Vallanzasca. Gli angeli del male

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Italia
Anno: 2010
Supporto: DVD
Vietato ai minori di 14 anni
Salvato in 27 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (7 offerte da 3,74 €)

1985. Vallanzasca Renato, matricola 38529H, nato a Milano il quattro maggio 1950, è rinchiuso in una cella di isolamento nel braccio di rigore della casa circondariale di Ariano Irpino. La sua propensione per il crimine si era rivelata sin da bambino quando, a nove anni, con la sua piccola banda libera una tigre da un circo. Così piccolo, ha già la stoffa del leader. Gli altri ragazzini, Enzo, Giorgio e Antonella, la "sorellina" venuta da Napoli, pendono dalle sue labbra. E quella prima ragazzata, che gli apre le porte del carcere minorile, segnerà la sua strada per sempre. Una volta uscito, dai piccoli furti nel quartiere passerà in rapida escalation alle rapine, ai sequestri di persona, agli omicidi. Renato Vallanzasca diventa "il boss della Comasina".
4,6
di 5
Totale 5
5
4
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    francesco

    15/05/2020 08:25:57

    Michele Placido porta sullo schermo l'intensa vita del criminale più famoso di Milano, Renato Vallanzasca, interpretato da uno strepitoso Kim Rossi Stuart. Il risultato è un poliziesco dal ritmo incalzante che non delude nel raccontare ascesa e caduta del Boss della Comasina.

  • User Icon

    SIRO

    22/02/2019 08:47:04

    5 STELLE BEN MERITATE

  • User Icon

    Mr Gaglia

    03/01/2014 14:04:52

    Questo film a me è piaciuto tantissimo. Negli ultimi anni il cinema italiano, a parer mio, si è veramente contraddistinto con delle opere eccellenti. Peccato che spesso siano riferite a fatti realmente accaduti (come gli Angeli del Male oppure Diaz) ma questo è un altro discorso. Eccezionale Kim Rossi Stuart: continua a sorprendermi questo "giovanotto" perché più passa il tempo e più diventa versatile. Anche Filippo Timi, nel ruolo di pisco-tossico-bandito, mi ha entusiasmato. Davvero bravo. La sua interpretazione è reale! Nonostante attribuisca il massimo punteggio a Placido ed il suo team, l'unico "nodino" della pellicola sono le musiche. Speravo di sentire molte più canzoni (italiane e straniere) di quell'epoca. Tuttavia i suoni nelle scene d'azione, o tristi, riescono a trasmettere una buona emozione. Bravi.

  • User Icon

    alex

    28/02/2013 14:18:12

    Il film non m'ha entusiasmato, ha tutti i difetti tipici del cinema italiano (poca cura dei dettagli, tanti attori di scarso valore); un plauso però va sicuramente a K.R.Stuart che qui ha fatto un grande lavoro interpretativo, dimostrandosi un grande attore, forse sottovalutato rispetto ad altri suoi coetanei. Per quanto riguarda la polemica sul fatto che il film possa mitizzare il Vallanzasca reale, a me sembra che dal film lui non ne esca come un eroe, ma semplicemente come un pazzo crminale; non conosco la vera storia di Vallanzasca purtroppo, però credo fosse questo il messaggio giusto da far emergere dal film.

  • User Icon

    grazia

    30/05/2011 11:56:49

    non si capisce come mai il film non abbia avuto un grande successo. La regia è perfetta, la ricostruzione ineccepibile e l'interpretazione di Kim Rossi Stuart è da manuale tanto da consacrarlo il miglior attore della sua generazione. Ho adorato questo film tanto da vederlo due volte di seguito al cinema. L'unico elemento che non ho molto gradito è stata la colonna sonora.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente

2011 - Nastri d'Argento Miglior Attore Protagonista Rossi Stuart Kim

  • Produzione: 20th Century Fox Home Entertainment, 2011
  • Distribuzione: The Walt Disney Company Italia
  • Durata: 125 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Tedesco (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Inglese; Italiano; Tedesco
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2
  • Contenuti: scene inedite in lingua originale: scene tagliate ed estese; dietro le quinte (making of): An Italian Job: il making of Vallanzasca; commenti tecnici: commento audio del regista Michele Placido; trailers
  • Michele Placido Cover

    Attore e regista italiano. Interprete dal carattere intenso e viscerale, ma capace anche di toni dimessi, fa la sua prima apparizione cinematografica in Teresa la ladra (1973) di C. Di Palma, seguita da un decennio in cui recita in numerosi film (tra i principali Romanzo popolare, 1974, di M. Monicelli e Salto nel vuoto, 1980, di M. Bellocchio). La svolta della sua carriera arriva nel 1984 con il ruolo del commissario Cattani nelle quattro fortunate serie televisive di La Piovra: diventa così uno degli attori italiani più richiesti e offre due vibranti interpretazioni in Mery per sempre (1989) di M. Risi e, nel ruolo di un losco affarista, in Lamerica (1994) di G. Amelio. Nel 1990 esordisce nella regia con Pummarò, un film sui problemi di integrazione degli immigrati. La sua carriera di regista... Approfondisci
  • Kim Rossi Stuart Cover

    È un attore e regista italiano. Ha recitato in numerosi film, tra cui i più noti sono “Al di là delle nuvole”, “Pinocchio”, “Le chiavi di casa”, “Romanzo criminale”, “Piano, solo”, “Questione di cuore”, “Vallanzasca - Gli angeli del male” e “Anni felici”. Nel 2005 esordisce alla regia con il film “Anche libero va bene”, di cui è anche sceneggiatore e interprete. Nel corso della sua carriera ha vinto un David di Donatello, tre Nastri d’argento, due Globi d’oro, tre Ciak d’oro e tre Premi Flaiano. Nel 2019 esce il suo libro Le guarigioni per La Nave di Teseo. Approfondisci
  • Valeria Solarino Cover

    "Attrice italiana. Esordisce nel 2003 con La felicità non costa niente di M. Calopresti. Bellezza mediterranea e nel contempo discreta, dà vita a personaggi non convenzionali in cui il fascino della ragazza comune si unisce a uno spirito dinamico, determinatamente ambizioso e spesso travolgente. Diretta da G. Veronesi in Che ne sarà di noi (2004), incentrato sulle vicissitudini sentimentali di un gruppo di ragazzi durante la vacanza post-diploma, conferma il suo talento in Fame chimica (2004), film sulla realtà della periferia milanese firmato dai registi emergenti A. Bocola e P. Vari. Nel 2005 è protagonista al fianco di F. Volo in La febbre di A. D'Alatri, dove interpreta il ruolo di una giovane studentessa che per mantenersi fa la cubista. Continua a essere ingaggiata come protagonista:... Approfondisci
  • Filippo Timi Cover

    Premio Ubu 2004 come miglior attore di teatro under 30, è stato sulla scena Orfeo, Danton, Perceval, Satana, e ha interpretato il monologo La vita bestia, tratto dal suo primo romanzo Tuttalpiù muoio (2006 Fandango), scritto a quattro mani con Edoardo Albinati. Nel 2007 ha pubblicato E lasciamole cadere queste stelle, sempre con Fandango Libri. Al cinema ha interpretato tra il 2007 e il 2008 i film In memoria di me di Saverio Costanzo; Saturno contro di Ferzan Ozpetek; Signorinaeffe di Wilma Labate; I demoni di San Pietroburgo di Giuliano Montaldo. Dopo il film di Gabriele Salvatores Come Dio comanda (2008), è protagonista del film di Marco Bellocchio, Vincere, e del film d'esordio di Giuseppe Capotondi, La doppia ora.Per Garzanti ha pubblicato nel 2008 Peggio che diventare... Approfondisci
Note legali