Categorie
Editore: Chiarelettere
Formato: EPUB con DRM
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 829,37 KB
  • Pagine della versione a stampa: 623 p.
  • EAN: 9788861907683
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Ilaria

    11/09/2016 13.57.37

    Un "amica geniale"al maschile anche se ovviamente l'argomento camorra qui e'parte integrante del romanzo .Scritto in maniera piacevole e interessante condivido che certi aspetti buonisti dei personaggi siano un po' romanzati ma il risultato è comunque un buon libro

  • User Icon

    SALVATORE

    03/09/2016 16.15.37

    Sono appassionato di tutto il genere cronaca nera, ma questo libro non son riuscito proprio a farmelo piacere al 100% a parte la lunghezza che comunque ci può stare ma a tratti risulta davvero inverosimile, ogni 2/3 pagine uno scontro a fuoco... i fatti narrati sono tutti veritieri, ma eccessivamente romanzati, a quando il film? Oppure la fiction?

  • User Icon

    Il Gyga

    07/05/2016 06.20.48

    "Napulè è accussì", come la descrive Sasà Striano. O meglio è anche "accussì". Solo che l'"anche" ci marchia per sempre, e diventa tutto. Mi piace Sasà, lo ammetto, perché parlando della sua vita da "testa matta", dà un vero messaggio che si può riassumere, semplicemente, con:"La vita da camorrista fa schifo". Diffidare sempre dai romanzi che lanciano messaggi, ma, ogni tanto, si può fare un'eccezione. E scrive pure bene, anche se le cose narrate non sono per chierichetti. Ma è la realtà. E chi pensa che sia un'esagerazione basta che legga le cronache cittadine di questi giorni, dove si scopre l'utilizzo massiccio di minorenni da parte dei clan. C'è sempre stato diranno tutti. Certo, ma ora sono saliti di livello. Confessano subito per avere uno sconto che arriva a due terzi della pena. Un omicidio, ormai, vale meno di tre anni in galera. Ed è pura verità. Bravo Zazà.

  • User Icon

    Ciro D'Onofrio

    14/02/2016 22.36.00

    La storia di un tumore sociale che non conosce limiti,che avviluppa nelle sue spire inarrestabili perfino i bambini e che attanaglia mortalmente una città: la camorra. Teste matte è un romanzo spietato e crudele, scritto in maniera molto semplice ma molto precisa, che non fa sconti e fa ancora più male se si pensa che è la cronaca di ciò che è avvenuto e molto probabilmente sta avvenendo.Il coraggio di una denuncia forte, senza remore,un grido di dolore che non può rimanere inascoltato.Da napoletano la mia personale sofferenza ed al tempo stesso la mia personale gratitudine per uno "j'accuse" che non risparmia nessuno e senza retorica. Unico punto di debolezza l'eccessiva lungaggine

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione