Offerta imperdibile
Salvato in 39 liste dei desideri
disponibile in 10 gg disponibile in 10 gg
Info
Il viaggiatore
9,50 € 19,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+100 punti Effe
-50% 19,00 € 9,50 €
disp. in 10 gg disp. in 10 gg
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
9,50 €
disponibile in 10 gg disponibile in 10 gg
Info
Nuovo
Libreria Max 88
19,00 € + 4,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libro di Faccia
9,80 € + 5,30 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Come Nuovo
Piazza del Libro
14,90 € + 3,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Come Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
9,50 €
disponibile in 10 gg disponibile in 10 gg
Info
Nuovo
Libreria Max 88
19,00 € + 4,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libro di Faccia
9,80 € + 5,30 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Come Nuovo
Piazza del Libro
14,90 € + 3,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Come Nuovo
Chiudi
Il viaggiatore - Ulrich Alexander Boschwitz - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

€ 19,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione


Prima di ogni letteratura sull'Olocausto, la prima testimonianza letteraria sull'inizio della catastrofe europea del Novecento. Pubblicato per la prima volta in Inghilterra nel 1939, Il viaggiatore cade nell'oblio per ottanta anni, per poi diventare, nel 2018, un caso letterario internazionale.

«Questo romanzo è per molti aspetti un miracolo»Süddeutsche Zeitung

«Il viaggiatore è un romanzo che arriva dal passato, scritto in poche settimane con un'urgenza clamorosa e rimasto chiuso per 80 anni negli archivi della Biblioteca Nazionale di Francoforte. Sembra scritto oggi, e certamente ci parla anche di oggi» - Paolo Giordano, La Lettura

Otto Silbermann sta negoziando con un conoscente la vendita del suo elegante appartamento di Berlino quando alla porta di casa risuona un colpo secco seguito da un ordine: «Apri, ebreo» intima una voce. È il 10 novembre 1938, il giorno dopo la Notte dei Cristalli: i pogrom organizzati dal regime nazionalsocialista sono iniziati e Silbermann, ricco e stimato commerciante ebreo tedesco, sguscia fuori dalla porta di servizio, incontrando il suo destino di fuggiasco. «Berlino – Amburgo, pensò. Amburgo – Berlino. Berlino – Dortmund. Dortmund – Aquisgrana. Aquisgrana – Dortmund. E forse sarà sempre così. Adesso sono un viaggiatore. In realtà sono già emigrato, sono emigrato nelle ferrovie del Reich.» Succede proprio questo, Silbermann trascorre una settimana intera sui treni, sa di essere in trappola, ma non gli è possibile fermarsi o smettere di cercare un riparo. Esule in patria, uomo sopraffatto, emblema di tutte le anime rifiutate costrette a soccombere al meccanismo della paura, ora è nient'altro che un «insulto con due gambe». "Il viaggiatore" è il quadro, realizzato con drammatica lucidità, delle conseguenze della Kristallnacht, il romanzo di un giovanissimo scrittore – Ulrich Boschwitz aveva poco più di vent'anni – che ebbe il dono tragico della preveggenza e descrisse in presa diretta il crollo di ogni legge di umana convivenza. Prima di ogni letteratura sull'Olocausto e prima ancora di ogni Diario, questa è la prima testimonianza letteraria sull'inizio della catastrofe europea del Novecento.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2019
29 gennaio 2019
290 p., Rilegato
9788817108812

Valutazioni e recensioni

4,5/5
Recensioni: 5/5
(2)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Luce
Recensioni: 4/5

Otto Silbermann è un ricco uomo d'affari ebreo. Nella Germania hitleriana del 1938 le sue giornate sono, tutto sommato, ancora vivibili (cit. “ Vivo come se non fossi ebreo…..Gli altri mi parlano e mi trattano come se fossi uno di loro al cento per cento ”). Poi, d'improvviso, l'accelerazione verso l'abisso. Questo romanzo, molto bello, fotografa il momento in cui la follia della persecuzione razziale, che già da tempo aveva tessuto la sua vile tela, stringe definitivamente la morsa e diventa incubo. Tanti i passaggi densi di significato. Ne riporto uno: “ ( Robert Lilienfeld ) << … Ma almeno eri un soldato. Un soldato tra i soldati. Ora sei lo sporco ebreo e gli altri sono gli ariani! Loro vivono in pace mentre noi subiamo ogni sorta di vessazioni, e siamo soli e abbandonati. E' questa la cosa peggiore! Gli altri falegnami fanno la vita di sempre pensando ai loro affari. E io devo andarmene! Ecco cos'è! Anche la guerra era una brutta storia, ma non solo per noi, non solo per me! C'era una comunità. Eravamo tutti nella stessa barca.>> (Otto Silbermann) <<Dovrebbe essere contento di non appartenere alla comunità nuova! Non riesco ad immaginarne una peggiore, più ottusa e feroce. Una buona minoranza è sempre meglio di una maggioranza cattiva.>>”

Leggi di più Leggi di meno
luciano
Recensioni: 5/5

A Parigi, nel novembre 1938, presso l'ambasciata tedesca, viene ferito gravemente, da un ebreo polacco, un esponente di spicco del governo tedesco. A Berlino, e in tutta la Germania, scatta la caccia all'ebreo. Otto Silberman, il protagonista del romanzo, riesce a sfuggire alla furia della belva nazista. Otto è un ricco commerciante ebreo, ben integrato nella società tedesca, ha combattuto al fronte nella Prima Guerra Mondiale, è stato insignito con la croce di ferro. A Berlino si dice che agli ebrei si dovrebbe imporre di portare una fascia gialla intorno al braccio per non confonderli con gli ariani. Otto fugge, salta sul primo treno ed inizia a viaggiare, sempre in treno, da una città all'altra della Germania. Sillerman si ritiene fortunato per non avere "nessuna delle caratteristiche somatiche che, secondo la dottrina degli studiosi della razza, contraddistinguerebbero un ebreo". Riesce ad attraversare il confine con il Belgio, ma i gendarmi lo catturano e lo riportano in Belgio. Sono sordi al suo grido di dolore (l'Europa nel 1938 non fece nulla per fermare l'ondata antisemitica nazista). Allo stremo delle forze, dopo una settimana, Otto si fa arrestare, rinchiuso in carcere, privato di ogni speranza, inizia a delirare. "Non voglio restare qui. Voglio andarmene...! Alle sette parte un treno per Aquisgrana...alle otto e dieci uno per Norimberga...alle nove e venti uno per Amburgo...alle dieci uno per Dresda...Ci sono tantissimi treni...treni a non finire...Voglio andare via!" Oggi nell'anno 2019 ad essere braccati, in Europa, sono i migranti clandestini; non c'è più bisogno della fascia gialla. Si riconoscono dal colore della pelle.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore