Viaggio in Europa. Epistolario 1925-1930 - Giuseppe Tomasi di Lampedusa - copertina
Salvato in 16 liste dei desideri
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
Viaggio in Europa. Epistolario 1925-1930
19,00 € 20,00 €
LIBRO
Dettagli Mostra info
Viaggio in Europa. Epistolario 1925-1930 190 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
19,00 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
19,00 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Viaggio in Europa. Epistolario 1925-1930 - Giuseppe Tomasi di Lampedusa - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Viaggio in Europa. Epistolario 1925-1930 Giuseppe Tomasi di Lampedusa
€ 20,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Tra il 1925 e il 1930, Giuseppe Tomasi di Lampedusa viaggiò molto. Soggiornò nelle capitali europee. Scoprì la "mite bellezza" di Parigi e la "bonomia" riposante della "diletta" Londra. Ma anche il "fascino perverso" ed enigmatico di una Berlino livida e "crudelmente" metropoli. Fece sosta nelle città degli studi. Visitò cattedrali, castelli, parchi. Percorse paesaggi già abitati dalla letteratura. Indugiò nei musei. Frequentò salotti, esposizioni, e sale cinematografiche; luoghi di severa etichetta e locali di ricreazione: di tutto curioso, persino dei più tenui accadimenti, allegri o affranti. I suoi itinerari attraversarono l'Austria, la Svizzera, il Tirolo. Toccarono il Baltico. Lampedusa era trentenne. E viaggiava immerso nella letteratura europea, con una portatile biblioteca di studiate citazioni. Il suo stesso viaggio si consumava in letteratura. Scriveva in Sicilia ai cugini Piccolo, a Lucio poeta e a Casimiro pittore. E le lettere, tra bozzettismo e divertimento burlesco, tendevano a darsi una linea di continuità; e a progettarsi come la macchinazione romanzesca di un "Mostro" immane, di invadente stazza e di scandalosa curiosità: "mostruosamente" goloso e insidioso, nonostante le sue innocue galanterie di morigerato signore. Lampedusa ci teneva a dare di sé un'immagine spettacolare.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2006
28 novembre 2006
182 p., Rilegato
9788804564775

Valutazioni e recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
(1)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Giovanni
Recensioni: 4/5

Ho visto "Viaggi in Europa" e pensato: "Ma si! Potrebbe essere divertente leggere dei viaggi fatti da un personaggio come Giuseppe Tomasi da Lampedusa". Avevo già letto il Gattopardo, conoscevo lo scrittore, ed ero rimasto molto impressionato dalle sue capacità. Ora, avendo letto l'epistolario, sono ancora più colpito, tanto per la sua abilità di scrittore quanto per le risate che mi sono fatto leggendo il libro. Da questo scritto se ne ricava una bellissima visione della persona: scherzosa, gioviale e particolare. Le sue colazioni infinite, gli sberleffi ai cugini, gli stati d’animo del Mostro(nomignolo con cui si cita)… E’ consigliabile a tutti: sia a chi non ha nulla da leggere (è una lettura breve), sia a chi è rimasto piacevolmente impressionato dallo scrittore.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Voce della critica

Lettore onnivoro, profondo conoscitore delle letterature europee, frequentatore di musei e collezioni d'arte, appassionato consumatore di film, il giovane Lampedusa degli anni venti è una figura di geniale dilettante: lontanissimo da ogni forma di provincialismo all'italiana e perfettamente a suo agio nel gran mondo aristocratico del primo dopoguerra. Queste sue lettere degli anni venti, scritte ai cugini Casimiro e Lucio Piccolo dalle capitali europee (Parigi e Londra, ma anche Zurigo e Berlino), ne sono preziosa testimonianza. Ma la curiosità del dilettante, come l'epicureismo del bon vivant (affascinato da pantagrueliche colazioni e dall'arte culinaria in genere), sono continuamente filtrati e raffreddati grazie a un meraviglioso umorismo, formato sulla migliore tradizione inglese: scanzonato distacco che permette all'epistolografo di ironizzare su se stesso nei panni del "Mostro" (soprannome e terza persona adottati sistematicamente nel complice scambio con i cugini), ma soprattutto sulle cose viste e sulla varia umanità incontrata nei suoi viaggi. Poiché l'entusiasmo della giovinezza, in questo Lampedusa, è sì responsabile di appassionate descrizioni paesaggistiche e incantati slanci estetici (privilegiando "il pellegrinaggio attraverso la old England"), ma sfuma anche a ogni passo nella feroce malinconia del moralista e nell'amarezza di un disilluso ritrattista. Il colto viaggiatore siciliano, infatti, partecipa in superficie ai pregiudizi della sua classe (l'ammirazione per il fascismo, l'insofferenza antisemita), ma è soprattutto uno scettico, un occhio che scorre sul mondo fermandosi sui dettagli con la precisione del grande narratore. E molte di queste lettere, per lo stile denso e brillante che le trasforma in autentiche conversation pieces, sono già degne del futuro autore del Gattopardo.
  Rinaldo Rinaldi

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Giuseppe Tomasi di Lampedusa

1896, Palermo

Giuseppe Tomasi di Lampedusa, duca di Palma e principe di Lampedusa si formò su scritti illuministici e raccolte di relazioni militari. Il suo casato ha origini bizantine ed è uno dei più antichi del Regno delle Due Sicilie. Da bambino studiò nella sua casa a Palermo sotto l'insegnamento di una maestra, della madre e della nonna, che gli leggeva i romanzi di Emilio Salgari. Frequentò il liceo classico a Roma e in seguito a Palermo. Sempre a Roma nel 1915 s'iscrisse alla facoltà di Giurisprudenza, senza terminare gli studi. Nello stesso anno venne chiamato alle armi, partecipò alla disfatta di Caporetto e fu fatto prigioniero dagli Austriaci, in Ungheria. Riuscito a fuggire, tornò a piedi in Italia. Divenne narratore solo nella seconda...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore