Ah l'amore l'amore - Antonio Manzini - ebook

Ah l'amore l'amore

Antonio Manzini

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 933,76 KB
Pagine della versione a stampa: 352 p.
  • EAN: 9788838940361

nella classifica Bestseller di IBS Ebook

Salvato in 43 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Una nuova indagine per Rocco Schiavone costretto ad indagare da un letto di un ospedale per un caso di malasanità. E intanto il vicequesto ha quasi cinquant’anni, certe durezze si attenuano, forse un amore si affaccia. Sullo sfondo prendono più rilievo le vicende private della squadra. E immancabilmente un’ombra, di quell’oscurità che mai lo lascia, osserva da un angolo della strada lì fuori.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,75
di 5
Totale 16
5
12
4
4
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Non delude mai

    23/01/2020 17:33:20

    Pur essendo l’ultimo di una lunga serie il livello resta altissimo. La storia è avvincente e la scrittura limpida e leggera ti consente di goderti la lettura. Letto in una giornata, sto già aspettando con impazienza il prossimo.

  • User Icon

    Luca

    21/01/2020 15:36:35

    Altro riuscitissimo episodio della serie Rocco Schiavone. Manzini si conferma come il più accreditato successore del maestro Camilleri (con tutte le differenze del caso) tanto per quanto riguarda Sellerio che la sempre più seguita serie TV.

  • User Icon

    Apache

    20/01/2020 17:19:17

    Sintassi corretta e chiara, capacità descrittiva intatta, introspezione coinvolgente. La storia reggerebbe anche senza una trama gialla, ma concordo con chi sostiene che non può essere una prima lettura per chi non segue abitualmente Schiavone. Manzini è bravo

  • User Icon

    rita

    20/01/2020 14:59:49

    Manzini irraggiungibile, ennesima prova di una scrittura avvincente! Sento già la mancanza di Rocco! Superlativo!

  • User Icon

    Mattia

    20/01/2020 10:48:49

    Buon seguito per le avventure di un eclettico vicequestore questa volta ricoverato ma pur sempre operativo.

  • User Icon

    Massimo

    19/01/2020 16:42:08

    un canto corale in una indagine su un omicidio per avidità e denaro; attorno a Schiavone con grande equilibrio e senso del ritmo la squadra che conosciamo, la solita città sabauda con i suoi riti e i suoi misteri e l'inquietudine di Rocco, la sua straordinaria capacità di inseguire il crimine, di leggere il male, ma anche l'incapacità o l'impossibilità di non farsi sporcare dal male e dalla violenza.

  • User Icon

    maxfertonani

    19/01/2020 07:30:58

    Fantastico, come tutti gli altri. Peccato dover aspettare un'anno per il prossimo. A presto Rocco...

  • User Icon

    Rosalia

    19/01/2020 07:21:43

    Non c'è niente da dire: Manzini è sempre Manzini. A differenza di altri "giallisti" italiani, non dà segni di stanchezza o ripetitività. Unico difetto: si legge troppo velocemente. Ho dovuto faticare per non finirlo in un giorno.

  • User Icon

    lolama

    17/01/2020 23:24:46

    le storie personali dei collaboratori, il delitto, Schiavone malmesso sia fisicamente che psicologicamente, come al solito riesce a capire e risolvere quanto è successo. Mi è piaciuto e leggere Manzini è anche divertente

  • User Icon

    Rita

    16/01/2020 10:21:58

    Leggere Manzini è un regalo che ti fai, Schiavone è un amico ombroso,caustico, adorabile, un pochino invecchiato: insomma reale. Scorrevole con quelle battute che ti strappano la risata. e anche molto realistico. Si capisce che mi è piaciuto?? Un solo neo : quando il prossimo?

  • User Icon

    massimo r.

    14/01/2020 18:55:30

    Il solito Manzini che non tradisce. Ho solo due osservazioni : sarò controcorrente, ma non trovo Giallini l’attore giusto nel ruolo di Rocco nella versione tv. E poi penso che la faccenda Baiocchi dovrebbe finalmente arrivare a conclusione...

  • User Icon

    Fabio S.

    14/01/2020 15:50:23

    Manzini, per chi lo conosce, è ormai una garanzia, assieme a Rocco Schiavone. Un giallo strutturato perfettamente, come sempre, con piacevoli intermezzi di vita privata dei vari comprimari ad alleggerire un tema, come la malasanità, che ci tocca da vicino, come tocca il vicequestore alle prese col tentativo riuscito solo in parte di acclimatarsi in un reparto d'ospedale, troppo stretto e legato a regole per essergli congeniale. Ad ogni modo è un libro che si divora velocemente e, conclusolo, già si sente la nostalgia di una nuova avventura. Ormai è impossibile non legare l'immagine di Giallini a Schiavone e, in queste pagine, li ritroviamo entrambi, perfettamente calati nella loro parte, con tutte le caratteristiche che hanno reso Rocco un amico-nemico. Storia per buona parte ambientata all'ospedale, senza peccare di claustrofobia. Caso non troppo articolato o difficile, con rare svolte inaspettate, se non nel finale imprevedibile. La prosa di Manzini resta fluida ed è fondamentale per poter apprezzare appieno la vita del vicequestore romano. Ad ogni modo storia, da leggere dopo le precedenti della serie, pena il rischio di perdere riferimenti importanti o rovinarsi il finale degli altri libri. Consigliato a chi si è innamorato di Schiavone e vuole seguirlo ancora, sapendo cosa aspettarsi (il meglio); sconsigliato a chi non ama gli antieroi e non ha mai letto prima Manzini.

  • User Icon

    Andrea V.

    14/01/2020 09:47:10

    Ben scritto come tutti i libri di Manzini. Avevo letto solo i suoi racconti brevi, e questo libro ne conferma le capacità: appassionante, divertente e coinvolgente. Da leggere!

  • User Icon

    Nicoletta

    12/01/2020 14:51:11

    Manzini non delude neanche questa volta! Letto tutto d'un fiato! Bello!!!

  • User Icon

    Manu

    12/01/2020 12:43:45

    Antonio Manzini con questo nuovo romanzo ha superato se stesso. Semplicemente eccezionale, l‘ho letto tutto d‘un fiato. Da leggere assolutamente. A quando il prossimo?

  • User Icon

    mary

    03/01/2020 09:24:59

    attendevo con ansia una nuova avventura di Rocco, ed eccola

Vedi tutte le 16 recensioni cliente
  • Antonio Manzini Cover

    Attore e sceneggiatore, romano (allievo di Camilleri all'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica), ha esordito nella narrativa con il racconto scritto in collaborazione con Niccolò Ammaniti per l'antologia Crimini. Del 2005 il suo primo romanzo, Sangue marcio (Fazi).Con Einaudi Stile libero ha pubblicato La giostra dei criceti (2007).Un suo racconto è uscito nell'antologia Capodanno in giallo (Sellerio 2012).Del 2013, sempre per Sellerio, ha pubblicato il romanzo giallo Pista Nera. Secondo episodio della serie: La costola di Adamo (Sellerio 2014).Nel 2015 pubblica Non è stagione (Sellerio), Era di maggio (Sellerio) e Sull'orlo del precipizio (Sellerio). Del 2016 è Cinque indagini romane per Rocco Schiavone (Sellerio). Altri suoi romanzi pubblicati... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali