Ti prendo e ti porto via

Niccolò Ammaniti

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Einaudi
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1008,09 KB
Pagine della versione a stampa: 522 p.
  • EAN: 9788858414538
Salvato in 9 liste dei desideri

€ 6,99

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

A Ischiano Scalo il mare c'è ma non si vede. In questa periferica maremma di paludi e zanzare, di bar e casette affacciate sul nulla di una strada provinciale si svolgono due storie d'amore. Pietro e Gloria sono due ragazzini. Lei è figlia di un direttore di banca, è sveglia, bella e sicura di sé. Lui è figlio di un pastore psicopatico, è introverso, sognatore, e la vittima preferita dei bulli del paese. Graziano Biglia è tornato a Ischiano, con la sua fama di chitarrista sciupafemmine e il cuore spezzato da una cubista. Qui conosce la professoressa Flora Palmieri, una donna sola e misteriosa che ha rinunciato alla propria vita per prendersi cura della madre. E tra i due, in apparenza lontani come i pianeti di due galassie, nasce un'attrazione. Una folla di creature strambe e grottesche si muove attorno ai protagonisti, come nella scia di un vento elettrico e vorticoso.
4,53
di 5
Totale 24
5
15
4
6
3
1
2
1
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Un libro davvero stupefacente

    15/07/2019 10:17:45

    Mi sono DIVORATA QUESTO MAGNIFICO LIBRO in pochi giorni. Mi sono innamorata di quello sfigato di Graziano il vitellone 44enne e Flora la maestra santarellina casa e chiesa, li ho adorati in ogni pagina, personaggi descritti da Dio, storie incredibili che ti fanno ridere a crepapelle e soprusi e storie di ordinaria vita che fanno davvero arrabbiare. consiglio vivamente la lettura, forse uno dei miei libri preferiti......

  • User Icon

    Tea

    13/05/2019 14:32:14

    Un libro travolgente e letto in un soffio che mi è rimasto nell'anima anche molti mesi dopo dalla sua lettura. Mi capitava di ritrovarmi a pensare alle vicende dei vari personaggi e soffrire per la sorte della professoressa Flora come se fosse stata una storia di cronaca.

  • User Icon

    Jasmin

    28/04/2019 21:59:01

    Il libro racconta le vite di 4 personaggi, che pian piano si intersecano tra loro. A mio parere ci sono descrizioni fin troppo approfondite e inutili, ritmo inizialmente lento e poi più veloce. Libro consigliato più per persone che amano la leggere.

  • User Icon

    Alessandro

    19/03/2019 18:09:11

    Le vicende dei personaggi ti travolgono letteralmente, con le loro differenti realtà, i loro modus vivendi agli antipodi......per alla fine intrecciarsi in una trama fitta di eventi che alla fine si traducono in tragedia. E' un racconto coinvolgente che ti rimane nella mente per giorni......e nel cammino della tua vita inevitabilmente ti capita di ricordarti dei personaggi e delle frasi o dei punti nevralgici delle loro vicende.........memorabile insomma!

  • User Icon

    Luisa

    10/03/2019 10:08:00

    Uno dei libri più belli dell'autore Ammaniti, capolavoro indiscusso della letteratura contemporanea italiana... la storia di vari personaggi che gira intorno alla vita di un ragazzino che commette un gesto estremo pur di uscire dal triste quotidiano di cui è protagonista

  • User Icon

    Ariel

    08/03/2019 00:17:06

    Romanzo bellissimo, che mi ha fatto sorridere e mi ha lasciato con un nodo stretto alla gola. Due storie parallele, due personaggi maschili- il dodicenne Pietro e il quarantenne Graziano- le cui vicende vengono mosse da Ammaniti che le gestisce dall’alto, come un sapiente burattinaio. E forse Ammaniti è uno dei pochi scrittori capaci di descrivere cosa significhi essere adolescenti infelici e poi adulti col cuore spezzato. I suoi personaggi ti restano dentro per tanto tempo e su tutti spicca Flora, figura femminile forte e fragile al tempo stesso. Questo romanzo avrà per sempre un posto speciale nel mio cuore. Cinque stelle meritatissime.

  • User Icon

    Michelle

    15/02/2019 22:26:17

    Un libro bello nella sua semplicità, scritto divinamente, mai scontato e sempre in bilico tra la normalità e l'assurdo. Da leggere se si cerca una storia italiana con quel pizzico di freschezza in più.

  • User Icon

    Erica

    15/02/2019 16:42:00

    se ci fossero 6 stelle, a lui le darei. Anche in questo romanzo ha avuto un'escalation nella presentazione dei personaggi che mi ha stupita ancora una volta, benchè ormai da lui ce lo si aspetti! Il tocco umano per il protagonista bambino mi ha fatta emozionare...mi ha trasmesso esattamente quello che poi ha detto la maestra che ha sentito di volerlo con sè per amarlo e per occuparsi di lui ♥

  • User Icon

    Les

    14/02/2019 12:13:37

    Secondo me, il più bel libro di Ammaniti. Intreccio, fatalità, sgomento ... scrittura eccellente e coinvolgente.

  • User Icon

    Paola

    23/09/2018 19:37:59

    La scrittura è scorrevole, è un piacere leggere quelle parole e quasi non ti accorgi del tempo che intanto passa. Le storie sono intrecciate tra di loro in modo superbo. E' uno di quei libri dove una volta finito ti senti perso e non realizzi di averlo appena concluso

  • User Icon

    Daniela

    21/09/2018 13:36:41

    Stupendo! Il mio libro preferito! Storia coinvolgente e commovente, grandissima capacità dello scrittore di catapultarti in una narrazione sapientemente descritta. Non appena si inizia la lettura si viene letteralmente rapiti.

  • User Icon

    Marta

    20/09/2018 13:42:19

    La storia di Pietro, ragazzo problematico alle prese con una bocciatura e una famiglia difficile, e Gloria, ragazza alto-borghese, sua compagna e amica, o qualcosa di più, si intrecciano a quelle di Graziano e Flora. Graziano ex playboy incallito torna al suo paesino d'origine dopo il fallimento di una, non troppo grande, storia d'amore. Incontra Flora, donna sola e appesantita dalla malattia della madre, si innamorano... Potrebbe concludersi tutto in un banale lieto fine ma...

  • User Icon

    Chiara

    20/09/2018 08:41:37

    Un libro che mi ha stupito per la sua originalità. Le vite dei personaggi del romanzo si incrociano tra loro e solo alla fine è possibile capire per quale motivo Ammaniti abbia narrato le loro storie. Narrazione coinvolgente e un finale inaspettato. Un libro bellissimo.

  • User Icon

    Giusy

    19/09/2018 09:56:50

    Il libro racconta parallelamente le vite di vari personaggi, vite che pian piano cominciano ad incrociarsi e ad interagire tra loro. Il ritmo a mio parere inizialmente lento, assume dinamicità nell'ultima parte creando suspance nel lettore. Un finale inaspettato!

  • User Icon

    Silvia

    18/09/2018 19:03:50

    Le storie di più personaggi si intrecciano in un romanzo travolgente.. è un libro dolce ed emozionante!

  • User Icon

    Vito

    20/09/2017 21:48:13

    Il libro è un romanzo che intreccia le storie di numerosi personaggi descrivendoli nei dettagli e facendogli percorrere le proprie strade di vita sino a intersecare quella degli altri protagonisti. Finale sbalorditivo.

  • User Icon

    Betta

    23/08/2017 15:35:45

    Che noia!!! Non ho ancora finito di leggerlo e lo finirò solo nella speranza di un finale col botto, per il momento sto saltando un sacco di paragrafi, e anche qualche pagina, descrizioni fin troppo approfondite e inutili.

  • User Icon

    aurora

    28/03/2017 08:09:27

    Delicato, folle, bellissimo. Se vi piace vedere la vita con l'innocenza e gli occhi di un bambino, questo libro fa per voi. Delizioso

  • User Icon

    evelyn

    21/05/2016 20:46:42

    Mi manca sapere che fine ha poi fatto Graziano Biglia... Bel libro, alla fine mi son trovata a leggere tutta contratta per la suspance... racconta anche di ragazzini in un contesto di disagio sociale, qua Pietro come lo era Cristiano in "come Dio comanda". Personaggi al limite, episodi concreti di cruda realtà quotidiana con i quali Ammaniti ci racconta di grandi verità. Sono prontissima a leggere un altro dei suoi romanzi !

  • User Icon

    Malombra

    30/12/2015 22:56:34

    Posto che io leggo prevalentemente classici,mi sono avvicinata ad Ammaniti con Io non ho paura grazie all'omonimo bellissimo film di Salvatores. Ti prendo e ti porto via non ha deluso le mie aspettative.La provincia italiana non è il luogo felice e incontaminato che dipingono le campagne pubblicitarie .Esistono difficoltà economiche, degrado,mali dell'anima negati e difficoltà di relazione. Scarno lo stile, crudo il lessico fino a disturbare il lettore e costringerlo a posare lo sguardo su una realtà scomoda, paradossale, urticante.Libro molto scorrevole e anche ironico.

Vedi tutte le 24 recensioni cliente


"Erano stati gli occhi di quel bambino a cambiargli l'umore. Rassegnazione, ecco cosa ci aveva visto dentro. E se c'era una cosa che Graziano Biglia detestava con tutte le sue forze era la rassegnazione."

Un ampio romanzo, una narrazione che scorre davanti agli occhi del lettore come un film. Due vicende si svolgono, nella provincia italiana un po' gretta, un po' corrotta: tutto solo un po', fino a che non valica i limiti e diventa dramma, ma un dramma che si svolge un po' per caso, per distrazione e leggerezza. Alcune figure conducono l'azione principale, ma intorno ad esse si muove un paese, un coro che sottovoce commenta, sostiene, colpisce, condanna, accetta e rifiuta. Ed è proprio il ruolo che i singoli personaggi svolgono dentro al gruppo di appartenenza, o di riferimento quello che guida molte azioni. Il ragazzino protagonista, Pietro, nasce già segnato: un padre violento e ubriacone, una madre depressa, un fratello maggiore che non brilla per intelligenza né per affetto nei suoi confronti. Tutto ciò però non è una tragedia, Ammaniti descrive, non intende fare denunce o analisi sociali: la realtà per molti ragazzini è questa, e così va detta. Pietro ha la curiosa fortuna di diventare in un primo momento il giocattolo animato di una sua ricca e viziata coetanea, presso la cui casa sua madre svolgeva il ruolo di donna delle pulizie, quindi l'amico, il compagno di giochi e di scoperte di Gloria, la ragazzina in questione. È quasi amore quello che esiste tra i due, un amore che si traduce in solidarietà, in vendetta comune contro l'ingiusta bocciatura di Pietro. L'esito però riporta tutto nella regola: lei andrà all'università, mentre lui finirà in un carcere minorile.

A questa storia "d'amore" se ne ricollega un'altra: quella tra Graziano Biglia e Flora Palmieri. Ex playboy con qualche ammaccatura fisica e morale, Graziano ritorna in paese dopo aver vissuto esperienze esotiche (solo in parte vere, altre inventate per aumentare la propria fama tra i bulli di provincia), vanta una storia d'amore con una bella ragazza incontrata in discoteca, anzi dichiara l'imminenza del matrimonio con l'avvenente "cubista" che invece fugge, ancor prima di arrivare, tra le braccia di un personaggio del mondo dello spettacolo che le può assicurare una partecipazione televisiva.

Sconsolato, soprattutto per la brutta figura, Graziano rivolge i suoi occhi a una donna del tutto diversa da lui e dal suo ambiente: una professoressa considerata fredda e scostante, antipatica a tutti, Flora. Questa giovane donna, che aveva sempre represso sensi e fremiti sessuali, viene "risvegliata" da questo quarantenne seduttore un po' fallito. La sua vita si trasforma, ma l'esito anche di questo rapporto non è felice. Lei resta incinta, lui sparisce, lei non osa affrontare preside e colleghi molto giudicanti e maligni e il caso, il destino la condannano.

Altre vicende secondarie si intrecciano a queste due storie portanti che a un certo punto si incontrano. E l'abilità di Ammaniti è proprio in questa capacità di narrazione fluida e semplice, i cui riferimenti e le cui citazioni sono legate a una cultura di massa generazionale: film, cantanti, pubblicità che sono entrati nella testa dei personaggi, fanno parte della loro vita. La realtà che viene riprodotta nel libro è decisamente squallida, Fango, direi, in una specie di autocitazione l'autore trascrive le brutture, lo squallore di vite inutili e ininfluenti: le vite di quasi tutti probabilmente. In modo molto efficace Angelo Guglielmi su La Stampa dichiara che in questo romanzo predomina il "piacere della fattura sull'orrore dei materiali trattati". Lo scrivere, il narrare ha in sé il suo scopo che è riflettere, come uno specchio, la realtà, non giudicarla. La generazione di scrittori, chiamati ormai "Cannibali", forse ha radici lontane: se questa è la società, se questo è il suo linguaggio non resta allo scrittore che riprodurli, ma qualcosa di simile non aveva fatto (mutatis mutandis) anche Verga?

  • Niccolò Ammaniti Cover

    Scrittore italiano. Ha esordito nel 1994 con il romanzo Branchie (1997). Nel 1995 ha pubblicato il saggio Nel nome del figlio, scritto con il padre Massimo, e nel 1996 la raccolta di racconti Fango. Suoi racconti sono usciti nelle antologie Gioventù cannibale (1996) e Tutti i denti del mostro sono perfetti (1997). I suoi libri sono stati tradotti in francese, tedesco, spagnolo, greco e russo. È del 1999 Ti prendo e ti porto via, mentre nel 2001 pubblica per Einaudi Io non ho paura (diventato nel 2003 un film di Gabriele Salvatores).Niccolò Ammaniti ritorna al fumetto, genere che ha contribuito a formare lo stile narrativo dello scrittore. Fa un pò male è il libro pubblicato nel 2004 che contiene tre brevi romanzi a fumetti sullo sfondo di una Roma... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali