L' abisso di Eros. Seduzione - Matteo Nucci - ebook

L' abisso di Eros. Seduzione

Matteo Nucci

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 443,23 KB
Pagine della versione a stampa: 283 p.
  • EAN: 9788833311869
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 9,99

Punti Premium: 3

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
Fai un regalo

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

«Chi ama davvero non può che essere riamato». «Chi ama davvero ama per sempre». Stanno così le cose o queste due leggi dell'amore non sono altro che un sogno cui tutti vorremmo credere? Dobbiamo tornare molto indietro nel tempo per trovare una risposta. Sono storie famosissime quelle che possono aiutarci. Elena e Menelao; Pericle e Aspasia; Saffo e le sue ragazze; Socrate e i suoi ragazzi. Tutti i grandi amanti dell'antichità seppero conquistarsi amori eterni. Quale fu il loro segreto? In un libro in cui lo studio e i racconti si uniscono al viaggio nei luoghi dove tutto accadde, Matteo Nucci narra la potenza invincibile di Eros, il dio oscuro delle origini, maschile e femminile assieme, capace di squarciare il petto di coloro che incontra pur di penetrarne l'anima e sovvertire ogni regola. Scopriremo che, con inarrivabile chiarezza, i greci - poeti e filosofi, narratori e storici, scienziati e politici - seppero cogliere l'irresistibile potere della forza che come nessun'altra può muovere gli esseri umani, costringendoli a calarsi nelle loro profondità abissali. Soltanto Eros infatti riesce a spingere tutti noi alla ricerca inesauribile di quella sconcertante bellezza che ci fa tremare le gambe. Una bellezza che solo chi sa arrossire e provare vergogna può cogliere. La bellezza che brilla quando siamo noi stessi. E che, proprio per questo, unica può renderci felici.
5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Beatrice

    07/03/2019 15:06:43

    Dopo un incipit disorientante, forse per metterci alla prova, il libro risulta di una bellezza strepitosa. Bisogna essere pronti ad affidarsi ad una narrazione sapiente che parla alla mente e al cuore: i miti, la lirica arcaica, la filosofia alla ricerca della forza vitale di eros. Siamo accompagnati dall'autore dentro la Grecia di ieri e di oggi, i suoi paesaggi, i musei, dentro le parole dei testi. Un saggio narrativo che affascina e seduce, che innalza la parola a vette altissime e che dà vita ai classici del pensiero e della cultura.

  • User Icon

    Cristina

    13/02/2019 03:58:19

    Benché il fascino iniziale non rimanga proprio invariato fino all’ ultima pagina, indubbiamente l’ autore mostra una straordinaria sensibilità per i miti, una straordinaria capacità descrittiva ed una straordinaria abilità esplicativa. Con un linguaggio piano e limpido (di cui confesso di non approvare le forme moderne del tipo “eppoi” invece di “ e poi”), ci fa letteralmente vedere luoghi che non sempre già conosciamo, vivere tempi lontani e diversi, percepire storie con un modo di pensare tanto diverso dal nostro, restituendo ai miti (ridotti oggi talora a favolette stereotipate) la loro forza primigenia e suggestiva.

  • Matteo Nucci Cover

    Ha pubblicato saggi su Empedocle e Platone e ha curato una nuova edizione del "Simposio di Platone" (Einaudi, 2009). Collabora con 'Il Venerdì', con 'La Repubblica XL' e "Il Messaggero'. Suoi racconti sono apparsi sul Caffè illustrato e su Nuovi Argomenti. "Sono comuni le cose degli amici" è il suo primo romanzo, pubblicato da Ponte alle Grazie nel 2009, selezionato nella cinquina dei finalisti al Premio Strega 2010.Nel 2013 è uscito "Le lacrime degli eroi" (Einaudi). Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali