DISPONIBILITA' IMMEDIATA

La versione di Vasco

Vasco Rossi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Chiarelettere
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 264,4 KB
Pagine della versione a stampa: 192 p.
  • EAN: 9788861902794
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 0,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

“Ognuno ricorda le cose alla sua maniera, ognuno un po’ se la racconta. Le biografie sono tutte false. Io sono stato franco. Con questo libro di dichiarazioni forse si capirà di più la mia versione. La versione di Vasco.” V.R.
4
di 5
Totale 5
5
3
4
0
3
1
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Carla

    20/06/2019 14:56:28

    Regalato a mio marito, grande fan di Vasco, che lo ha molto apprezzato. Consigliato

  • User Icon

    Guido

    21/09/2016 13:56:17

    Libro bello e scorrevole! Oggettivamente parlando, lo trovo un libro molto preciso e schietto senza troppi giri di parole, linguaggio che si ritrova puntualmente nelle canzoni di Vasco. Mi è molto piaciuta la parte finale in cui Vasco fa capire al lettore (o eventualmente suo fan) che le due parti, Vasco e pubblico, non sono in debito l'uno dell'altro. Se le canzoni di Vasco e il suo prendere la vita in un certo modo ti piace bene, altrimenti ognuno per la sua strada senza alcun attrito. Grande Kom!!

  • User Icon

    luca0311

    24/06/2013 19:10:02

    ..Bello ?? Ma, sinceramente non lo so ancora !! Forse no !! Appartengo a quella generazione che ai tempi di Fronte del Palco aveva 18 anni e quindi a quelli che per primi hanno riempito i suoi stadi, quelli che lo hanno per primi capito e difeso, anche dai nostri genitori, per quello che era e quello che scriveva, ma forse ora appartengo a quelli che dopo le sue molte esternazioni e le molte apparizioni su facebook....lo preferivano quando non parlava, non criticava e non mandava a quel paese tutto e tutti, ma quello che scriveva erano soltanto le sue canzoni..facevano tutto le sue canzoni per lui !! Secondo me caro Vasco hai scritto un libro direi...semplice e scontato, quasi inutile...Vorrei che tornasse solo a scrivere le sue canzoni-poesie, vorrei che queste nuove generazioni capissero la sua Versione dai suoi testi e dalla sua musica non dalle sue, a volte assurde, esternazioni, o dai suoi improvvisati libri.....semlicemente come abbiamo fatto noi negli anni '80, '90, 2000 !!

  • User Icon

    Isa-27 anni

    05/12/2012 17:55:23

    Bello bello.. e poi Vasco è sempre Vasco.. Se già amate le sue canzoni, non potete non amare anche i suoi libri...

  • User Icon

    Dj

    22/04/2012 18:25:15

    Vasco è sempre Vasco, nel bene e nel male! Qui c'è davvero un ritratto molto completo con molte delle sfaccettature del Kom. Ma ho idea che rimanga davvero ancora molto da scoprire.....

Vedi tutte le 5 recensioni cliente

Senza musica, mi sentirei minuscolo, schiacciato, spaventato. La musica mi rende un gigante, riesco a trascinare tutti, m'improvviso timoniere di un'immensa, affollatissima scialuppa. È un momento incredibile e io sono felice di farne parte, perché quando tocchi il cuore della gente sei ripagato con un affetto immenso. Così grande che a un certo punto mi viene da dire: Ragazzi, separiamo le cose, la canzone è la canzone, straordinaria, fantastica, perfetta. Ma la persona che l'ha fatta no.

Per mesi il popolo del Blasco è stato in trepidante attesa de La versione di Vasco, edito da Chiarelettere, il libro che raccoglie il “Rossi pensiero”, tutto quello che l'artista ha detto e scritto, un sorta di Vasco talk. Non è una biografia, Vasco stesso precisa che le biografie sono tutte false, ma un libro di dichiarazioni. Un abile montaggio di queste dichiarazioni ha fatto sì che, leggendo, vi sembrerà di ascoltare un racconto unico direttamente dalla voce del protagonista. Un'operazione simile era stata fatta in precedenza, e con ottimi risultati, anche per la pubblicazione L'illogica utopia, "autobiografia" di Giorgio Gaber, sempre edita da Chiarelettere.
Vasco non è certo un artista che si risparmia dal punto di vista mediatico. Ha sempre detto la sua, negli ultimi anni utilizzando forme di comunicazione alternative: si definisce infatti non più una rockstar ma un “social rocker”. Per cui La versione di Vasco per i suoi fan non sarà il luogo delle scottanti rivelazioni. Ma tutte insieme, le sue dichiarazioni, unite da tematici fili narrativi, consegnano una visione più completa del musicista. Per coloro che invece al di là delle canzoni, conoscono poco l'altro Vasco, quello che posta su facebook considerazioni sulla società, e conoscono poco anche la sua carriera, per loro la monografia può rappresentare una buona forma di iniziazione. La versione di Vasco, con un'architettura a zibaldone, si può leggere anche disordinatamente. Sarà la curiosità a fare il resto. Passando al setaccio il libro, ogni volta si faranno nuove scoperte.

Per esempio, leggendo La versione di Vasco, si scopre tra le altre cose che:

Vasco ha letto i romanzi dell’Ottocento e anche tutta la Recherche di Proust.
A Vasco piace molto la filosofia, ha letto Aut-Aut di Kierkegaard, l’etica di Spinoza, e Nietzsche.
Vasco ha letto Uno, nessuno, centomila di Pirandello, L'idiota di Dostoevskij, Kipling, Houellebecq.
Quando ha scritto Albachiara leggeva solo i fumetti di Topolino e Alan Ford.
Ha iniziato a correre nel 1987.
Il suo primo concerto è stato a Bologna, in Piazza Maggiore, nel 1979.
I suoi maestri di provocazione sono stati Fred Buscaglione, Enzo Jannacci e Fabrizio De André.
Vasco ha due o tre moto in garage.
Ha sempre preferito i Rolling Stones ai Beatles.
Cantava le canzoni di Lucio Battisti.
A diciotto anni ha fatto domanda per entrare nei paracadutisti.
Si è iscritto alla Facolta di Economia e Commercio, poi a quella di Pedagogia.
Per saltare il servizio militare si è dichiarato farmacodipendente.
Da ragazzo, una volta, è stato in vacanza a Tropea, in Calabria.
Nella comune teatrale di Bologna ha scoperto Bakunin e gli anarchici.
Non può togliere la canzone Albachiara dalla scaletta dei suoi concerti.
A Imola nel '98 Vasco Rossi ha cantato davanti a 130.000 persone.
Vasco ha saltato le prove del Festival di Sanremo, nell'anno della sua prima partecipazione con la canzone Vado al massimo.
Dopo l'esibizione sul palco dell'Ariston, si è messo il microfono in tasca. Il microfono è caduto per terra.
Vasco è del segno dell'Acquario.

A cura di Wuz.it

  • Vasco Rossi Cover

    Vasco Rossi nasce a Zocca (Modena) nel febbraio del 1952. Vince a soli 9 anni un concorso canoro. A 14 anni forma il suo primo gruppo. Inizia a comporre canzoni, due delle quali, Jenny è pazza e Silvia, compaiono nel suo primo 45 giri. Nel 1978 arriva il primo album, dal titolo Ma cosa vuoi che sia una canzone. Il secondo album, Non siamo mica gli americani, del 1979, contiene, tra le altre, quella che è considerata ancora oggi una delle più belle canzoni di tutti i tempi, Albachiara. Il primo successo arriva con Siamo solo noi del 1981. Nel 1982 partecipa al Festival di Sanremo con il brano Vado al massimo, che si piazza all’ultimo posto della classifica ma diventa un successo. Nel 1983 Vasco torna sul palco dell’Ariston e canta Vita spericolata che lo consacra... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali