Editore: Barbera
Collana: Centocinquanta
Anno edizione: 2012
In commercio dal: 9 maggio 2012
Pagine: 89 p., Brossura
  • EAN: 9788878995338
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 4,38

€ 12,50

Risparmi € 8,12 (65%)

Venduto e spedito da IBS

4 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:

€ 12,50

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 5,63 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    07/06/2016 10:54:28

    Di Isabella Bossi Fedrigotti mi sono sempre piaciuti lo stile della scrittura, lineare, scorrevole, mai greve, e l'oggetto delle sue opere, che affonda sempre nella memoria della sua famiglia.. Negli ultimi anni, però, o per una precisa scelta, o perché l'autore non riesce a trovare in epoche passate materiale da costituire una valida trama per un romanzo, Isabella Bossi Fedrigotti ha provato a scrivere d'altre cose, più attuali e meno frutto di esperienze dirette. Ed è questo il caso di I vestiti delle donne, quattro racconti con un titolo che è un po' fuorviante, visto che di abiti si parla solo nel primo (organza arancione). Devo purtroppo dire che i primi tre, benché ben scritti e anche piacevoli da leggere, mi hanno un po' deluso, perché ho riscontrato una certa banalità che non è propria dell'autore. Donne sull'orlo di una crisi di nervi, donne sole che non sanno come trascorrere il Natale e anche un uomo, di una certa età, scapolo - ma che si atteggia a macho - che spia la vicina forse disponibile, ma che potrebbe rivelarsi una fin troppo facile conquista sono i personaggi che animano i primi tre racconti, di cui, se non è possibile definirsi soddisfatti, però nemmeno stizziti, insomma si lasciano leggere, senza che rimanga dentro qualcosa. La raccolta è salvata come qualità dall'ultimo (Giù in strada) che, guarda caso, pesca ad ampie mani nella memoria, con i ricordi di una Isabella bambina, a cui non è permesso uscire di casa, e che pertanto è costretta ad ascoltare i rumori della strada, a guardare dalla finestra, e così scopriamo un mondo che non è poi così vecchio, ma che oggi appare antico: le donne che a maggio vanno al rosario, i carri, con i frutti della vendemmia, che trainati dai buoi s'avviano alla cantina, un quadro quasi bucolico che stride con l'epoca attuale, dove lungo la via corrono le auto così veloci che spesso non si riesce a coglierne neppure il colore.

Scrivi una recensione