Offerta imperdibile
Salvato in 163 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Veronica e il diavolo. Storia di un esorcismo a Roma
19,95 € 21,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+200 punti Effe
-5% 21,00 € 19,95 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
19,95 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
21,00 € + 2,50 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
La Leoniana
21,00 € + 4,24 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
19,95 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
21,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
21,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
21,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Nani
21,00 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Internazionale Romagnosi snc
21,00 € + 8,00 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
12,00 € + 3,80 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
19,95 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
21,00 € + 2,50 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
La Leoniana
21,00 € + 4,24 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
19,95 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
21,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
21,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
21,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Nani
21,00 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Internazionale Romagnosi snc
21,00 € + 8,00 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
12,00 € + 3,80 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Chiudi
Veronica e il diavolo. Storia di un esorcismo a Roma - Fernanda Alfieri - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Veronica e il diavolo. Storia di un esorcismo a Roma Fernanda Alfieri
€ 21,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione


Inverno 1834. Due gesuiti bussano a una porta fra Campo dei Fiori e il ghetto. Sono stati chiamati per compiere un esorcismo su una giovane donna, Veronica Hamerani. Il buio, ancora una volta, scende su Roma: il diavolo è in città. Fernanda Alfieri ha ritrovato il diario degli esorcisti: da questo straordinario documento ricostruisce una vicenda affascinante e perturbante. Veronica e il diavolo è un grande libro di storia culturale che si legge con la tensione di una storia gotica.

È il 23 dicembre 1834 quando due gesuiti bussano a una porta di via di Sant'Anna. Sono stati chiamati al capezzale di una giovane donna «ritenuta ossessa», Veronica Hamerani, per liberarla dagli assalti del demonio. Inizia cosí questa vicenda inquietante, di cui la storica Fernanda Alfieri compie un'accuratissima ricostruzione partendo dal ritrovamento di un manoscritto nell'Archivio generale della Compagnia di Gesú. È il diario che gli esorcisti hanno tenuto durante i mesi in cui si è protratto il rito: non solo è un racconto disturbante, in cui "il diavolo", tra violenti improperi e battute in romanesco, prende direttamente la parola, ma è anche la testimonianza straordinariamente viva delle tensioni di un'epoca. Da una parte lo sguardo della Chiesa, la convinzione che il Maligno abbia preso possesso del corpo della ragazza e la volontà di riportarlo, quel corpo, sotto il proprio controllo; dall'altra quello della medicina che vede le convulsioni di Veronica come una malattia curabile, l'isteria. Dall'anziano padre Kohlmann, che aveva attraversato i continenti, fuggendo dalla Francia in Rivoluzione e approdando, attraverso l'Impero russo, negli Stati Uniti, e ogni volta vedendo il mondo, il suo mondo di antico regime, distrutto da un tempo presente ingovernabile; al giovane malinconico padre Manera, il piú colto e dubbioso (e se la ragazza stesse solo fingendo?) E poi i medici, la famiglia, il Vaticano, la Roma papalina, tesa tra la superstizione e la modernità, fra la chiusura e il cosmopolitismo. Tutti sguardi e volontà di controllo che si stringono intorno al corpo di Veronica. Lo scrutano, lo misurano, lo interpretano. Lo zittiscono. A questo corpo conteso, a questo nome cancellato, a questa parola sottratta, Fernanda Alfieri restituisce la dignità di una storia. Veronica e il diavolo è uno spaccato affascinante e perturbante della nostra storia, del nostro rapporto con la scienza e col soprannaturale, dell'intreccio violento fra saperi e poteri.

Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2021
23 marzo 2021
376 p., Rilegato
9788806211066

Valutazioni e recensioni

3,33/5
Recensioni: 3/5
(3)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(1)
2
(1)
1
(0)
MARIALUISA.BIANCHI
Recensioni: 3/5

Romanzo storico, saggio romanzato, racconto storico? Quale definizione potremmo assegnare al testo di Fernanda Alfieri? Scritto con la meticolosità di una storica abituata a frequentare gli archivi, ma anche con una lingua immaginifica, che sa spaziare, soprattutto nella descrizione degli ambienti, l’autrice ha creato un genere particolare. E qui si passa dalla rappresentazione della Roma papalina ottocentesca, a Madrid, alla Germania, alle Americhe sulle tracce dei tre padri gesuiti che portano avanti l’ Esorcisazione di Veronica. Infatti la vicenda inizia il 23 dicembre 1834 quando il gesuita padre Kohlmann si reca accompagnato da un confratello in via Sant’Anna 52, dietro la chiesa di san Carlo ai Catinari, nell’appartamento della famiglia Hamerani (una dinastia di coniatori di monete e medagliette votive) un tempo ricca e operosa, arrivata a Roma nel ‘600, ma ormai decaduta. Lì i padri trovano distesa sul letto Veronica, la figlia più giovane considerata invasata, posseduta da demonio, per praticare un esorcismo. Il diario degli esorcisti, ritrovato casualmente dalla storica in un faldone di miscellanea, è il particolarissimo documento da cui parte la vicenda inquietante, durante i mesi in cui si protrae il rito, il racconto in cui “il diavolo”, tra violenti ingiurie e battute in romanesco, risate convulse prende direttamente la parola. I protagonisti, cioè coloro che tengono il centro narrativo del libro sono a mio parerei Padri Gesuiti e le loro vicende tra soppressioni settecentesche-napoleoniche e la Restaurazione, insieme disputa sul controllo del "corpo" di Veronica.Un libro che ricorda il recente L’Architettrice di Melania Mazzucco, per l’ambientazione romana e la precisione dei dettagli. Da rilevare infatti la ricchissima biografia, notevole accuratezza storica e abbondanza di particolari, note e documenti, però in tutto questo dispendio di energie il lettore, che non è lo storico, rischia di perdere il filo.scrittura di qualità ma senza magia.

Leggi di più Leggi di meno
Alessandro 56
Recensioni: 5/5

Non oggetti ma contesti, ammoniva un grande storico, riguardo al compito che attende colui che affronta la storia dal particolare punto di vista della microstoria. Che peccato che la bellissima collana Einaudiana non esista più: quale testo, se non questo, avrebbe potuto degnamente comparire tra quei libri che alle "Microstorie" si rivolgevano. Microstorie che, come quelle indagate con 'acribia filologica' (lo dimostrano le quasi 100 pagine di apparati finali) e talento narrativo in questo volume, partono da singolari oggetti per far esplodere vasti contesti. Contesti disparati e solo apparentemente disgiunti. Attorno alla vicenda, recuperata in archivio, dell' esorcisazione della giovane Veronica, si dispongono figure di straordinario valore esemplare. In una Roma ottocentesca (fra il 1834 e il 1835, quella di cui in anni vicini ci parla Leopardi in alcune lettere) descritta anche nelle sue minute variazioni atmosferiche, si incontrano padri Gesuiti dalle storie personali che intrecciano i grandi eventi dell'epoca in atto e di quella immediatamente trascorsa (Rivoluzione e età napoleonica); quella dei componenti della famiglia della giovane, artisti e incisori papali da generazioni, gli Hamerani; medici romani e forestieri influenzati dalle moderne teorie psichiatriche in odore di eresia; esorcisti, devote nobildonne, streghe di campagna e, naturalmente, lui: il malefico ospite del verginale corpo della giovane Hamerani. Ci muoviamo, inoltre, tra una straordinaria serie di luoghi: Roma, Genzano, Torino, Bologna, Coblenza, Madrid, ognuno dei quali, come la sperduta località pirenaica di Graus, servono per innescare ricostruzioni a vasto raggio storico, in molte delle quali sono protagonisti quelli, che a mio parere, sono il centro narrativo del libro,i Padri Gesuiti e le loro vicende tra soppressioni settecentesche-napoleoniche e la Restaurazione, insieme alla ricostruzione della vera "posta in gioco" che si disputa sul controllo del "corpo" di donna di Veronica.

Leggi di più Leggi di meno
Nic
Recensioni: 2/5

Onestamente, con la massima cortesia, devo dire che questo libro è scritto male. Mi capita raramente di archiviare una lettura senza finirla: questo è il caso. Bisognerebbe rimanere più semplici nella scrittura, permettere al lettore di seguire il filo, essere razionali: qui si passa dal menzionare Napoleone a dire che gli olmi del borgo di Genzano furono piantati dalla duchessa Livia (?) nel giro di due pagine... Ogni capitolo si perde in elucubrazioni sconnesse da ciò che si dice precedentemente, fa nomi che apparentemente c'entrano poco o nulla ecc. Insomma, è il classico libro non "amichevole" nei confronti del lettore: scrittura difficile non è sinonimo di scrittura di qualità.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,33/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(1)
2
(1)
1
(0)

Voce della critica

Direttamente dalla collana delle «Frontiere» Einaudi, un nuovo oggetto narrativo di grande fascino e difficile categorizzazione, un'opera in grado di unire la complessità del lavoro storiografico all'affresco della Roma papalina dell'Ottocento. In ballo c'è un esorcismo all'apparenza come tanti altri dell'epoca, compiuto sul corpo indifeso di una giovane donna. In realtà, intorno a Veronica Hamerani e alla sua strana vicenda si gioca una battaglia d'importanza fondamentale per la futura credibilità della Chiesa.

Fernanda Alfieri di quell'esorcismo ha ritrovato e studiato le carte, e questo libro è l'esito della sua ricerca. Ecco qui un estratto della recensione di Giovanna Fiume.

«Dal 23 dicembre 1834 per sei mesi la diciannovenne romana Veronica Hamerani viene esorcizzata dal gesuita François-Antoine Kohlmann; le fasi dell’“esorcisazione” sono annotate in un Diario, il cui fortunato ritrovamento offre a Fernanda Alfieri la fonte archivistica da cui prendere le mosse. Attorno al letto della giovane posseduta, oltre all’esorcista, si avvicenda una piccola folla di coresidenti (il padre, la madre, lo zio), di visitatori assidui (il parroco, i gesuiti tra cui Francesco Manera e Tommaso Massa, il medico Andrea Belli) e di curiosi occasionali (un medico inglese, un sacerdote irlandese, un canonico di Vienna, un monsignore anglo-spagnolo, un botanico). Tutti ne traggono opinioni discordanti: per l’esorcista si tratta senza dubbio di possessione diabolica, per uno dei gesuiti di finzione, per i medici di isteria, per altri dell’effetto di una fattura operata da una certa “Francesca marchigiana” a lei e alle sue due sorelle che ne sarebbero infatti in tempi diversi morte; infine, alcuni anonimi avanzano l’ipotesi che la giovane voglia in tal modo coprire una tresca sentimentale».

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore