World Gone Mad

Supporto: Vinile LP
Numero dischi: 2
Etichetta: Suicidal Records
Data di pubblicazione: 30 settembre 2016
  • EAN: 5060243328281
Disponibile anche in altri formati:

€ 31,50

Venduto e spedito da IBS

32 punti Premium

Disponibile in 4/5 settimane

Quantità:
Descrizione

‘World Gone Mad’ è il primo album dei Suicidal Tendencies con il leggendario Dave Lombardo alla batteria. L’ex Slayer, tra i batteristi più influenti della storia, è ora un membro ufficiale dei Suicidal Tendencies e la forza trainante del nuovo disco di Mike Muir e soci. Oltre a Dave Lombardo la nuova squadra dei Suicidal Tendencies vede in formazione anche Ra Diaz al basso e Jeff Pogan alla chitarra. ‘World Gone Mad’ è un ritorno in grande stile per i Suicidal, uno dei loro migliori album di sempre ed esattamente quello che ogni fan di Mike e soci si aspetta. 11 canzoni in pieno stile Cyco con un incendere brutale pieno di groove.

Disco 1
  • 1 Clap Like Ozzy
  • 2 The New Degeneration
  • 3 Living For Life
  • 4 Get Your Fight On!
  • 5 World Gone Mad!
  • 6 Happy Never After
  • 7 One Finger Salute
  • 8 Damage Control
  • 9 The Struggle Is Real
  • 10 Still Dying To Live
  • 11 This World

"Con che approccio si dovrebbe ascoltare un disco cosi?? Tenendo conto dell’anno in cui siamo? Perche? questa, come altre facce del metal — che sia crossover o hardcore come nel caso dei Suicidal Tendencies — , sopravvive grazie a uno zoccolo duro di irriducibili, legati alla stessa estetica da 30 anni. Un codice preciso, quello dei Suicidal, fatto di batterie frenetiche, basso slappato come nemmeno la sigla di Seinfeld, assoli leggendari, ma anche un merchandise sempre aggiornato. Fortuna che nessuna di queste pippe mi ha colpito, facendomi apprezzare il disco per quel che e?: un capriccio ben riuscito di Mike Muir, che ha sfoltito l’organico rinnovandolo con un nuovo basso, chitarra ritmica e Dave Lombardo degli Slayer alla batteria. Smaltita la deriva funk, si torna a blastare come ai vecchi tempi, quando Mike era il ragazzo “vivace” del Santa Monica College. " Voto 3/5


Recensione di Claudio Biazzetti