Una vita come tante - Luca Briasco,Hanya Yanagihara - ebook

Una vita come tante

Hanya Yanagihara

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Luca Briasco
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,42 MB
Pagine della versione a stampa: 1104 p.
  • EAN: 9788838935848

97° nella classifica Bestseller di IBS Ebook eBook - Narrativa straniera - Moderna e contemporanea (dopo il 1945)

Salvato in 85 liste dei desideri

€ 14,99

Punti Premium: 15

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Una storia epica e magistrale sull’amicizia e sull’amore nel XXI secolo. Caso editoriale del 2015, forse il più importante romanzo letterario dell’anno, opera di rara potenza e originalità, 'Una vita come tante' è doloroso e spiazzante, scioccante e magnetico. Vasto come un romanzo ottocentesco, brutale e modernissimo per i suoi temi, emotivo e realistico, ha trascinato lettori e critica per la sua forza narrativa, capace di creare un mondo di profonda, coinvolgente verità.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,04
di 5
Totale 147
5
86
4
22
3
13
2
10
1
16
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Martina

    30/11/2020 15:37:40

    Avevo paura che questo romanzo di cui avevo spesso sentito parlare alla fine si rivelasse una delusione. E invece no, nonostante le 1010 pagine scorre veloce e intenso, è una storia dalla quale è veramente difficile staccarsi. I personaggi sono delineati alla perfezione e non empatizzare con loro è impossibile. Perfetto se si ha voglia di immergersi in una storia tanto terribile quanto ricca d'amore

  • User Icon

    Chiara

    25/11/2020 08:28:57

    Un libro traboccante di dolore e di tenerezza; la storia della vita di un giovane uomo che, se all'inizio del romanzo rimane sempre nelle retrovie, quasi vivendo nell'ombra dei suoi amici, dopo diventa il protagonista (e presto si capisce il perché). Raramente mi è capitato di affezionarmi così morbosamente ai personaggi, di lottare, sperare e fantasticare con loro; una storia meravigliosa (per così dire) che accompagnata alla magistrale scrittura di Hanya Yanagihara ha scaturito un capolavoro.

  • User Icon

    Nox

    23/11/2020 13:56:08

    Capisco come mai questo libro piace a tanti. Il libro è scritto bene, nonostante la mole si legge "con piacere" (perchè parlare di piacere con riferimento a questo libro un pò stona) e in alcuni tratti è veramente commuovente. Per me il limite vero del libro sta nell'esagerazione della storia, delle "sfortune" che capitano al protagonista come se più te ne succedono, più ne accumuli, più dai valore a quello che vivi. Ne sarebbe bastata anche una per giustificare tutto il contorno, tutta la descrizione di quello che Jude prova e vive. Anche meno insomma.

  • User Icon

    Chiara

    20/11/2020 14:17:06

    Un libro intenso e totale, dove il filo conduttore dell'amicizia si incontra con quello dell'amore, del lavoro e della crescita. Un romanzo di formazione in grado di emozionare e far riflettere. Mi è stato difficile, una volta iniziato, staccarmene; e anche una volta finito ho fatto fatica ad iniziare un nuovo romanzo. Porterò sempre i protagonisti nel cuore!

  • User Icon

    Effe

    19/11/2020 22:46:59

    Un libro meraviglioso, per me è stato impossibile staccarmene, mi è rimasto impresso, l'ho letto praticamente alla cieca sapendo poco e nulla della trama e ne sono rimasto sconvolto sentendomi così vicino ai personaggi, è un libro forte ,forse non adatto a tutti o non adatto a vari periodi di vita personale, più e più volte sono dovuto fermarmi fra una pagina e l'altra per riprendere fiato e tutt'ora non faccio che pensarci come se mi mancasse qualcosa. Lettura consigliatissima non ve ne pentirete.

  • User Icon

    Andrea

    16/11/2020 11:38:02

    È sicuramente uno dei libri più belli letti ultimamente. Mi ha devastato, dopo un inizio un po' lento il libro arriva a coinvolgerti emotivamente talmente tanto da non renderti conto che è un libro di oltre 1000 pagine. Non sono un critico letterario, sono solo un appassionato lettore e capita veramente di rado di incontrare dei libri così. Mi sono affezionato a questi personaggi, è stato un viaggio, a volte fin troppo doloroso ma bellissimo.

  • User Icon

    ppief

    15/11/2020 09:43:08

    Bello, scorrevole, molto didascalico nelle emozioni ma c'è qualcosa che mi ha lasciata perplessa. Troppo lungo senza dubbio, lo stesso livello di intensità si poteva raggiungere con minor profluvio di dettagli, soprattutto riguardo i personaggi corali necessari a dare intensità al contesto, dei quali non sentivo il bisogno di conoscere ogni inutile sfumatura. La vera storia di amicizia ed amore è molto bella ed intensa. Non è un problema a mio parere la mancanza a tratti di realismo, concretezza o evoluzione storica dei personaggi. Non importa. La chiave questo romanzo è nel seguire il flusso di coscienza dei protagonisti, i cui profili possono apparire a tratti anche un po' forzati, ma sono belli così, necessari a comprendere quanto nell'infanzia si strutturi la nostra personalità, quanto si crei e solidifichi un nucleo indistruttibile di idea di sé che ci accompagnerà, nel bene e nel male, per tutta la vita. La nostra fortuna e la nostra sciagura si dipaneranno da questo nucleo originario, attorno al quale continueremo a girare fino alla fine dei nostri giorni. Tutto ciò che riusciremo a costruire di bello e di brutto, dovrà fare sempre i conti la nostra (anche falsa) idea originaria di sè, dalla quale non riusciremo ad affrancarci completamente. L' amore e l'amicizia vera potranno daci forza e speranza, ma in definitiva solo accompagnarci nel viaggio. La lettura di questo libro è un'esperienza che consiglio a chi voglia ritrovarsi nei labirinti della psiche; esperienza un po' faticosa ma ne vale la pena.

  • User Icon

    Corradz

    26/10/2020 23:44:49

    Libro necessariamente difficile per le esperienze trattate ma assolutamente coinvolgente e sorprendente. A tratti fa sembrare i sentimenti e le sensazioni provate dal protagonista esagerate se non irreali ma leggendolo e andando avanti nelle pagine ci si accorge che é così reale, non siamo altro che quello che abbiamo vissuto con alla base di tutto "l'assioma x" come direbbe Jude!. Sono vicino a chi purtroppo ha avuto una vita come la sua ma spero allo stesso modo che viva i suoi stessi momenti di pura felicità.

  • User Icon

    Alessandro

    07/10/2020 12:42:25

    Ho comprato questo libro alla cieca: dalla panoramica delineata in 2a e 3a di copertina mi aspettavo un romanzo di formazione su 4 giovani amici a New York post università. Questa illusione ha retto per le prime pagine, per poi rendermi conto che si sarebbero affrontati temi impegnativi come abusi, violenza, autolesionismo ecc. Non ho ritenuto un male che il libro fosse meno leggero di quello che mi aspettavo, ed è risultato anche molto scorrevole nonostante la pesantezza delle tematiche e la lunghezza non indifferente. A romanzo concluso, mi sono però ritrovato combattuto tra un'affezione inevitabilmente sviluppata verso personaggi e vicende (a tratti così tragiche da risultare pietose) e una sensazione generalizzata di surrealtà. L'impressione è quasi che l'autrice si accanisca sul protagonista facendo della sua vita una tragedia continua, sfiorando il grottesco e il tragicomico. Tutto ciò, tra dinamiche veramente poco credibili: un personaggio arrivato dal nulla e scomparso altrettanto in fretta che sembra fare quello che fa senza motivo, stravolgendo tuttavia le vicende; il protagonista che, in modo tremendamente snervante, continua a rifiutare per tutta al durata del libro di ricevere aiuto psicologico professionistico (escamotage molto conveniente, credo, per tenere in piedi la tragicità del libro, sua colonna portante). In più, co-protagonisti e altri personaggi che per 1100 pagine dimostrano estremo buonismo lasciando che il protagonista continui per la sua strada verso l'autodistruzione come se niente fosse. Allo stesso tempo non c'è evoluzione caratteriale di nessun tipo, per nessuno. In tutto ciò, su 4 protagonisti, tutti si realizzano professionalmente diventato ricchissimi e famosi nei rispettivi campi, nonostante ostacoli iniziali non indifferenti, mah. Se lo si analizza con occhio critico, credo risulti una romanzo superficiale e un po' infantile. Se non si hanno pretese, ci si affeziona e magari strappa anche qualche lacrima.

  • User Icon

    Antonio

    03/10/2020 16:52:17

    Un libro è come una casa: se non ha fondamenta più che solide, si sgretola al passaggio. Questo ne è totalmente sprovvisto: la vita di quattro ragazzi si dipana sullo sfondo di un'America irreale dove nulla è intervenuto a disturbare la narrazione - non il nome di un politico, non un fatto, un evento dei tanti che hanno contrassegnato i quarant'anni di storia statunitense coperti dal romanzo. I personaggi sono in gran parte omosessuali in un'epoca in cui l'AIDS mieteva migliaia di vittime, ma il nome della sindrome non appare una sola volta. In altre parole, uno dei primi esempi di negazionismo in letteratura. Fin dall'infanzia il protagonista vive una serie di violenze che avrebbero abbattuto un taglialegna, ma lui non solo si riprende sempre, ma trova anche il tempo di infliggersene delle altre per proprio conto. Non parliamo dei personaggi che gli ruotano attorno, uno più prevedibile dell'altro, ma tutti politicamente corretti così da non scontentare alcuna fascia di lettori. L'autrice deve aver seguito un corso di scrittura creativa, e in effetti sa come muovere i suoi pezzi sulla scacchiera garantendo le giuste dosi di orrore, raccapriccio, suspence e sentimentalismo che occorrono per confezionare un libro gradito alla maggior parte dei lettori. A mio avviso, una delle pessime scelte dell'era post-Elvira, una noia mortale e ventidue euro buttati dalla finestra.

  • User Icon

    Tommaso

    27/09/2020 21:55:23

    Un libro ingiustificatamente lungo, esagerato, pieno di ovvietá e tanta superficialitá. Una storia in cui sembra accadere tutto e niente salvo le continue disgrazie che capitano al protagonista. Non é bastato un lockdown a terminare di leggerlo.

  • User Icon

    robi

    26/09/2020 17:36:24

    Ahimè sto terminando uno dei libri più belli che abbia mai letto. Leggendolo si diviene spettatori di una vita dura, crudele, dolorosa al limite dell’immaginazione ma anche ricca di dolcezza, affetto, amore. È un libro che lascia senza fiato, dalla sensazione spiazzante di fronte alle storie della vita di Jude, alla commozione per il forte sentimento di amicizia e amore tra lui e Willem. Imperdibile.

  • User Icon

    Duccio

    23/09/2020 08:23:22

    Un romanzo che ti colpisce ed affonda, che ti entra dentro e ci rimane. Mi sono ritrovato a pensare ai vari protagonisti, settimane dopo averlo finito, come se fossero persone che avevo conosciuto e che mi mancavano. Davvero consigliato.

  • User Icon

    Alberto Zacco

    17/09/2020 07:55:38

    Potrebbe sembrare un libro come tanti, ma ''Una vita come tante'' è un romanzo che ti rimane dentro, perché ognuno di noi è turbato da qualcosa accaduto nel proprio passato e ne può portare gli strascichi mentali e fisici. All'apparenza potrebbe sembrare un mattone, ma alla fine vorresti poter andare avanti, perché in qualche modo vuoi tendere una mano al protagonista, fargli capire che esistono le seconde possibilità, ma anche le terze e le quarte. La vita risulta essere imprevedibile ma anche beffarda, perché sembra quasi che con alcuni ci prenda gusto nell'accanirsi, come se contasse sulla forza sovrumana di certi uomini, ma alla fine anche quella forza esaurisce perché se la mente non può contare sul benessere, tutto il corpo ne risente. Lo consiglio a tutti coloro che hanno una vita temprata dalle continue scalate, perché potrete leggere i vostri drammi quotidiani. Buona lettura

  • User Icon

    Federico

    25/08/2020 18:21:25

    "Ma se ti comporti come se fossi sempre fuori posto e dovessi scusarti per quello che sei, la gente comincerà a trattarti di conseguenza. Sii duro come l'acciaio. Non pretendere di piacere agli altri. Non a tutti i costi." È questa la frase che mi rimarrà impressa di questo libro, che vuole raccontarci la storia della vita di Jude e dei suoi amici. Una storia impossibile da prevedere esattamente come la vita, ma una a cui ti appassioni, tant'è che finisci per chiederti che cosa mai potrà accadere d'altro al protagonista. Jude non è una persona come tante, la sua non è una vita come tante, ma è tutto ciò che avrebbe sempre voluto essere. È vero, il libro è un tomo di mille pagine, ma ciò che c'è da raccontare è troppo per relegarla a meno, secondo me. Infatti, più che la vita di Jude in se, il libro vuole descriverci come lui arrivi ad accettare ciò che è, ciò che è stato e ciò che gli è accaduto. E poi c'è Willem. È il mio personaggio preferito, ma non riesco a parlarne senza arrivare a fare degli indubbi spoiler. Perciò vi invito semplicemente a scoprire la persona meravigliosa che è tra le pagine di questa vita come tante, sperando possa piacervi esattamente come a me.

  • User Icon

    Leggo

    17/08/2020 15:50:57

    Un libro difficile da valutare. Sicuramente coinvolgente e scorrevole, ma a volte così esagerato da compromettere il realismo della storia. Soprattutto nella seconda parte del romanzo risulta difficile immedesimarsi nel protagonista, le cui sofferenze sono portate così all'estremo da risultare incredibili e, direi, quasi grottesche. Questo libro, all'inizio struggente ma delicato nel descrivere situazioni difficili, ha suscitato in me delusione e addirittura rabbia e repulsione a causa di quelle che ritengo delle cadute di stile. Non si può dunque dire che sia un libro che lascia indifferenti, ma a volte mi è sembrato semplicemente 'troppo': troppe tragedie che a volte mi sono sembrate ingiustificate.

  • User Icon

    Attilio Alessandro Bollini

    11/08/2020 04:40:17

    Finito ieri sera di leggerlo e mai, mai nella mia vita avevo letto un libro più dolce, tenero, doloroso di questo. Una vita come tante... ma io prego di avere una vita non come tante se il 'tante' deve essere così colmo di angoscia, dolore, ansia, paura, e anche tenerezza, amore, amicizia ma talmente estremizzati da portarti alla distruzione. Un libro che non si potrà mai dimenticare e che mi accompagnerà nel pensiero per tutti i giorni della mia vita che spero sia sì come tante ma diversa da quelle di questo romanzo!

  • User Icon

    Attilio Alessandro Bollini

    08/08/2020 04:45:14

    Sono a metà ma mai, mai in vita mia avevo letto un libro così tenero ma così traboccante di dolore da avermi riempito di angoscia e paure...

  • User Icon

    Ilaria

    03/08/2020 11:23:33

    Per quanto possa essere ben scritto (perché è ben scritto) l'ho trovato un po' sciatto per un semplice motivo: la totale assenza di coerenza cronologica. Il libro va avanti per dei decenni senza che ci sia il minimo accenno al mondo esterno, non un mezzo evento storico, non un cambiamento tecnologico, le vite dei protagonisti vanno avanti per trent'anni in quello che sembra un eterno 2015 e questo fa, dal mio punto di vista, precipitare drammaticamente la qualità del libro. Il tempo non è secondario in un romanzo, e non lo si può limitare a un accenno di anni che passano.

  • User Icon

    Leonardo

    01/08/2020 23:15:52

    Scrittura scorrevole ed empatica, profondo senso della struttura. Certamente un'opera di merito, ma difficilmente diventerà un classico. Foto di copertina meravigliosa "orgasmic man" di peter hujar.

Vedi tutte le 147 recensioni cliente
  • Hanya Yanagihara Cover

    Hanya Yanagihara, scrittrice statunitense di origini hawaiane, ha pubblicato il suo primo romanzo, The People in the Trees, nel 2013. Ha scritto di viaggi per Traveler e collabora con il «New York Times Style Magazine». Una vita come tante, il suo secondo romanzo uscito nel marzo 2015, è stato un successo mondiale, vincitore del Kirkus Prize, finalista al National Book Award e al Booker Prize, tra i migliori libri dell’anno per il «New York Times», «The Guardian», «The Wall Street Journal», «Huffington Post», «The Times». In Italia è stato pubblicato da Sellerio nel 2017. Approfondisci
Note legali