DISPONIBILITA' IMMEDIATA

Superga 1949. Il destino del grande Torino, ultima epopea dell'Italia unita

Giuseppe Culicchia

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Solferino
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 2,08 MB
Pagine della versione a stampa: 123 p.
  • EAN: 9788828202516
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 5,99

Punti Premium: 6

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

«In tutta l’Italia c’era chi pur non avendo mai potuto mettere piede al “Filadelfia” sognava di vedere e cercava di replicare le incursioni di Grezar e le reti di Ossola, i tackle di Ballarin e i dribbling di Maroso, la grinta di Castigliano e la classe di Menti, per tacere ovviamente delle imprese già leggendarie di Mazzola.» Almeno fino a quella maldetta domenica di maggio di settantant’anni fa quando, dopo una partita amichevole con la squadra del Benfica, l’intera squadra del Torino Calcio salì sul trimotore I-Elce per fare ritorno a casa e finì invece per schiantarsi contro la Basilica di Superga, avvolta nella nebbia. Quella sera scompare una squadra leggendaria, capace di dominare il calcio italiano e di conquistare grande prestigio internazionale. Fu un lutto non solo per i tifosi «granata» e per i torinesi, ma per l’Italia intera. Come racconta Giuseppe Culicchia in queste pagine emozionanti, il Grande Torino era da tempo al di sopra del tifo campanilistico: un orgoglio per tutti e il simbolo della rinascita di un Paese uscito distrutto dalla guerra. Nella narrazione di quei giorni, del dramma e dei suoi protagonisti, riscopriamo una pagina della nostra storia che è un inno all’impegno della gioventù e alla lealtà di uno sport che vorremmo più pulito e capace di unire anziché di dividere.
3
di 5
Totale 3
5
1
4
0
3
1
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    La Libraia

    17/06/2019 13:46:39

    Recentemente tra articoli, trasmissioni televisive e libri abbiamo rivisto molti momenti legati alla squadra del Torino, alle famiglie dei calciatori e alle loro vite private, alle partire e alle loro vittorie, ma soprattutto all'evento drammatico che ha visto la scomparsa contemporanea di tutti i protagonisti, in quel giorno di settant'anni fa, contro la Basilica di Superga nelle colline torinesi. Giuseppe Cuclicchia ricostruisce molto bene questa storia, privata e collettiva, di sport e di vita, di società e di nazione. Lo fa riprendendo i documenti dell'epoca e ricreando un momento storico ormai sempre più lontano, ma che nella memoria collettiva dei torinesi (e forse anche degli italiani) rimane vivo. Decisamente un bel libro!

  • User Icon

    Alessandro B

    16/06/2019 18:52:11

    Pessimo. Delle imprese del Grande Torino ne è pieno il web ed esistono già parecchi libri o documentari al riguardo. L'autore cerca di far passare l'idea di ciò che quella squadra ha rappresentato non solo per i tifosi granata, ma per tutta Italia. Il problema quindi non è cosa racconta, ma come. Pagine di giornali dell'epoca riprese pari pari, eseguendo così un copia/incolla camuffato dall'effetto vintage. Un libro di sole 120 pagine nel quale diversi concetti vengono ripetuti più di una volta, addirittura interi paragrafi riscritti poche righe più in là. Sconsigliato.

  • User Icon

    maria

    03/05/2019 14:47:42

    io non sono assolutamente fanatica del calcio, ma leggere questa storia, di cui mi parlava mio papà ( che l'ha vissuta personalmente ) e dopo aver visitato la basilica di Superga e la lapide ricordo, mi sono commossa

  • Giuseppe Culicchia Cover

    Scrittore italiano. Ormai considerato una delle voci più autentiche della narrativa italiana degli ultimi anni, è stato scoperto da Pier Vittorio Tondelli che aveva pubblicato alcuni suoi racconti nell'antologia Papergang-Under 25. Ispirato da autori come Hemingway, Carver, Bukowski e Bret Easton Ellis, ha esordito nel 1994 con Tutti giù per terra, romanzo che si è rivelato uno dei casi letterari più sorprendenti degli ultimi anni ed è stato vincitore dei Premi Montblanc e Grinzane Cavour. Nel romanzo lo scrittore racconta le vicende di un giovane poco più che ventenne, Walter, che affronta le paure, le incertezze e la fragilità del mondo giovanile nella Torino di fine anni Ottanta con perplessità, disillusione e soprattutto un'irresistibile... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali