Categorie
Traduttore: R. Zatti
Editore: Iperborea
Anno edizione: 2004
Pagine: 104 p., Brossura
  • EAN: 9788870911244
Usato su Libraccio.it - € 4,59

€ 7,22

€ 8,50

Risparmi € 1,28 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Tre donne si trovano a condividere una camera del reparto maternità in un grande ospedale. Cecilia, ricoverata d'urgenza per un aborto spontaneo, è profondamente insicura di se stessa e dell'amore del marito, pensa di essere responsabile della perdita del figlio per non averlo desiderato abbastanza. Stina è al decimo mese di gravidanza e trabocca di gioia nell'aspettativa del parto, rallegrando l'atmosfera con la sua vitalità semplice e positiva. Hjördis, giovane e non sposata, ha cercato di abortire ma le cure prestatele hanno salvato il bambino, che lei disperatamente non vuole. Tra le persone che si occupano di loro spicca, per umanità e affettuosa empatia, l'infermiera Brita. La temporanea solidarietà che le unisce le aiuta a capirsi meglio, mentre le loro vite si svelano attraverso piccoli eventi, una telefonata, le visite che ricevono, qualche frase sfuggita involontariamente. Ma non dipende da loro decidere, è la vita a essere protagonista, la vita che le riempie o le abbandona secondo i suoi imperscrutabili disegni. L'atmosfera ovattata del reparto non può proteggerle per sempre e il futuro le aspetta all'uscita dall'ospedale. Ulla Isaksson (Stoccolma, 1916-2000), romanziera di successo in patria, è stata più volte collaboratrice di Ingmar Bergman, che da questa sceneggiatura trasse l'omonimo film pluripremiato a Cannes nel 1958. È un atto di fede nella vita coraggioso e per certi versi disturbante, anche se la caratterizzazione delle tre donne, senza l'apporto delle interpreti, oggi appare troppo datata per coinvolgere fino in fondo.

Consolata Lanza

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Augusto

    25/05/2004 00.09.17

    Bellissima questa sceneggiatura del film di Bergman, è quasi più gustosa dello stesso film del maestro svedese. Come sempre Bergman entra nella psiche della donna e ne esplora i lati più o meno oscuri. Un piccolo gioiello per gli appassionati di cinema e non.

Scrivi una recensione