Tre manifesti a Ebbing, Missouri (DVD)

Three Billboards Outside Ebbing, Missouri

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Three Billboards Outside Ebbing, Missouri
Paese: Stati Uniti
Anno: 2017
Supporto: DVD
Salvato in 84 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 8,68 €)

"Ancora nessun arresto?"

Una madre decisa a trovare l'assassino della figlia comincia ad adottare metodi inusuali e piano piano anche contro la legge

«Divertente, brutale e bello da togliere il fiato»Empire

«Coraggioso e sfacciato»The Guardian

«Scritto e interpretato magnificamente»The Telegraphe

Sono passati mesi e l’omicidio di sua figlia è rimasto irrisolto, così Mildred Hayes decide di smuovere le autorità, commissionando tre manifesti alle porte della sua città diretti a William Willoughby il venerato capo della polizia locale. Quando viene coinvolto anche il suo secondo ufficiale, Dixon, ragazzo immaturo e dal temperamento violento, la battaglia tra Mildred e le forze dell'ordine di Ebbing è dichiaratamente aperta.

4,73
di 5
Totale 22
5
16
4
6
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Alessandro

    02/07/2020 22:33:33

    Bravissimi tutti gli attori, questo film si guarda tutto in un fiato, penso che alcuni personaggi come Mildred Hayes e il poliziotto Dixon, e lo sceriffo e anche altri, mi rimarranno in testa per un bel po d tempo, talmente mi hanno coinvolto le loro storie. Consigliatissimo.

  • User Icon

    Luca

    12/05/2020 13:43:59

    Un film che non lascia indifferenti. La storia toccante di una donna che pur sembrando rude e violenta svela le sue fragilità e le intreccia con quelle degli altri protagonisti. Film da vedere.

  • User Icon

    Angela

    12/05/2020 10:18:04

    Questo film lo descriverei come un vero e proprio schiaffo in faccia. Un film forte, pieno di significato, di rabbia e di sete di giustizia. Frances McDormand è come sempre bravissima, apprezzo davvero questa attrice in ogni suo ruolo. Le tematiche affrontate sono toste, forse non adatte a tutti: omicidio, violenza, stupro. E' una storia pregna di dolore ed è una storia di denuncia. Il finale è aperto e ciò mi è piaciuto molto, è sempre bello lasciare allo spettatore la possibilità di scatenare la propria fantasia.

  • User Icon

    lorenzo

    27/01/2020 09:02:12

    Questo è uno di quei film che non puoi ignorare. E' forte, intelligente, umano e spiazzante. Assolutamente da vedere se ami il cinema. Però si deve sapere che è per una serata che vuoi impegno, serietà, riflessione.. Gli attori sono davvero grandiosi, tutti.

  • User Icon

    Chiara

    25/09/2019 11:56:08

    Un film davvero molto forte che ti tiene incollato allo schermo. Consigliato assolutamente.

  • User Icon

    Luana

    23/09/2019 12:29:59

    Film forte e significativo. Si tratta di una storia non facile da raccontare e che è stata resa in maniera perfetta. I protagonisti bravissimi, soprattutto la McDormand

  • User Icon

    Alessandro

    21/09/2019 14:50:58

    Una storia capace di coinvolgermi per tutto il tempo della sua durata, mostrando grandi capacità realizzative, interpretazioni di livello, dialoghi interessanti, conditi anche con un umorismo ficcante, regia senza sbavature, ritmo eccellente e una certa intelligenza nella sceneggiatura ne fanno una pellicola da tenere in considerazione. Assolutamente da vedere

  • User Icon

    pP

    11/03/2019 10:30:25

    Un film che dà un bel pugno nello stomaco. Forte, bello, deciso, pieno di determinazione. Da vedere, consigliatissimo

  • User Icon

    massimo

    10/03/2019 19:36:29

    Bella trama, sceneggiatura molto interessante. Non è esattamente il mio genere ma l'ho trovato molto interessante.

  • User Icon

    chiara

    09/03/2019 14:31:50

    Gli amanti del cinema americano non possono lasciarsi sfuggire questo film. Frances McDormand sfonda letteralmente lo schermo: personalità dura quanto basta, determinata, spietata, ma nello stesso tempo madre fragile e dolce. La protagonista è semplicemente una madre alla ricerca di giustizia,che non si arrende. Per spingere la Polizia Locale a riprendere le indagini e far luce sulla morte della figlia barbaramente uccisa, commissiona tre enormi cartelli pubblicitari. Film consigliatissimo!!!

  • User Icon

    5 stelle

    09/03/2019 13:44:00

    Film da 5 stelle. Attori all'altezza, sequenze crude e realistiche. Una storia che segna e lascia il segno una volta finito il film. Molto bello.

  • User Icon

    Pierluigi

    09/03/2019 13:19:26

    Il film dell'anno. Seguo il regista da anni, ma il suo stile era sempre stato un po' pulp, un po' scanzonato. E invece... Una volta iniziata la pellicola si resta rapiti dal film: la fotografia, le musiche, ma soprattutto i personaggi e le loro storie. Volano via 2 ore, e vorresti che fossero almeno 4, 6, una serie TV, un romanzo lunghissimo. Non ti basta, non ti sazia solo un film. Quanta vita, quanti dolore, quanta cinica ironia. Un mondo senza santi, nel quale essere decenti diventa una lotta di principi. Capolavoro.

  • User Icon

    raspi88

    06/03/2019 12:44:48

    Bel film, in cui vengono messi in risalto molti lati negativi dell'animo umano ma al tempo stesso quei personaggi così vili e senza criteri sono capaci di redimersi e riscattarsi per ciò che non erano riusciti a essere prima. Bella storia e soprattutto ottimo il susseguirsi di eventi che in un modo o nell'altro portano a scavare nella psicologia dei vari personaggi.

  • User Icon

    Marco

    31/12/2018 16:46:01

    Bel film, da vedere.

  • User Icon

    Giuliano P.

    30/10/2018 11:00:08

    Una capacità narrativa cruda, efficace, essenziale, sfumature slang molto “Dixie”, con scrittura che mi ricorda i primi Bukowski e Cheever, sullo sfondo di una cittadina americana che vive ai margini di un benessere riflesso e mai assimilato, realtà semiabbandonata come tante nel Midwest comatoso causa tremenda crisi economica ancora strisciante. Un film “alla fratelli Coen”, più che meritati i premi Oscar per le interpretazioni di Frances McDormand (superba!) e Sam Rockwell. Da vedere e meditare.

  • User Icon

    Giulio

    20/09/2018 22:41:18

    Come non si possono non dare 5 stelle a questo film. Ottime interpretazioni e buona sceneggiatura.

  • User Icon

    cristina

    20/09/2018 19:13:25

    L'interpretazione di Frances McDormand è strepitosa,un film finalmente ben riuscito dall'inizio alla fine.Davvero consigliata la visione

  • User Icon

    n.d.

    22/06/2018 15:17:32

    Questo film è stupendo!!!! Oscar meritatissimi, un film crudo che ti tiene incollato al video. Da vedere assolutamente.

  • User Icon

    Massimo

    21/05/2018 05:13:35

    Bel film, bella atmosfera, ottimi gli attori. Film di assoluto valore. Eppure non è un capolavoro.

  • User Icon

    Fabio Scarnati

    04/04/2018 14:23:39

    Il miglior film tra quelli usciti nel 2018. Straordinari gli interpreti, in particolare la McDormand e Rockwell, meritatamente premiati con l'oscar.

Vedi tutte le 22 recensioni cliente

Una commedia profonda che cerca e trova l'anima dell'America sotto l'intolleranza acuta e la mentalità settaria

Trama
Mildred Hayes non si dà pace. Madre di Angela, una ragazzina violentata e uccisa nella provincia profonda del Missouri, Mildred ha deciso di sollecitare la polizia locale a indagare sul delitto e a consegnarle il colpevole. Dando fondo ai risparmi, commissiona tre manifesti con tre messaggi precisi diretti a Bill Willoughby, sceriffo di Ebbing. Affissi in bella mostra alle porte del paese, provocheranno reazioni disparate e disperate, 'riaprendo' il caso e rivelando il meglio e il peggio della comunità.
Al suo terzo film, Martin McDonagh conferma una visibile impronta: infiltrare la tragedia dentro la commedia nera. Tre manifesti a Ebbing, Missouri sposa la pratica prediletta ma sposta più avanti la riflessione.

Ebbing odia, la polizia non spara

Una commedia nera come non se ne vedevano da tempo. Il nuovo film di Martin McDonagh fa ridere e riflettere: un mix di comico e tragico che fa centro, con una McDormand da Oscar

Tre manifesti a Ebbing, Missouri è la miglior commedia nera da molti anni a questa parte. Ed è anche il miglior dramma. Com’è possibile? Chiedetelo a quello scatenato di Martin McDonagh (In Bruges, Sette psicopatici) che riesce a ipnotizzarci usando semplicemente quegli elementi che poi sono alla base del cinema: emozioni forti, personaggi complessi, sceneggiatura audace e cast da Oscar.
Se Frances McDormand non ne porta a casa un secondo, dopo quello conquistato nel 1997 per Fargo, l’Academy è da denuncia: è ora di fare una statua a questa donna. O almeno di darle un’altra statuetta, perché è assurdamente brava e non se l’è mai tirata: «Quando morirò, sulla mia tomba ci sarà scritto “Qui giace Marge” (il suo personaggio nel film dei Coen, ndr) e va bene così perché è un personaggio meraviglioso, ma posso dirvi che Mildred è una Marge cresciuta».
Mildred Hayes è la protagonista di Tre manifesti, una madre ferita e incavolata che decide di affiggere i cartelloni del titolo per richiamare l’autorità locale alle sue responsabilità: a sette mesi dallo stupro e dall’uccisione della figlia adolescente, infatti, non c’è traccia di un colpevole né di un sospettato. Nel film l’attrice è dolente ma incontenibile, ha la forza distruttiva di Hulk e la sete di vendetta di un’Elettra moderna: usa un trapano per bucare il dito di un dentista, lancia i cereali al figlio che la insulta a colazione, prende a calci i suoi amici a scuola e dà persino fuoco a una centrale di polizia.
Nella piccola cittadina di Ebbing la legge porta il nome di Chief Bill Willoughby e del suo vice Jason Dixon, interpretati da altri due fuoriclasse: senza nulla togliere allo sceriffo di Woody Harrelson, autore di una serie di lettere che nel loro mix di comico e tragico riassumono alla perfezione lo spirito della pellicola, l’altro a meritarsi l’Oscar è Sam Rockwell, uno per cui McDonagh ha già scritto ruoli divertentissimi nei suoi film precedenti, ma che non ci ha mai regalato una performance tanto ricca di sfumature come questa. Non riuscirete a odiare il suo poliziotto cocco di mamma, violento e razzista, che però scongiura l’effetto caricatura: rude e spudorato sì, ma anche molto empatico.
Proprio come il suo bad cop, i personaggi sono tutti straordinari perché lontani dai cliché, dal dualismo buoni e cattivi, unicamente e dolorosamente umani. Tre manifesti è un’opera arrabbiata, ma non rabbiosa, è un western contemporaneo politicamente ed eticamente scorrettissimo. Non a caso Frances fa camminare la sua protagonista come fosse John Wayne.

Recensione di Benedetta Bragadini

Oscar [Academy Awards] 2018: Miglior attrice protagonista a Frances McDormand - Miglior attore non protagonista a Sam Rockwell

  • Produzione: 20th Century Fox Home Entertainment, 2018
  • Distribuzione: The Walt Disney Company Italia
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Inglese
  • Formato Schermo: 2,35:1 16:9
  • Woody Harrelson Cover

    Propr. Woodrow Tracy H., attore statunitense. Interprete di formazione teatrale, esordisce al cinema in Wildcats (Linci, 1986) di M. Ritchie, mentre il suo primo ruolo da protagonista è in Chi non salta bianco è (1992) di R. Shelton. Nel 1994 è nel discusso Assassini nati di O. Stone, che esalta la sua recitazione nervosa e fisica, abile nell'alternare pause minacciose e scatti incontrollati. Il 1996 è l'anno della definitiva affermazione: in Verso il sole di M. Cimino e Larry Flynt - Oltre lo scandalo di M. Forman mostra il suo notevole talento e si consacra come uno dei migliori attori degli anni '90, come conferma anche in EdTv (1999) di R. Howard. Tra le sue interpretazioni successive: After the Sunset (2004) di B.?Ratner, She hate me - Lei mi odia di S. Lee, North Country - Storia di... Approfondisci
  • Sam Rockwell Cover

    Attore statunitense. Esordisce ventenne nella serie tv Clownhouse, ma il suo primo ruolo di rilievo è quello accanto a J. Turturro in Box of Moonlight (1996) di T. DiCillo. Dopo aver lavorato in alcune produzioni indipendenti, ottiene una piccola parte in Celebrity (1998) di W. Allen e quindi, l'anno successivo, partecipa a Il miglio verde di F. Darabont e, accanto a S. Weaver e T. Allen, alla commedia fantascientifica Galaxy Quest di D. Parisot . La sua più notevole interpretazione è quella dello showman e agente segreto della cia Chuck Barris in Confessioni di una mente pericolosa (2002) di G. Clooney, che l'anno successivo gli vale il riconoscimento come miglior attore al Festival di Berlino. Conferma di aver raggiunto una solida dimensione d'attore nelle prove successive: è il socio di... Approfondisci
Note legali