Categorie

Editore: Carocci
Anno edizione: 2007
Pagine: 224 p. , Brossura
  • EAN: 9788843040124
Frutto di incontri seminariali alla Sapienza di Roma, il libro raccoglie numerosi contributi che vanno dall'attenta rilettura, nella prima parte, delle analisi di Simmel, di Freud, di Henri Lefebvre, di Michel de Certeau (con ampi riferimenti anche a Benjamin e a Foucault), nei saggi di Davide Borrelli, Lesley Caldwell, Elizabeth Lebas, Paola Di Cori, Ben Highmore, Paolo Jedlowski, ad alcuni scritti sui nuovi soggetti nello spazio pubblico della seconda parte (Patrizia Veroli, Massimo Canevacci, Carmen Leccardi, Franca Balsamo, Francesco Ronzon, sulla quotidianità in rapporto all'arte, ai nuovi mezzi di comunicazione, al movimento delle donne, alla cura domestica e alle badanti immigrate, agli incontri omosessuali), mentre la terza parte esamina vari aspetti della vita familiare e delle rappresentazioni della famiglia (Clotilde Pontecorvo, Marilena Fatigante, Franscesco Arcidiacono, Alessandra Fasulo, Psl André Aarsand, Karin Aronsson). Dall'analisi comparata e multidisciplinare che attraversa competenze storiche, sociologiche, psicologiche, antropologiche, la vita quotidiana emerge come "un groviglio intricato di questioni politiche legate ai mutamenti biologici e alla sopravvivenza della specie, alle nuove maniere di esperire lo spazio e il tempo, e anche di considerare le forme della cittadinanza e i diritti, le recenti schiavitù lavorative e sessuali, la rivoluzione nel campo delle comunicazioni" (Di Cori). Il materiale raccolto, sia sul versante teorico che su quello delle analisi empiriche, è ampio e interessante, ma forse nella prima parte avrebbero potuto trovare spazio anche teorici come Heidegger, Lukács e Habermas che hanno dedicato alla vita quotidiana importanti riflessioni filosofiche e sociologiche.
  Cesare Pianciola