L' assedio. Troppi nemici per Giovanni Falcone

Giovanni Bianconi

Editore: Einaudi
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 537,69 KB
  • EAN: 9788858425602
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Disponibile anche in altri formati:

€ 9,99

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Scaricabile subito

Aggiungi al carrello Regala

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Descrizione
"L'assedio" ci riporta a uno dei periodi più bui della nostra Repubblica, eppure, nonostante tutto, non è la cronaca di una sconfitta: racconta la straordinaria avventura dell'uomo che, con la sua azione, ha segnato il declino di Cosa nostra. A venticinque anni dall'attentato di Capaci, Giovanni Bianconi ricostruisce, attraverso i documenti e i ricordi dei protagonisti, l'ultimo periodo della vita di Giovanni Falcone. Un'indagine nella Storia, che rivela la condizione di accerchiamento in cui si è trovato il giudice palermitano, stretto tra mafiosi, avversari interni al mondo della magistratura e una classe politica nel migliore dei casi irresponsabile. E individua coloro che, nascosti dietro il paravento del «rispetto delle regole», lo contrastarono, tentarono di delegittimarlo e lo isolarono fino a trasformarlo nel bersaglio perfetto per i corleonesi di Totò Riina. «Non vi è dubbio che Giovanni Falcone fu sottoposto a un infame linciaggio - prolungato nel tempo, proveniente da più parti, gravemente oltraggioso nei termini, nei modi e nelle forme - diretto a stroncare per sempre, con vili e spregevoli accuse, la reputazione e il decoro professionale del valoroso magistrato. Non vi è alcun dubbio che Giovanni Falcone - certamente il più capace magistrato italiano - fu oggetto di torbidi giochi di potere, di strumentalizzazioni a opera della partitocrazia, di meschini sentimenti di invidia e gelosia (anche all'interno delle stesse istituzioni), tendenti a impedirgli che assumesse quei prestigiosi incarichi i quali dovevano, invece, a lui essere conferiti sia per essere egli il più meritevole, sia perché il superiore interesse generale imponeva che il crimine organizzato fosse contrastato da chi era indiscutibilmente il più bravo e il più preparato, e offriva le maggiori garanzie - anche di assoluta indipendenza e di coraggio - nel contrastare, con efficienza e in profondità, l'associazione criminale» (dalla sentenza della seconda sezione Penale della Corte di Cassazione. Roma, 6 maggio 2004).

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lorenzo7

    21/11/2018 12:19:17

    Bellissimo libro su Giovanni Falcone che indaga in maniera chiara e diretta sulle trame,le invidie,gli ostacoli che hanno isolato sempre di più il magistrato palermitano fino al tragico epilogo di Capaci.Consigliatissimo.

  • User Icon

    n.d.

    18/07/2018 14:00:29

    Ottimo libro.lo consiglierei sicuramente ad un amico.

  • User Icon

    Giancarlo Lupi

    26/10/2017 11:44:08

    Giovanni Falcone era un uomo solo. Come recita il sottotitolo del volume, egli aveva troppi nemici. Quali? In primo luogo Cosa Nostra, che Falcone portò alla sbarra facendone condannare i capi all’ergastolo. Poi l’area vasta di quanti erano contigui a Cosa Nostra, nel mondo politico e non. In terzo luogo (e verrebbe da dire soprattutto) molti ambienti della magistratura italiana. Falcone aveva svelato la struttura organizzativa di Cosa Nostra, basata su un’unica struttura piramidale di comando, che assumeva decisioni e deliberava i delitti e su regole interne inderogabili. Egli intuì che il contrasto alla mafia necessitava di metodi nuovi e di una Procura (e di un procuratore) nazionale antimafia, nella quale confluissero e fossero centralizzate tutte le indagini fino ad allora segmentate. Ma gran parte della magistratura ritenne che la Superprocura avrebbe ridotto il “potere diffuso” di indagine dei singoli magistrati e sarebbe diventata “un Cavallo di Troia per mettere in discussione l’autonomia e l’indipendenza della magistratura e l’obbligatorietà dell’azione penale”. Di qui la diffidenza del mondo magistratuale verso Falcone, cresciuta dopo che egli divenne Direttore generale degli Affari penali quando ministro della Giustizia era il socialista Martelli, in un governo guidato da Giulio Andreotti. Il libro di Bianconi offre tanti spunti che meriterebbero di essere raccolti. Ma, alla fine della lettura, resta un interrogativo: dietro la morte di Falcone (e di Borsellino) ci fu solo la mafia? Bianconi non si pone la questione, ma nella “società politica” è stata più volte affacciata l’ipotesi che Falcone sia morto anche a causa di interessi internazionali intenzionati a stroncare alcune sue indagini su casi di grande riciclaggio (come quello legato all’uscita dalla Russia post comunista di ingenti somme di denaro nella disponibilità del KGB, sul quale il Procuratore russo Stepankov aveva chiesto e ottenuto la collaborazione di Falcone).

  • User Icon

    Maxdebe

    11/09/2017 07:17:49

    Un libro biografico che si legge tutto d'un fiato come un romanzo. Un'accurata e coinvolgente ricostruzione della carriera di un uomo che ha cambiato le sorti del nostro paese. Mi ha emozionato dalla prima all'ultima riga. Consigliatissimo.

  • User Icon

    Fernando Orsini

    02/05/2017 12:37:08

    Penso che sia il libro che mancava per spiegare per intero la vita più che la morte di Giovanni Falcone. Giovanni Bianconi, una delle penne più fini del panorama giornalistico italiano, uno scrittore-giornalista di razza che ha consultato migliaia di atti, colma con una scrittura incalzante quella lacuna, smontando pezzo per pezzo molte non verità e smascherando i tanti finti amici dell'uomo più odiato da Cosa Nostra. Non mancano pagine che mettono i brividi, emozionano e commuovono, ma non mancano altre che ti fanno comprendere come Giovanni Falcone sia (insieme a Paolo Borsellino) il giudice più amato da morto e, nel contempo, il più contrastato e perseguitato in vita da diversi poteri dello Stato. Un saggio assolutamente da leggere e che darà un significato particolare al 25* della strage di Capaci.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione