitoli frammisti al testo narrativo, a volte con spirito critico, a volte con sprezzante ironia. C’è poi una storia con la “s” minuscola, il microcosmo di Iduzza Raimondo, detta Ida, che la Morante sa affrescare con intensa partecipazione e compassione. La vicenda di Ida è quindi storia nella Storia. Di più, è storia che raccoglie attorno a sè tante altre storie di personaggi mirabili, intenti come lei a subire o a reagire – ognuno a suo modo – alle vicissitudini e alla necessità della Storia. Fra tutti a spiccare prepotentemente e a far commuovere è un bambino: “Useppe”, il “masculillo” di Ida, che ci regala uno sguardo innocente e disincantato, incapace di comprendere fino in fondo le brutture di un destino che pure gli sottrarrà tutti i suoi eroi. Straziante l’estrema e insostenibile rivelazione della Storia che si rappresenta da ultimo a quella donnetta dalla mente stolida e malcresciuta.

  • User Icon

    Fede

    08/03/2019 20:26:26

    Ho tanto amato L'isola di Arturo, letto almeno venticinquenne, da temere il confronto con La storia. Ma ora sono così felice di abbandonarmi, ogni sera, ogni momento buono, per ore senza sapere se il sonnifero riuscirà a farmi mettere il segno e a chiudere il libro, a questa lettura, che non ho parole neppure io per descrivere la grazia immensa di questa donna che scrive del piccolo Useppe e delle prime parole che pronuncia, del suo incanto primigenio, dell’amore incondizionato per il fratello Nino, per il sole, per il mondo, per il povero Blitz, per la madre. È una storia ma anche La storia, appunto, la protagonista. Rimane sullo sfondo eppure plasma irrimediabilmente i destini dei suoi protagonisti. La cosa che più colpisce del libro non è quello che scrive la Morante. È come lo scrive. Col suo periodare lento, pieno di incisi, pieno di parole inattese, che ci conduce con mano ferma e carezzevole, materna, più che materna, angelica, sulle rovine di una Roma squarciata dal grido sinistro degli allarmi antiaerei, ma poi, e soprattutto, negli androni semibui, nei giardini, negli appartamenti oscurati, nella più umile delle storie che non lascerebbe traccia alcuna nella storia, se non fosse lei a scriverla, e anche a piangerla, scrivendo, perché a volte si può scrivere anche col cuore a pezzi, o forse proprio per questo.

  • User Icon

    Aneres

    06/02/2019 07:53:09

    Scritto quasi cinquant'anni fa ma dotato dell'eterna attualità dei classici. "La storia"ambientato durante la seconda guerra mondiale a Roma racconta la storia, quella del mondo, ma non solo...Racconta anche la storia solo apparentemente "minore" dei protagonisti, personaggi scolpiti magistralmente dalla Morante a cui è difficile non affezionarsi. Un romanzo che parla della vita nella sua complessità: dalla sorprendente bellezza che a volte si incarna nelle piccole cose, alla maestosa crudeltà in cui si dispiega altre volte il destino.

  • User Icon

    Lisa

    10/12/2018 09:44:26

    Un libro che nonostante la mole va letto tutto d'un fiato. Impossibile posarlo prima della fine.

  • User Icon

    Pina

    08/12/2018 23:45:22

    Libro magnifico, storia travolgente, ricca di dettagli; è impossibile non immedesimarsi e farsi travolgere dalle vicissitudini dei protagonisti.

  • User Icon

    maria

    22/09/2018 16:11:47

    Elsa Morante con questo libro dimostra di avere una capacità narrativa fuori dal comune. Più che un libro è un insieme di quadri d’autore descritti da un abile osservatore nei minimi particolari. La descrizione è così accurata, profonda e commovente che sia l’ambientazione che i personaggi si materializzano davanti al lettore che ne diventa parte integrante. Nulla è trascurato e la stessa attenzione data ai personaggi, è concessa al cane Blitz, al gatto Rossella, ai canarini Peppiniello e Peppiniella che partecipano agli eventi degli umani, fino a giungere alla metamorfosi di Bella che da cane si trasforma in essere umano. Numerose le frasi sulle quali riflettere, tra queste: “la vera anarchia non può ammettere la violenza. L’idea di anarchia è la negazione del potere. E il potere e la violenza sono tutt’uno” e ancora “La camera a gas è l’unico punto di carità, nel campo di concentramento”. È un libro da leggere e da rileggere.

  • User Icon

    Andrea De Santis

    21/09/2018 09:30:02

    Letto nel giro di una settimana, non sono riuscito a metterlo giù. Elsa Morante riesce perfettamente a descrivere la vita di una madre durante l'occupazione tedesca di Roma a seguito della mancata difesa nell'ormai lontano settembre 1943, Ida. La Morante riesce nell'impresa nel far affezionare al lettore i personaggi, le loro fortune e le loro sventure.

  • User Icon

    Chiara

    19/09/2018 20:42:15

    Rende bene l'epoca, la mentalità e le problematiche, è una vera dimostrazione della guerra e di tutto ciò che ne consegue.

  • User Icon

    Jacopo

    18/09/2018 21:01:14

    libro di impressionante profondità nello spaccare una vita ai nostri occhi. nello scrivere della Morante che incede faticoso rileggiamo e viviamo la guerra e le sue tragedie fatte di piccole vite malvissute e affannose

  • User Icon

    ClaP

    17/09/2018 18:00:56

    Una ricostruzione storica davvero ben fatta, un realismo sorprendente raggiunto sia con il linguaggio - a volte ci sono battute in dialetto, molto brevi, comprensibili anche a chi non sia del Centro Italia - che con le descrizioni, caratteristica tipica dell'autrice. Nonostante la lunghezza, il romanzo scorre tranquillamente e si arriva alla fine che si vorrebbe ricominciare a seguire le storie dei personaggi. Una fotografia della vita degli sfollati del Lazio durante la seconda guerra mondiale. Le figure femminili sono davvero degne di nota. Romanzo storico che rispetta le tre regole manzoniane del genere.

  • User Icon

    ampa

    26/06/2018 12:13:45

    E' meraviglioso.

  • User Icon

    n.d.

    03/06/2018 19:34:15

    Lo sto leggendo. Non posso assegnare un voro. Posso solo dire che lo sto trovando interessante e veritiero.

  • User Icon

    enrico

    01/01/2018 18:30:04

    Mi ritrovo completamente nella recensione di Vaduz del 17/6/2016. Libro deludente, terribilmente lungo (650 pagine che potevano essere condensate in un centinaio), sicuramente interessante nel raccontare "fatti di vita" nella Roma degli anni '40 ma non riesco certo a considerarlo un capolavoro.

  • User Icon

    Artemisia

    17/08/2017 11:19:45

    Una buona scrittura, a tratti ottima, per un testo che avrebbe guadagnato con un pesante sfoltimento. Debole nella struttura complessiva, "La storia" non è paragonabile ad altre pietre miliari del nostro Novecento: dal "Gattopardo" a "I viceré", dal "Mulino del Po" al "Cavallo rosso".

  • User Icon

    Mimma

    04/04/2017 18:15:41

    Libro ben scritto, ma scopiazza troppo lo stile di Anna Maria Ortese, specie nell'uso esagerato di vezzeggiativi . Non mi piace poi quel disprezzo ostentato per il Duce

Vedi tutte le 23 recensioni cliente
  • Elsa Morante Cover

    Elsa Morante è stata una scrittrice, saggista, poetessa e traduttrice. Figlia di una maestra, Elsa Morante non frequentò la scuola elementare e imparò da sola a leggere e scrivere. Iniziò giovanissima a scrivere filastrocche, favole per bambini, poesie e racconti brevi, e a pubblicare su svariati giornaletti per ragazzi. Nel 1942 i suoi scritti per ragazzi vennero raccolti in un volume da lei stessa illustrato e pubblicati da Einaudi con il titolo Le bellissime avventure di Caterì dalla trecciolina (poi riscritto nel 1959 con il titolo Le straordinarie avventure di Caterina). Tra il 1935 e il 1940 scrive eleganti cronache di costume per riviste culturali. Da quell’esercizio giornalistico nacque il primo volume di racconti, Il gioco segreto, che uscì... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali