La svastica sul sole

Philip K. Dick

Editore: Fanucci
Collana: Tif extra
Anno edizione: 2011
Formato: Tascabile
  • EAN: 9788834718308
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,42

€ 9,90

Risparmi € 1,48 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Prof.Quatermass

    10/04/2010 10:41:24

    Premetto di non essere un fan di Dick, leggendo questo libro mi è sorto automatico il paragone con Fatherland di Harris, e il confronto a mio parere è impietoso. Dick è un visionario, il racconto non l'ho trovato esaltante e il finale mi ha molto deluso, e anche i riferimenti storici riferibili all'ucronia sono molto approssimativi.

  • User Icon

    antorizz

    14/01/2010 17:26:42

    C'è chi storce il naso per quest'opera di Dick, a me invece ha trasmesso tutto il suo mondo allucinato, paranoico e deforme... quando leggi Dick devi chiederti sempre "sono io che sto leggendo?"

  • User Icon

    massimo

    26/09/2009 10:42:51

    Tra 2 e 3. Effettivamente è uno strano libro. Prende spunto con molto anticipo rispetto ai tempi da un ucronia poi diventata classica (l'Asse vince la seconda guerra mondiale) per raccontare una serie di storie slegate e apparentemente sconclusionate in un'america spartita dai vincitori. Diciamo che se Dick fosse stato un autore "commerciale" su quest'idea ci avrebbe costruito delle tetralogie alla Turtledove. Invece ci lascia solo questa piccola chicca (per i suoi fan) o un abbozzo insoddisfacente (per tanti altri). Rimane sorprendente vedere come da racconti e romanzi assai "difficili" siano stati tratti tanti film di grande successo e assai piu' "popolari" di quanto il testo base facesse prevedere. Misteri cinematgrafici, visto come da eccellenti libri si traggono spesso trasposizioni inadeguate.

  • User Icon

    lellorispoli

    19/06/2009 11:59:29

    Farraginoso, raffazzonato, inconcludente. Il finale è inesistente. Sembra quasi che Dick si sia scocciato di delinearne uno. Certo, il libro si legge facilmente e a tratti è anche interessante. Molto meglio le tre stimmate di Palmer Eldritch e Ubik. Continuo a chiedermi: perchè Dick è così sopravvalutato? Continuo a preferirgli Sturgeon (un vero genio) e Silverberg, per citarne soltanto due. Spero sempre, quando leggo un nuovo libro di Dick, che sia la volta buona e che il mio giudizio venga smentito. Purtroppo anche stavolta il mio voto non va al di là di un 2.

  • User Icon

    Peter

    05/12/2008 21:11:23

    Viene considerato uno dei più belli di Dick.. io rivedrei la classifica! discreto ma non al livello di altri come UBIK o le tre stimmate di Palmer Eldritch

  • User Icon

    Wolves

    24/01/2008 01:09:30

    Romanzo di fantascienza che richiede buone conoscenze storiche. Escluse le vicende dei personaggi principali, il contesto in cui queste si svolgono si basa su un immaginario costruito sui veri personaggi del secondo conflitto mondiale, sui loro veri caratteri, sui loro veri pregi e difetti. La lettura senza una buona conoscenza dei fatti veramente accaduti e dei personaggi veramente esistiti, può risultare a tratti difficile. Veramente un buon testo ma di nicchia, non per tutti.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione