Salvato in 43 liste dei desideri
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
Volevo essere una farfalla. Come l'anoressia mi ha insegnato a vivere
9,45 € 17,50 €
LIBRO USATO
Dettagli Mostra info
Volevo essere una farfalla. Come l'anoressia mi ha insegnato a vivere
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libraccio
9,45 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
ibs
16,62 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
16,62 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libraccio
9,45 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Chiudi
Volevo essere una farfalla. Come l'anoressia mi ha insegnato a vivere - Michela Marzano - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione

Michela Marzano è un'affermata filosofa e scrittrice, un'autorità negli ambienti della società culturale parigina. Dalla prima infanzia a Roma alla nomina a professore ordinario all'università di Parigi, passando per una laurea e un dottorato alla Normale di Pisa, la sua vita si è svolta all'insegna del "dovere". Un diktat, però, che l'ha portata negli anni a fare sempre di più, sempre meglio, cercando di controllare tutto. Una volontà ferrea, ma una costante violenza sul proprio corpo. "Lei è anoressica" le viene detto da una psichiatra quando ha poco più di vent'anni. "Quando finirà questa maledetta battaglia?" chiede lei anni dopo al suo analista. "Quando smetterà di volere a tutti i costi fare contente le persone a cui vuole bene" le risponde. E ha ragione, solo che è troppo presto. Non è ancora pronta a intraprendere quel percorso interiore che la porterà a fare la pace con se stessa. "L'anoressia non è come un raffreddore. Non passa così, da sola. Ma non è nemmeno una battaglia che si vince. L'anoressia è un sintomo. Che porta allo scoperto quello che fa male dentro. (...) Oggi ho quarant'anni e tutto va bene. Perché sto bene. Cioè... sto male, ma male come chiunque altro. Ed è anche attraverso la mia anoressia che ho imparato a vivere. Anche se le ferite non si rimarginano mai completamente. In questo libro racconto la mia storia. Pensavo che non ne avrei mai parlato, ma col passare degli anni parlarne è diventata una necessità." Michela Marzano
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2011
30 agosto 2011
208 p., Brossura
9788804606963

Valutazioni e recensioni

3,92/5
Recensioni: 4/5
(13)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(7)
4
(1)
3
(2)
2
(3)
1
(0)
veronica
Recensioni: 5/5

Libro bello che tratta un tema veramente forte e un mondo inimmaginabile

Leggi di più Leggi di meno
ambra
Recensioni: 2/5

nell'insieme non soddisfacente pur se intenso

Leggi di più Leggi di meno
Fabiana
Recensioni: 2/5

Michela Marzano ha avuto senza dubbio un'esperienza particolare e una vita molto difficile, piena di delusioni, sofferenze e incomprensioni; io non giudico lei, ma il suo libro. In questa testimonianza io non ho trovato nessun percorso definito, l'autrice non ha seguito nessun filo conduttore e lo ammette pure lei: "Quando leggo un romanzo, io salto le descrizioni perché mi annoiano, non ho bisogno di sapere ogni particolare. In questo libro salto di palo in frasca". Il libro ha una grammatica semplice: assente di virgole, piena invece di punti e paragrafi non sempre collegati tra loro. Non è lineare, non c'è né testa, né coda, solo una quantità di riflessioni scritte alla rinfusa, una dopo l'altra. Questo dovrebbe essere un libro in merito a un disturbo alimentare, ma la parola "anoressia" verrà scritta solo cinque volte. La testimonianza tratta invece del rapporto tra l'ambiziosa autrice e l'esigente padre, dolore ripetuto fino allo sfinimento. L'autrice ha un dottorato in psicologia e nel libro sono contenuti molti pensieri, tutti trattati superficialmente e, in ogni caso, quel genere di riflessioni non sono consone a un libro del genere. Non sono riuscita a connettermi con l'autrice. Detto in modo brutale, non sono riuscita a provare pietà per lei, anche perché, verso la fine, la Marzano scrive "Io non ero anoressica, io avevo fame, sono molto golosa". La frase è molto contraddittoria, quindi avrei voluto leggere il perché a quel punto non mangiava, sebbene il suo stomaco brontolasse, cosa la frenava, cosa temeva. Invece no, non c'è scritto nulla di tutto questo, non c'è scritto nulla a proposito di quello che un libro su un disturbo alimentare dovrebbe trattare. Ci sono molte sfumature dell'anoressia e ci sono molti sintomi a lei collegati, non soltanto il peso scarso dell'affetta, in questo libro non viene trattata nemmeno la malattia della Marzano! Vi consiglio "Alla fine di lungo inverno" di Emma Woolf, è con quella testimonianza che ho aperto gli occhi.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,92/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(7)
4
(1)
3
(2)
2
(3)
1
(0)

La recensione di IBS

“Peso”, “pesante”, “pesare”
Per anni, ho fatto di tutto per diventare leggera come una farfalla. E ci sono quasi riuscita. In termini di chili, s’intende. Perché per il resto, la vita è stata spesso “troppo pesante”. È stato pesante dover essere la più brava. È stato pesante cercare sempre di adattarmi alle aspettative altrui.


Michela Marzano, affermata filosofa, sceglie in questo testo di abbandonare saggi e scritti per raccontarci la storia della sua vita. Giovane donna appena quarantenne, affermata docente all’università di Parigi, decide in queste pagine di narrare l’esperienza che ha più profondamente segnato la sua vita, il passaggio attraverso una malattia: l’anoressia. Michela racconta della sua infanzia, delle promesse di una mamma che troppo presto si è allontanata, delle assenze. Descrive i tempi della scuola media e le prime attenzioni. Poco importa se sono quelle di un uomo di quarant’anni, di uno dei suoi professori. Non fa niente, purché facciano sentire importanti. Perché “Vuol dire che esisto. Che non sono trasparente”.
A questi seguono gli anni del liceo, i pianti per i compiti di latino non perfetti, della sua continua ricerca della perfezione, degli studi per vincere il concorso alla Normale di Pisa.
L’impegno per andare via di casa, a tutti i costi, unico modo per sfuggire al fallimento, per dimostrare di essere la più brava, per costringersi e sforzarsi di essere la migliore, per essere la persona perfetta che suo padre voleva che fosse e per soddisfare le aspettative degli altri.
“Peccato che, nel frattempo, avessi cominciato a sentirmi in colpa quando mangiavo.
E peccato che nel giorno della sua laurea il suo peso fosse di appena 35 chili: “Le ossa appuntite. I capelli corti corti.” perché aveva iniziato a perderli.
Nel suo impegno esclusivo per raggiungere la perfezione e ottenere successi, ci racconta anche delle punizioni per ogni cibo ingerito, del calcolo ossessivo delle calorie assunte a ogni porzione di torta e il conteggio delle vasche in piscina per poi smaltirle tutte.
Michela riesce a offrire una testimonianza sincera delle fragilità di una giovane donna, del desiderio di attenzioni, della sua silenziosa richiesta di aiuto. E ci mostra anche il coraggioso cammino per affrontarle, quello che ha percorso lei, nel corso degli anni, per sconfiggere la malattia e il senso di disperazione e inadeguatezza: le sedute dall’analista, i gruppi di mutuo aiuto, le difficoltà. Fino al giorno in cui ha detto basta. Basta “onnipotenza”, basta perfezione.
Il giorno in cui ha iniziato ad acquisire consapevolezza di ciò che davvero l’avrebbe aiutata nel suo percorso: riconoscere i propri limiti, le proprie paure, le proprie sofferenze. Guardarle e accettarle, perché non tutto può essere controllato, perché le sconfitte, “gli imprevisti, le delusioni, i tradimenti… fanno tutti parte della vita. Capita. Succede”.

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Michela Marzano

1970, Roma

Michela Marzano vive a Parigi dal 1999, dove è arrivata dopo un dottorato di ricerca in Filosofia alla Normale di Pisa con Remo Bodei. A 36 anni ha ottenuto l'abilitazione come professoressa universitaria, e attualmente è direttrice del Dipartimento di Scienze Sociali (SHS - Sorbona) e professore ordinario di filosofia morale presso l'università Paris Descartes.Fra gli ambiti di ricerca di cui Marzano si occupa o si è occupata, ricordiamo quelli del corpo e del suo statuto etico, l'etica sessuale e l'etica della scienza medica, la filosofia morale specialmente in relazione alle sue implicazioni teoriche nelle norme di comportamento.Dirige una collana di saggi filosofici per le Edizioni PUF.Fra le sue pubblicazioni in italiano ricordiamo Straniero nel corpo. La passione...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore