Teoria della classe disagiata - Raffaele Alberto Ventura - ebook

Teoria della classe disagiata

Raffaele Alberto Ventura

Con la tua recensione raccogli punti Premium In promozione DOPPI PUNTI fino al 23/6
Editore: Minimum Fax
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,41 MB
Pagine della versione a stampa: 262 p.
  • EAN: 9788875218782
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 7,99

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
Fai un regalo

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Cosa succede se un'intera generazione, nata borghese e allevata nella convinzione di poter migliorare - o nella peggiore delle ipotesi mantenere - la propria posizione nella piramide sociale, scopre all'improvviso che i posti sono limitati, che quelli che considerava diritti sono in realtà dei privilegi e che non basteranno né l'impegno né il talento a difenderla dal terribile spettro del declassamento? Cosa succede quando la classe agiata si scopre di colpo disagiata? La risposta sta davanti ai nostri occhi quotidianamente: un esercito di venti-trenta-quarantenni, decisi a rimandare l'età adulta collezionando titoli di studio e lavori temporanei in attesa che le promesse vengano finalmente mantenute, vittime di una strana «disforia di classe» che li porta a vivere al di sopra dei loro mezzi, a dilapidare i patrimoni familiari per ostentare uno stile di vita che testimoni, almeno in apparenza, la loro appartenenza alla borghesia. In un percorso che va da Goldoni a Marx e da Keynes a Kafka, leggendo l'economia come fosse letteratura e la letteratura come fosse economia, Raffaele Alberto Ventura formula un'autocritica impietosa di questa classe sociale, «troppo ricca per rinunciare alle proprie aspirazioni, ma troppo povera per realizzarle». E soprattutto smonta il ruolo delle istituzioni laiche che continuiamo a venerare: la scuola, l'università, l'industria culturale e il social web. Pubblicato in rete nel 2015, "Teoria della classe disagiata" è diventato un piccolo culto carbonaro prima di essere totalmente riveduto e completato per questa prima edizione definitiva.
4,8
di 5
Totale 3
5
2
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium In promozione DOPPI PUNTI fino al 23/6
  • User Icon

    Anna Lisa

    23/10/2018 13:46:54

    Un'analisi lucida, a tratti forse troppo spietata, di quella che Ventura definisce "classe disagiata". Un buon pamphlet, pieno di citazioni e di esempi a supporto degli argomenti dell'autore, che risulta convincente, anche nel lasciare l'amaro in bocca.

  • User Icon

    n.d.

    05/10/2018 11:39:56

    Libro veramente interessante e ben scritto, ricco di spunti di riflessione

  • User Icon

    Claudia Janneth Baquero

    10/02/2018 21:58:19

    Analisi perfetta della situazione attuale di tutta una generazione schiacciata dalle proprie aspirazioni, vittima di un sistema oramai non più sostenibile. Scrittura brillante dove citazioni economiche e letterarie si incrociano con maestria, senso dell’umorismo e profonda conoscenza delle teorie sociologiche ed economiche che ci hanno condotto fino a questo momento storico. Da leggere.

| Vedi di più >
Note legali