Categorie

Valerio Evangelisti

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
Pagine: 945 p., Brossura
  • EAN: 9788804648833
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Acquario

    02/02/2016 16.49.57

    Pensavo che gli scrittori col passare del tempo migliorassero, e prima di abbandonare questo romanzo mi sono più volte chiesto se stessi leggendo Valerio Evangelisti (noto scrittore) o qualche ragazzino suo omonimo. Ahimè, la foto sulla quarta di copertina ha fugato ogni dubbio. Tortuga, dall'inizio a più della metà, è un copia e incolla di intere frasi; personaggi piatti; trama senza risvolti degni di nota in cui emerge Rogério il portoghese, eroe cui inspiegabilmente tutto è dovuto e che non incontra mai un minimo di difficoltà. Se a questo ci aggiungiamo che l'autore a un certo punto perde anche il filo del discorso, non credo che il resto dell'opera migliori poi di tanto. "Rogério fu interrotto da un fatto imprevisto che lo fece ricadere sulla panca.[]" Qualche riga dopo: "Il portoghese, rimasto in piedi durante il battibecco con l'aristocratico, ricadde a sedere sulla panca." Forse gli editori farebbero bene a dare più spazio a scrittori meno noti, o aspiranti tali, se quelli affermati non hanno niente da dire.

  • User Icon

    daniele 64

    01/03/2013 12.44.19

    Dopo aver letto i 2 libri di Evangelisti sul Messico,ho provato ad iniziare la trilogia dei Pirati in ordine cronologico. Le mie riminiscenze salgariane giovanili mi hanno agevolato,anche se qui lo stile di Salgari c'entra poco. Sono passati più di cento anni e si vede...Molto documentato,realistico (quasi brutale) come sempre, Evangelisti si legge bene e riesce ad avvincere il lettore. Si può perdonare qualche piccola incongruenza a questo buon romanzo di avventura con venature politiche.

  • User Icon

    Simone

    13/03/2012 10.30.43

    Ho ritrovato gli stessi sapori che già avevano accompagnato la lettura di "Tortuga": un esotismo sfrontato, un certo gusto nel ritrarre violenza e depravazione, personaggi ben delineati e forti, una figura femminile di primo piano e difficilmente dimenticabile. Le scene di battaglia sono minori e passano in secondo piano, infatti contano di più i rapporti umani, siano essi di sopraffazione, seduzione o amicizia. Evangelisti è un maestro del genere e leggerlo è sempre un piacere.

  • User Icon

    Sweeney

    28/06/2011 09.26.40

    Brutto. Sotto ogni punto di vista."Documentato con serietà" si legge nella sovracopertina. Già, peccato che Evangelisti si soffermi un po' troppo spesso con compiaciuta indulgenza sulle scene violente (premetto che non sono una viola mammola). Ritengo che quando si è descritto un paio di volte cosa succede ad un cranio fracassato da una sciabolata sia più che sufficiente. Il resto è solo disgustoso e sadico piacere nel descrivere la sofferenza altrui. Così bravo a descrivere le scene di massacri, Evangelisti, così poco credibile quando passa ai dialoghi, che sembrano tratti da un fumetto. Alcuni passaggi, poi, sono degni della sceneggiatura di Lady Oscar. Comico il passaggio dal registro avventuroso a quello sentimentale, per cui lo stesso pirata che prima mutila senza alcuna pietà, taglia gole come affettasse prosciutti, poi si strugge come in un romanzo d'appendice per la sorellina morente. La "femme fatale" Gabriela Junot Vergara è rappresentata come l'Angelica "marchesa degli angeli" in salsa marinara (guarda caso, anche l'eroina dei coniugi Golon rapita dai pirati...): tutto uno sfarfallio di ciglia, bacetti mandati sulla punta delle dita, ammiccamenti nei confronti di Macary, il quale è tanto credibile come pirata così come una suora tra pornostar. Che dire, poi della verosimiglianza di una donna imprigionata per mesi da pirati, sbatacchiata da una nave all'altra, violentata, strapazzata che, così come ammette lo stesso narratore "miracolosamente" ha sempre acconciatura elaborata di perline/nastrini, trucco perfetto e abiti nemmeno un po' spiegazzati?! E questo sarebbe realismo?! Non sto ad elencare le infinite incongruenze che si notano durante la lettura. Ad esempio: Gabriela è castano-bionda e alla fine ha i capelli nerissimi (ricrescita dopo tre mesi di prigionia?). Semplicemente ridicole alcune osservazioni del tipo "D'improvviso il cielo si illuminò di stelle". Luci a San Siro. Non manca naturalmente il pistolotto finale del pirata "eroe".Inaccettabile.

  • User Icon

    David

    14/09/2010 13.26.13

    Sarà che sono un fan di Evangelisti, ma anche questo racconto mi è sembrato all'altezza delle aspettative. Le ambientazioni e lo svolgimento della storia sono affascinanti e come sempre lo stile è quello che ci si aspetterebbe dallo scrittore.

  • User Icon

    Gaba

    22/03/2010 14.13.56

    Non c'è la vena romanzata e quasi epica di Salgari nè la dettagliata ricerca d Nelson, ma Evangelisti ha creato il suo stile piratesco con maestria e in maniera decisamente accattivante!! Dopo Tortuga, che già avevo apprezzato, questo secondo libro non mi ha affatto deluso e ha riconfermato questo scrittore capace di letture avvincenti e ben ritmate, senza eccessi nelle citazione storiche o marinare, e con una buona caratterizzazione dei personaggi. Attendo un seguito!

  • User Icon

    Davide

    21/11/2009 13.36.17

    Pari a Tortuga per le ambientazioni e lo stile narrativo. Povero invece di grandi battaglie e anche la trama a mio parere lascia desiderare. D'altra parte mi é piaciuto questo genere piratesco quindi seppur trovando qualche pecca posso dire di averli letti con passione.

  • User Icon

    giunio bruto crippa

    19/11/2009 14.49.16

    Secondo romanzo, o meglio prequel, del brillante Tortuga uscito 1 anno fa; E' peraltro lo sviluppo di un breve racconto apparso anni fa nella raccolta Anime nere che ha poi invogliato Evangelisti a dedicarsi al mondo dei pirati della tortuga e a usarli come pietra di paragone della nostra società. Libro interessantew e accattivante lettura che trascina il lettore fino alla fine(?) e che promette gli sviluppi che si avranno in Tortuga; A ridurre il valore rispetto ai precedenti è una certa ripetitività nei dialoghi tra i pirati sulle navi e il paragone con il racconto, folgorante, che era apparso su Anime Nere

  • User Icon

    massimo

    17/11/2009 20.31.20

    Torna a sventolare la Jolie Rouge, la bandiera rossa e successivamente nera dei pirati. In questo prequel di Tortuga, Evangelisti continua a narrare la storia dei pirati senza nessuna concessione al romanticismo salgariano. Lungi dall'essere una comunità libertaria e ribelle, i pirati dei caraibi aprono una nuova storia, quella feroce del libero mercato e del più brutale capitalismo. Critica storica e romanzo di cappa e spada convivono felicemente. Una folla di personaggi percorre il libro, pirati dalla cinica filosofica, una femme fatele erotica ed ereticamente devota. Per chi ama il romanz storico e le atmosfere del romanzo d'avventura è un libro imperdibile. Io no soy marinero, soy capitan...

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione