Vita di san Giovanni Vincenzo. Fondatore della Sacra di S. Michele

Fedele Savio

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Il Leone Verde
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 246,55 KB
Pagine della versione a stampa: 90 p.
  • EAN: 9788896720318

€ 5,49

Punti Premium: 5

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

In occasione del millenario dalla morte del Santo fondatore del più importante monumento del Piemonte, viene riproposto lo studio del noto studioso, pubblicato per la prima volta nel 1900. Di grande interesse la parabola di vita di San Giovanni, dapprima vescovo di Ravenna, e, alla fine della vita, eremita e asceta mirabile in una grotta della Val Susa.

"... Da molto tempo prima del 998, anzi del 983, esisteva sul Pirchiriano una chiesetta in onore di S. Michele, scavata in gran parte nel sasso, a somiglianza delle chiese del Monte Gargano e di Mont Saint Michel, forse per opera dei Longobardi, assai divoti del S. Arcangelo. Negli anni dal 998 al 1002, coll'opera ed il concorso del nostro S. Giovanni, di S. Romualdo, dell'abate Guarino e di Ugo di Montboissier vi si terminò una seconda chiesa più ampia ed un monastero" "Due sono gli scopi che il Savio dichiara esplicitamente di volere raggiungere: quello di correggere quanto, agli inizi del XII secolo, aveva scritto un anonimo monaco in una biografia del Santo "piena di false invenzioni e di inesattezze"; al tempo stesso l'autore vuole allontanare il lettore da alcuni dubbi estremi, impegnandosi a documentare non solo che San Giovanni Vincenzo è esistito, ma che "fu veramente arcivescovo di Ravenna e poi penitente eremita sui monti di Celle, dove morì il 12 gennaìo dell'anno mille".

Note legali