Traduttore: M. Giacobino
Collana: Romanzi
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 16 ottobre 2008
Pagine: 563 p., Brossura
  • EAN: 9788879289856
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 17,00

€ 20,00

Risparmi € 3,00 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Gianni

    26/07/2013 11:25:08

    Dopo " Il racconto dell'ancella " questo libro mi conferma la "scoperta" (mia) di una grande scrittrice.Il racconto ti prende da subito e l'autrice oltre a sviscerare bene il carattere di ogni personaggio da Grace al dottor Jordan ecc. ecc. fa una ottima descrizione del periodo storico, la cultura, la religione, lo scontro sociale. Grace, anche se inizialmente analfabeta,religiosa, ma non bigotta si muove in questo contesto sociale riuscendo a sviluppare un proprio, semplice e razionale pensiero al di là dei canoni dell'epoca. Bellissimo.

  • User Icon

    Barbara

    09/11/2011 21:33:00

    Bellissimo romanzo,introspettivo, a tratti lento e descrittivo ma molto intenso. Il personaggio di Grace entra sotto la pelle già dalle prime pagine. Mi è piaciuta molto anche la struttura della narrazione che movimenta e interrompe il monologo fiume della protagonista. La definirei una lettura decisamente femminile.

  • User Icon

    silvia

    01/10/2011 20:48:02

    La protagonista racconta con la chiarezza perentoria delle generazioni passate, per cui la realtà era in un modo oppure in un'altro, senza le vie di mezzo e le sfaccettature che caratterizzano l'epoca attuale, di cui la molteplicità dei punti di vista è affascinante fondamento. Fa comunque piacere e dà sicurezza tornare alla confortante visione univoca delle nostre nonne, alla loro visione semplice ma non per questo meno saggia.

  • User Icon

    chiara

    11/04/2011 02:12:33

    un romanzo pazzesco (per restare in tema..). coinvolge fin dalle prime pagine, la trama è avvincente, i personaggi sono delineati magistralmente, lo stile è fluido e ricco allo stesso tempo. il tutto basato su una storia vera (romanzata qua e là) con tanto di articoli di giornale e testimonianze dell'epoca che non fanno altro che incrementare la curiosità. lo consiglio vivamente: è un romanzo da non perdere.

  • User Icon

    Isa

    22/03/2011 17:14:03

    Bello, coinvolgente e appasionante!

  • User Icon

    Libricciola

    03/12/2009 11:22:46

    Meraviglioso romanzo corale. La storia è avvincente e molto toccante, la scrittura impeccabile e mi è piaciuto moltissimo l'aggiunta, all'inizio di ogni capitolo, di stralci degli atti processuali, brevissimi articoli di giornale, rapporti medici. Grace è una figura enigmatica ma molto affascinante...Non mi è piaciuta invece la figura del dottore, perchè non si capisce mai a cosa stia pensando e non prende mai una posizione decisiva. Ottima lettura, davvero, mi rincresce di non aver mai letto prima Margaret Atwood.

  • User Icon

    Lucia

    25/03/2009 16:29:56

    Ottima ambientazione, scorrevole, si tratta sicuramente di una buona lettura. L'altra Grace e' un romanzo al femminile nel senso che protagoniste sono donne. Le figure maschili, pur avendo la loro importanza ai fini dello svolgersi della vicenda, non hanno quello spessore (credo volutamente) che assumono quelle femminili, prima di tutte quella del dottor Simon Jordan, preso com'è a districarsi tra l'acume e l'esperienza di Grace, i propri ormoni, quelli della sua padrona di casa e le "premure" materne che alla fine prevarranno.

  • User Icon

    Cesare Legramanti

    13/01/2009 09:19:03

    Giusto una nota sulla nuova edizione di un romanzo grandioso. Nell'edizione originale, come ovviamente nella versione italiana, il testo è diviso in parti. Queste parti sono intitolate con i nomi di motivi di trapunte tradizionali dell'Ontario. Baldini e Castoldi aveva a suo tempo (nella I edizione italiana) riprodotto graficamente tali motivi, che non costituiscono un mero vezzo estetico o un banale elemento decorativo, ma contribuiscono a fornire al lettore il sapore "casalingo" e l'atmosfera di semplicità (e sospettosa crudeltà) rurale della provincia dell'Upper Canada. Inoltre, i temi delle trapunte rappresentano legami evidenti con il contenuto narrativo delle parti stesse e suggeriscono possibili riflessioni sul tema dell'intreccio, del plot narrativo, della trama appunto. Mi accorgo con stupore che questa nuova edizione non prevede questi motivi grafici. Come è possibile? Come fa il lettore a sapere che quei titoli sono motivi di trapunte tradizionali se non vede i disegni? Considerato che la stessa Atwood sembra accreditare molta importanza ai motivi delle trapunte, citando diversi testi da lei e dalle sue collaboratrici consultati, proprio nella pagina dei ringraziamenti inclusa per esteso nella vostra edizione - mi sono permesso di farvi partecipi di questa mia perplessità. La casa editrice ha ignorato una mia lettera in merito.

  • User Icon

    ELENA

    05/12/2008 17:29:52

    Non posso aggiungere nulla a quello che hanno detto gli altri lettori (qui e nei commenti alla precedente edizione). M. Atwood mi era sconosciuta e solo casualmente ho "scoperto" questo libro, leggendo una recensione in un quotidiano locale che nn leggo mai(inoltre, in libreria era nascosto, e messo a 10 cm d'altezza dal basso! Ma dico cm si fa a nascondere un libro così?!...... e lasciare in bella mostra tutta una serie di libri di serie Z!)

  • User Icon

    maria cristina aschieri

    23/11/2008 11:33:28

    Una vicenda attinta dalla cronaca nera dell’ottocento, osservata da un punto di vista femminile e femminista, che tuttavia, per la crudezza degli avvenimenti narrati e la sobrietà dello stile, incontrerà sicuramente anche il favore del pubblico maschile. L’enigmatica Grace, accusata dell’omicidio dei suoi persecutori, appare agli occhi dell’opinione pubblica nel duplice ruolo di vittima innocente e di calcolata simulatrice, sovrapponendo ingenuità e malizia, astuzia e candore, in un ritratto continuamente cangiante di indecifrabile ambiguità, in cui anche il lettore rimane sospeso fra il giudizio di colpevolezza e quello di assoluzione. Ideale per i nostalgici della buona letteratura inglese dei secoli scorsi, di cui questa storia ci ripropone le intense atmosfere, ricordandoci un po’ le tribolazioni della Mall Flanders di Defoe e un po’ le passioni genuine e brutali del mondo agricolo di Cime Tempestose. Una storia appassionante, ben articolata e ben scritta dalla canadese Margaret Atwood, vincitrice di numerosi premi letterari, che, in un clima di sospensione, ci fa rimanere incollati alle pagine in attesa della rivelazione finale. Ben curato il lavoro di M.Giacobino, che ci restituisce intatta la scrittura fluida dell’autrice, tradotta in un linguaggio verosimile, aderente ai personaggi e all’epoca raccontata. Un ringraziamento alla casa editrice per il lodevole impegno di ristampare un testo da anni ormai introvabile nelle nostre librerie: un ottimo romanzo che emerge dal piatto panorama delle novità editoriali e merita finalmente i soldi spesi.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione