Il tempo senza età. La vecchiaia non esiste - Marc Augé - copertina

Il tempo senza età. La vecchiaia non esiste

Marc Augé

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: D. Damiani
Collana: Temi
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 15 ottobre 2014
Pagine: 104 p., Brossura
  • EAN: 9788860306937
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 9,35

€ 11,00
(-15%)

Punti Premium: 9

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Il tempo senza età. La vecchiaia non esiste

Marc Augé

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Il tempo senza età. La vecchiaia non esiste

Marc Augé

€ 11,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Il tempo senza età. La vecchiaia non esiste

Marc Augé

€ 11,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

€ 5,94

€ 11,00
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Raggiunta l'età in cui succede che qualcuno sul metrò si alzi per cedergli il posto, Marc Augé scava nei propri ricordi personali per sviluppare una riflessione, acuta e delicata, sul tempo che passa. "Conosco la mia età, posso dichiararla, ma non ci credo", scrive il grande antropologo per evidenziare la differenza tra il tempo e l'età. Perché sono gli altri a dire che siamo vecchi, a definirci secondo luoghi comuni, ma questa etichetta resta superficiale e lontana da quel che avvertiamo dentro di noi... Dunque, la vecchiaia non esiste. Certo, i corpi si logorano ma la soggettività resta, in qualche modo, fuori dal tempo ed è così che, come scrive Augé alla fine di questo libro, "tutti muoiono giovani".
3,38
di 5
Totale 8
5
1
4
3
3
3
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    luciano

    21/09/2016 21:06:43

    Libro che affronta la vecchiaia in modo brillante e ironico. Non mancano perle di saggezza. Di se stesso dice di sentirsi " stagionato o meglio stravecchio", ma di "qualità", così come si dice di un ottimo armagnac invecchiato, in altre parole, da vecchi non bisogna " negare il fardello del tempo, bensì, al contrario, esaltarne la qualità". E, poi, nella società di oggi c'è l'ossessione a " rimanere giovani" e senza tregua ci si accanisce sull'esercizio fisico, però arriva il momento " in cui cadono le maschere, in cui la cruda verità dell'età si manifesta platealmente"; c'è chi subisce questa verità come una doppia sofferenza sia fisica, sia morale. L'autore, allora, raccomanda di fare una visita in ospedali pediatrici o per adolescenti per capire " che qualunque cosa possa loro ( i vecchi) capitare, sono comunque sfuggiti al peggio." Che fare allora? Domandare al proprio corpo solo quello che è in grado di fare, risparmiandosi e godendosi la vita, in modo che si possa dire di loro: "Cinque minuti prima di morire, Monsieur de La Palisse era ancora in vita".

  • User Icon

    luciano

    20/09/2016 21:42:31

    Libro che affronta la vecchiaia in modo brillante e ironico. Non mancano perle di saggezza. Di se stesso dice di sentirsi " stagionato o meglio stravecchio", ma di "qualità", così come si dice di un ottimo armagnac invecchiato, in altre parole, da vecchi non bisogna " negare il fardello del tempo, bensì, al contrario, esaltarne la qualità". E, poi, nella società di oggi c'è l'ossessione a " rimanere giovani" e senza tregua ci si accanisce sull'esercizio fisico, però arriva il momento " in cui cadono le maschere, in cui la cruda verità dell'età si manifesta platealmente"; c'è chi subisce questa verità come una doppia sofferenza sia fisica, sia morale. L'autore, allora, raccomanda di fare una visita in ospedali pediatrici o per adolescenti per capire " che qualunque cosa possa loro ( i vecchi) capitare, sono comunque sfuggiti al peggio." Che fare allora? Domandare al proprio corpo solo quello che è in grado di fare, risparmiandosi e godendosi la vita, in modo che si possa dire di loro: "Cinque minuti prima di morire, Monsieur de La Palisse era ancora in vita".

  • User Icon

    Marzia

    28/01/2015 09:23:00

    Anche se ottantenne, uno studioso come Auge' non dovrebbe accettare di mandare alle stampe un libro così mal scritto, con così troppi spunti mal sviluppati, aneddoti sui gatti di cui sfugge il profondo significato, un andamento così contorto da renderlo illeggibile. Sono propensa a pensare che il libretto sia il risultato di un copia incolla di conferenze sbobinate e mal ricomposte in uno spazio esiguo per ragioni editoriali che ci sfuggono. Non trascurabile poi il ruolo della traduttrice ( o forse era Google traduttore) che invece di chiarire anche a chi non conosce la lingua francese il profondo significato delle parole dell'autore, l'ha definitivamente affossato. Peccato, perché il titolo era promettente: ma cosa c'entra con l'originale "Une ethologie de soi"?

  • User Icon

    Egome

    04/01/2015 18:26:23

    Augè ha certamente le carte in regola per poter disquisire sulla vecchiaia, essendo egli etnologo, scrittore e .. ormai quasi ottantenne. Molte citazioni di classici (Cicerone ,Catone, Sofocle, Flaubert, Simone de Beavoir) e molti tentativi di definire l' età ( Quella raggiunta nell'anno in corso ? Anni compiuti ?), le classi d'età (che se non altro conferiscono un senso di appartenenza comune, che in qualche modo addolcisce il numero degi anni). Condivisibili i due tipi di 'nostalgia' che caratterizzano l'avanzare degli anni - ovvero il rimpianto e il rimprovero. Infine la solitudine, vera e frequente nemica di chi va avanti negli anni. Val la pena leggerlo, ma non aspettiamoci più di tanto...

  • User Icon

    leonardo de chanaz

    30/12/2014 02:24:11

    Ho spesso assistito a conversazioni fra intellettuali francesi piene di citazioni. Qui ho ritrovato quel clima. Mi aspettavo qualche migliore osservazione sulla vecchiaia.

  • User Icon

    jane

    28/12/2014 17:09:13

    Malgrado certe argomentazioni siano un po' contorte, è un saggio abbastanza interessante, che stimola riflessioni personali.

  • User Icon

    Gabriella Zonno

    19/12/2014 08:47:56

    Perfettamente d'accordo ! Io infatti sono insieme ad una persona che ha ben 31 anni più di me ( io ne ho 48 ) e che ha sempre avuto almeno fino all'anno scorso un'energia e una lucidità mentale come pochi. Non so se é perché era migliore insegnante di latino e greco di tutta Firenze, o perché ha un carattere di acciaio. Tanto che se si arrabbia può fare male tale e quale se non di più di un giovane quarantenne !!! Io amavo questa persona anche per questo. Infatti nonostante la differenza di età in realtà non mi é quasi mai pesata questa differenza. L'unico problema é che con il passare degli anni si é incattivito proprio con me che "sono la persona più importante della sua vita" ( parole testuali sue dette poco tempo prima di massacrare il mio cuore senza pietà sporgendo denuncia contro la sottoscritta ( pur sapendo che avevo avuto da poco un tumore, e due lutti in famiglia !!! Pur sapendo che sono in gravi difficoltà economiche......) Gabriella Zonno

  • User Icon

    spaggio

    11/11/2014 16:42:24

    Una buona lettura di riflessione (avendone come me l'età giusta, ma non è una qualità esclusiva e preclusiva)sul significato di tempo (della vita) ed età nella nostra percezione e consapevolezza. In certe parti la lettura risulta un poco ardua (tranquilli, non troppo) ma nel complesso è interessante e porta a constatazioni la cui semplicità ci può sorprendere se certe domande non ce le siamo mai poste: la sorpresa sta nel fatto che le risposte già le conoscevamo...a nostra insaputa.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente

“Invecchio, dunque vivo. Sono invecchiato, dunque sono”.
Tutti, se siamo fortunati, invecchiamo. Ma la vecchiaia è, come comunemente si suol dire, “una brutta bestia”, un “animale permaloso” che bisogna conoscere bene per non permettergli di aggredirci. “Dimmi come invecchi e ti dirò chi sei stato”. Vero, ma per giudicare bisogna conoscere meglio l’essenza del tema.
Uno dei ruoli degli intellettuali come Augé – etnologo e scrittore celebre per la sua teoria dei non-luoghi – è farci riflettere su ciò che tendiamo a ignorare o sottovalutare, metterci di fronte a quello specchio che anno dopo anno rifletterà un volto diverso, irriconoscibile, lontano dall’immagine che ognuno di noi mantiene dentro. Una delle caratteristiche fondamentali della società occidentale degli ultimi decenni è la capacità, la volontà di rimozione di alcune categorie spazio-temporali. Le distanze geografiche quasi azzerate , ad esempio, negli spostamenti aerei fanno perdere il senso della lontananza anche culturale di paesi e popoli, così come la volontà di cancellare la vecchiaia, di rimuoverla nel pensiero comune costringe a fare i conti con il passare degli anni – se ci si arriva in salute - spesso all’improvviso (come un atterraggio imprevisto in una terra sconosciuta) e con imbarazzo, fastidio, dolore.
Stefan Zweig ne Il mondo di ieri. Ricordi di un europeo, scriveva: “Così gli anni scorrevano, lavorando e viaggiando, imparando, leggendo, collezionando e gustando. Una mattina del 1931 mi sono svegliato: avevo cinquant’anni”. Dimentichiamo che in questo testo c’erano già le premesse del suo suicidio e cogliamone il lato didascalico, che Augé raccoglie e rilancia traendo spunto anche da altre autobiografie illustri in cui la scrittura diventa lo strumento che permette all’autore di sostituire l’età con il tempo.
Rimandiamo la vecchiaia, cerchiamo di respingerla fermandola attraverso il corpo. “Se si vuole rimanere giovani si deve insegnare al corpo a dissimulare o mentire. Mentire a chi? Agli altri e a se stessi”.
Paradossalmente possiamo dire che sia vero pure il contrario. Tutta la nostra esistenza è scandita dall’età e dai limiti che questa età impone, la società ci ricorda continuamente in quale punto dell’arco della vita siamo posizionati e, di conseguenza, il ruolo che svolgiamo; raggiunto il suo vertice diventa molto difficile affrontare la curva discendente. Le persone che ci stanno accanto ci mettono di fronte alla realtà in molti modi, ma “io sono davvero questi quaranta, cinquanta, sessant’anni o più attraverso i quali mi trovo condannato a definirmi? In un certo senso è così e sono gli altri, la società e le sue regole che lo decidono”.
Conosco la mia età, posso dichiararla, ma non ci credo: “nessuno si riduce alla semplice apparenza della sua età fintantoché gli rimane un po’ di consapevolezza”.
Non tutti invecchiamo nello stesso modo, com’è ovvio: “non si invecchia alla stessa età a seconda di un’origine sociale o il genere di attività svolta” (e noi aggiungeremmo anche a seconda del genere uomo o donna). Talora all’imbarazzo nei confronti degli anni da dichiarare subentra l’orgoglio del traguardo raggiunto, il vanto di una condizione quasi di privilegio. “Prima di scagliare la pietra contro, diciamo, questi ‘esibizionisti’ dell’età – scrive ancora Augé -, riconosciamo loro comunque delle circostanze attenuanti. Se gli anziani giocano sulla loro età è perché gliela si rinfaccia tropo spesso, con maggiore o minore malizia, con cattiveria, con candore o indelicatezza”.
Al tempo stesso è motivo d’orgoglio non dimostrare l’effettiva età raggiunta perché “chi dimostra la sua età l’accetta supinamente” mentre chi non la dimostra ha presumibilmente “una vita attiva e sana, un’energia che ne attenua o rallenta gli effetti”. Dietro le parole, le definizioni, si nascondono giudizi, così come l’uso di un linguaggio particolare denota l’età. Anche nel gioco linguistico la vecchiaia può mascherarsi e apparire. E anche in questo caso il ruolo sociale, la preparazione culturale possono rappresentare una discriminante fondamentale.
Tra le maggiori pene dell’età più avanzata la malattia, ovviamente, la nostalgia e la solitudine: “gli altri tradiscono, disertano, si ritirano o muoiono. Non si può invecchiare a lungo senza vedere molti amici cari e parenti allontanarsi o scomparire”. E con loro un pezzo di noi. Al tempo stesso subentra un’indifferenza crescente nei confronti della contemporaneità e degli altri. Alcuni riescono ad affrontare tutto ciò e adattarsi, domandando al loro corpo e alla mente solo quello che sono in grado di fare, astutamente risparmiandosi. “Di tanto in tanto ci stupiamo dell’ottimo umore dimostrato senza dissimulazione degli anziani, che, per potersi godere la vita, sembrano aver atteso fino alla fine”. Sono senza dubbio quelli che vivono meglio, l’esempio da seguire, se possibile.
Una frase colpisce particolarmente: la vecchiaia, quell’insondabile e nebuloso tempo senza età che emerge da questo saggio (che, in fondo, genera molte più domande che risposte), si riassume in “qualche vuoto di memoria che riveste i giorni passati di una strana inconsistenza, la consapevolezza dei vincoli esterni di qualunque natura che hanno pesato sulla nostra vita fino al punto di farci dubitare, a volte, che sia stata davvero la nostra e, infine, il presentimento che il nostro futuro non si coordinerà con il presente più di quanto quest’ultimo con il passato che l’ha preceduto ma gli sfugge”.
In sostanza: la vecchiaia non esiste e tutti muoiono giovani.

A cura di Wuz.it

  • Marc Augé Cover

    Antopologo ed etnologo francese, Augé ha rivestito il ruolo di Direttore di ricerca all'ORSTOM (oggi IRD) fino al 1970, quindi "directeur d'études" presso l'EHESS di Parigi, ha compiuto numerose missioni in Africa, in particolare in Costa d'Avorio e in Togo. Dalla metà degli anni Ottanta ha diversificato i suoi campi d'indagine. Ha quindi compiuto diversi viaggi in America Latina.  Partendo da un osservatorio più vicino, in Francia e in particolare Parigi, si dedica ormai da molti anni alla costruzione di una "antropologia dei mondi contemporanei".La fama in ambito scientifico arriva con le sue ricerche sul campo in Costa d’Avorio e nel Togo concernenti la malattia, la morte e i sistemi religiosi (Le Rivage alladian, 1969; Théorie... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali