Versus

(Limited Edition)

Artisti: Carl Craig
Supporto: Vinile LP
Numero dischi: 3
Etichetta: Infine
Data di pubblicazione: 5 maggio 2017
  • EAN: 3700398716480
pagabile con 18App

Articolo acquistabile con 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 33,50

Venduto e spedito da IBS

34 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
Descrizione
Edizione limitata in triplo Vinile.
Esce per InFiné, che compie il suo decimo compleanno, il nuovo album del producer Carl Craig, a due anni dall'ultimo lavoro, Unity, realizzato con i Green Velvet. Versus è un progetto di ibridazione tra generi che nasce dalla rielaborazione di tracce già pubblicate dal musicista statunitense, da parte dell'orchestra sinfonica Les Siècles, guidata dal maestro Francois-Xavier Roth. Al lavoro ha collaborato, realizzando anche due tracce, il producer e pianista Francesco Tristano. I due avevano già firmato insieme nel 2010 l'album Idiosynkrasia. "E' stato un autentico incontro musicale tra le menti", ha dichiarato il maestro Xavier Roth. "Abbiamo impostato le nostre visioni oltre il semplice rivestire gli arrangiamenti orchestrali con ornamenti elettronici. Abbiamo provato a creare un dialogo tra i generi".
Disco 1
  • 1 Darkness
  • 2 Sandstorms
  • 3 At Les
  • 4 Desire
Disco 2
  • 1 Barcelona Trist
  • 2 Domina
  • 3 The Melody
  • 4 Technology
Disco 3
  • 1 At Les (acoustic version)
  • 2 Desire (acoustic version)
  • 3 The Melody (acoustic version)
  • 4 Sandstorms (acoustic version)
Mostra tutti i brani

Nessuno avrebbe mai pensato che la musica classica sarebbe entrata nei club e viceversa. Versus ne è uno dei connubi più riusciti.

La seconda generazione di Detroit si scontra con l’anticonformismo del direttore d’orchestra François-Xavier Roth. Il risultato è un ibrido di riletture sinfoniche di alcuni grandi classici incisi per Planet E.

Al fianco delle più technoidi Sandstorms, dei fiati e delle scosse di At Les e del giro jazz da lucciconi di The Melody, troviamo una Darkness ridotta a marcia crepuscolare, la funkitudine della Motor City di Desire e l’ultimo atto di Technology dove urgenza e tensione, classicità e lirismo si intersecano nel segno di una “techno intelligente”, che è proprio di un altro pianeta.

Recensione di Elisa Miglionico