Ti prendo e ti porto via - Niccolò Ammaniti - copertina
Salvato in 8 liste dei desideri
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
Ti prendo e ti porto via
8,09 € 14,98 €
LIBRO USATO
Dettagli Mostra info
Ti prendo e ti porto via
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libreria Gullà
10,00 € + 4,50 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Libreria Fernandez
15,00 € + 4,90 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Come Nuovo
Libraccio
8,09 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
ibs
14,23 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
14,23 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libreria Gullà
10,00 € + 4,50 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Libreria Fernandez
15,00 € + 4,90 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Come Nuovo
Libraccio
8,09 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Chiudi
Ti prendo e ti porto via - Niccolò Ammaniti - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione

A Ischiano Scalo il mare c'è ma non si vede. E' un paesino di quattro case accanto a una laguna piena di zanzare. Il turismo lo evita perché d'estate s'infuoca come una graticola e d'inverno si gela. Questo è lo scenario nel quale si svolgono due storie d'amore tormentate. Ammaniti crea e dissolve coincidenze, è pronto a catturare gli aspetti più grotteschi e più sentimentali, più comici e inquietanti della realtà.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

1999
11 maggio 1999
9788804468240

Valutazioni e recensioni

4,74/5
Recensioni: 5/5
(39)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(31)
4
(7)
3
(0)
2
(1)
1
(0)
GIOVANNI
Recensioni: 5/5

Vi è mai capitato di leggere un libro e di ridere talmente tanto che dalle altre stanze vi chiedano se va tutto bene? Di svegliarvi al mattino e di pensare per prima cosa a Graziano Biglia o a Pietro Moroni? Di uscire dal lavoro e di voler andare diretto a casa per continuare a leggere? Per me è stato così e non so se mi è mai capitato di divertirmi così tanto leggendo un altro libro, triste, ingiusto, esilirante e folle come gli abitanti di Ischiano Scalo.

Leggi di più Leggi di meno
mile
Recensioni: 4/5

Ti prendo e ti porto via coinvolge e prende con la sua verità e il suo realismo, raccontando in modo impietoso un mondo difficile, i cui i personaggi sono delineati con precisione e chiarezza estreme. Il piccolo paese, le condizioni senza via di uscita del giovanissimo Pietro, i bulli, lo squallore di un playboy in declino, la disperata solitudine di una professoressa si intrecciano in una narrazione forte e profondamente pervasa di umanità che lascia amarezza, disillusione e tristezza. E' la vita, quella di persone di carne e sangue che ti restano addosso anche a distanza di tempo. Un bel romanzo da consigliare senz'altro, che descrive con un linguaggio immediato, intenso e scorrevole una vicenda e i suoi protagonisti senza cedere ad alcuna forma di buonismo e di retorica.

Leggi di più Leggi di meno
Luca
Recensioni: 5/5

Senza dubbio il miglior romanzo di Ammaniti. Emoziona, commuove, fa incazzare e diverte. Lo leggi e lo rileggi con estremo piacere.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,74/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(31)
4
(7)
3
(0)
2
(1)
1
(0)

Voce della critica


recensioni di La Porta, F. L'Indice del 1999, n. 10

"… mezzo morto e acciaccato come una formica a cui è finito in testa un vocabolario…". Bisogna riconoscere a Niccolò Ammaniti almeno di avere rinnovato il repertorio di similitudini cui attinge il nostro immaginario letterario. E a ben vedere anche certa sua assenza di scrittura, in un paese pieno di squisiti prosatori d’arte, si rivela funzionale a una vocazione di incontenibile storyteller, che si è nutrito ugualmente di echov e Stephen King, di Salinger e cartoni della Warner Bros.

La scrittura, nelle pagine di Ti prendo e ti porto via, più che non esserci non si vede, diventa quasi trasparente, e ciò rappresenta la virtù di un narratore che intende soprattutto costruire universi affollati di personaggi e storie intrecciate (essenzialmente qui due storie parallele di coppie, di diversa età, che si incontrano solo per un attimo, e intorno a loro una moltitudine di comprimari e caratteristi). Accennavo alla proliferazione di traslati e poi all’uso anche molto divertente dell’iperbole, quasi a marcare continuamente una viscerale identificazione dell’autore con la propria generazione, direi su un piano retorico. Non tanto quindi l’uso manieristico dei tic dello slang giovanile, alla Brizzi (forse più dotato stilisticamente ma più sterile dal punto di vista narrativo), quanto l’attenta restituzione di un universo del discorso capace di esprimere in filigrana la verità più nascosta (e involontaria) dell’inconscio generazionale. Quando la Uno turbo Gti viene definita "bara motorizzata che filava come una Porsche, beveva come una Cadillac e si accartocciava come una lattina di cocacola", o quando leggiamo "sentiva il suo sguardo passarle addosso come uno scanner" abbiamo la sensazione che la pagina di Ammaniti si diverta a mescolare suggestioni diverse per trasmetterci uno stile (del pensiero, dell’esistenza) che appartiene all’epoca: Topolino e Gypsy King, Poirot e Herman Hesse, narrativa di genere, microleggende metropolitane, commedia all’italiana, classici letterari rimasticati, aforismi postmoderni… Se dovessi indicare dei modelli autarchici (a parte i riferimenti extraletterari, più o meno trash, dal fumetto ai B-movies) citerei Sandro Veronesi (per l’ironia metanarrativa un po’ settecentesca: "Ci si potrebbe chiedere che diavolo ci facesse Erica…") e Andrea De Carlo (accentuata visività, stile paratattico e periodare staccato). Ogni tanto la narrazione viene inframezzata da digressioni scientifiche, in cui perlopiù si parla di zoologia (ma non solo: c’è un passo molto accurato sulla definizione del concetto di ansia): dunque, ad esempio, il comportamento dei licaoni o dei lamantini (gigantesca e obesa foca albina), che serve a descrivere metaforicamente comportamenti e dinamiche dei personaggi. E anche qui si sentono tanto Piero Angela e "Quark" metabolizzati da un adolescente con fantasia. Ritornano poi certe costanti dell’autore, il dettaglio crudo e iperrealistico (il rumore della cartilagine del setto nasale spezzato – lo stesso dei denti che affondano in un Magnum Algida –, o anche la corazza della tartaruga distrutta a martellate) e il comico-grottesco-sentimentale.

Si è detto della maestria con cui l’autore sa governare una narrazione multistrati, ben diversa e più impegnativa dei racconti precedenti e dell’opera d’esordio. Eppure lungo le oltre quattrocento pagine di un romanzo corale così godibile il ritmo a volte si attenua, tradisce qualche stanchezza. Come mai? A lasciare perplessi è forse il punto di vista del narratore: "Alima, diciamocelo pure, non era Miss Africa…". Già, ma chi sta parlando qui? Chi è questo narratore onnisciente e un po’ dispotico, che orchestra con perfezione quasi spietata la miniepopea del paesino maremmano di Ischiano Scalo decidendo pause, colpi di scena, coincidenze, e che si mostra però così vicino ai suoi stessi personaggi da condividerne in modo imbarazzante gusti e umori? Una complicità che dà un senso di déjà vu, di giochino un po’ risaputo e replicabile all’infinito.

Letteratura di (buon) intrattenimento? Possibile best-seller di qualità? Categorie qui non improprie. Temo però, riconoscendo ad Ammaniti tutto il suo (raro) talento affabulatorio, che anche per intrattenere non basti lo scialo di storie e personaggi e destini, né un tocco finale di tragico (in verità esteriore) che si aggiunge per dare più peso a un’iniziazione fatta quasi solo di aneddoti: occorre soprattutto un’attitudine a interrogare caparbiamente e a fondo questi destini (senza pretendere di risolverli), perfino una capacità (da parte del narratore-demiurgo) di lasciarsene sopraffare ogni tanto.

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Niccolò Ammaniti

1966, Roma

Scrittore italiano. Ha esordito nel 1994 con il romanzo Branchie (1997). Nel 1995 ha pubblicato il saggio Nel nome del figlio, scritto con il padre Massimo, e nel 1996 la raccolta di racconti Fango. Suoi racconti sono usciti nelle antologie Gioventù cannibale (1996) e Tutti i denti del mostro sono perfetti (1997). I suoi libri sono stati tradotti in francese, tedesco, spagnolo, greco e russo. È del 1999 Ti prendo e ti porto via, mentre nel 2001 pubblica per Einaudi Io non ho paura (diventato nel 2003 un film di Gabriele Salvatores).Niccolò Ammaniti ritorna al fumetto, genere che ha contribuito a formare lo stile narrativo dello scrittore. Fa un pò male è il libro pubblicato nel 2004 che contiene tre brevi romanzi a fumetti sullo sfondo di una Roma...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore